giovedì 27 Gennaio 2022
0.2 C
Venezia

Gli strascichi del Covid: 50 pazienti seguiti dall’Ulss 3 Serenissima

HomeCoronavirusGli strascichi del Covid: 50 pazienti seguiti dall'Ulss 3 Serenissima

Gli strascichi del Covid: 50 pazienti seguiti dall'Ulss 3 Serenissima

Gli strascichi del Covid: quante volte è stato detto che, superata la malattia, gli esiti spesso non spariscono come avviene in una normale influenza. Sono 50 i pazienti che hanno bisogno di essere seguiti dall’Ulss 3 Serenissima dopo l’uscita dal Covid.
Si tratta di una cinquantina di pazienti, per la maggior parte cardiopatici, ipertesi, diabetici, obesi, dismetabolici e nefropatici, che si sono ammalati di Covid-19, che sono stati curati negli ospedali dell’Ulss 3 Serenissima, e che ora frequentano l’Ambulatorio post Covid dell’Azienda sanitaria, messo in piedi ad hoc quattro mesi fa, nell’ospedale di Dolo (Venezia).
Tra i pazienti seguiti, gli uomini sono il triplo delle donne.
Hanno da 20 a 80 anni, e si concentrano soprattutto

nella fascia che va dai 50 ai 70.
Durante le visite il paziente viene sottoposto a tre esami diagnostici: la spirometria, che dimostra la funzionalità respiratoria e rileva danni funzionali ai polmoni; la radiografia, per capire se esiste un danno organico/anatomico; il test Dlco, che permette di determinare la capacità polmonare nello scambiare l’ossigeno tra alveoli e capillari.
Se necessario, viene poi richiesta anche una Tac, per osservare ancora meglio lo stato dei polmoni.
“La risposta dei pazienti che abbiamo visto in questi mesi è stata per la maggior parte molto buona – spiega il responsabile dell’ambulatorio, il pneumologo Accurso Aloi -. A tanti pazienti che erano stati dimessi con l’ossigeno ora lo abbiamo tolto, perché nettamente migliorati. Abbiamo dato prima priorità ai pazienti che per colpa del Covid sono stati in rianimazione, poi a quelli ospedalizzati ma mai intubati”.
Per il dg

Giuseppe Dal Ben “l’Ambulatorio post Covid accompagna chi ha vissuto l’aggressività di questo virus. Oltre a curare e raccogliere dati sui residui che il virus, una volta andato via, ha lasciato nel corpo di questi pazienti, questo ambulatorio diventa il simbolo della nostra presenza nei loro confronti, anche dopo la guarigione dall’infezione. Gli ex pazienti Covid non vengono lasciati soli, ma sono seguiti dopo aver costruito per loro una corsia dedicata, come quella di questo importante ambulatorio”.
Tra gli esiti del Covid rilevati dall’Ambulatorio e dalle due Pneumologie vi sono paralisi della lingua, sindrome di Gulliain-Barré, compromissione respiratoria a lungo termine, insonnia, risveglio notturno improvviso, affaticabilità, ipossemia prolungata.
In alcuni pazienti non c’è stata una completa normalizzazione del polmone, per un’iniziale fibrosi polmonare indotta proprio dal virus.
Nessun asmatico, o affetto da sindrome respiratoria cronica,

si è invece presentato all’Ambulatorio.
La maggior parte di questi pazienti sembra non aver contratto il virus.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Chi volontariamente non si vaccina ruba un pezzo di probabilità di evitare la dissoluzione del genere umano. Lettere

Con la propaganda No-Vax io non riesco a discutere né a confrontarmi perché si tratta di un Extramondo *(una specie di Vandea del XXI secolo)* nel quale non riesco neanche a respirare. La Storia non si muove in senso vettoriale ma circolare...

A Venezia barche solidali (e molti taxi) contro l’obbligo di GP a bordo

A Venezia le barche solidali trasportano gli isolani che non possono salire sui mezzi pubblici. “Aiutiamoci”, e una barca solidale parte dalla Palanca alla Giudecca e attraversa il Canale. Il porto sono le Zattere e i viaggiatori sono persone non vaccinate...

Mestre, “prego biglietto”, tunisino fa il finimondo. Pugni e sputi: colpito anche infermiere del Suem. In tasca il foglio di Via

Tunisino violento da in escandescenze per i controlli anche dopo l'arrivo dei poliziotti.

“Cucina veneziana? Bangladesh. Negozi? Cinesi. Ma quale nostra ‘economia fiorente’ del turismo?”. Lettere

In risposta alla lettera: “Nessun veneziano che conosco tornerebbe a vivere a Venezia”. Ristoranti con cucina veneziana? Cuochi e camerieri Bangladesh. Negozi souvenir? Ancora Bangladesh e/o cinesi. Commesse attività commerciali? Ragazze dell’est Europa, e per piacere non ditemi che i nostri...

Dove si buttano le batterie a Venezia? E un cellulare? Ecco luoghi e orari: è una “ecomobile”

Forse non tutti sanno che a Venezia esiste un' "Ecomobile" acquea itinerante, che raccoglie alcune tipologie di rifiuti urbani pericolosi. Utile, pertanto, ricordarne orari e luoghi, anche perché con l’ora solare, da martedì 9 novembre, sono cambiati gli orari. E’ stata inoltre istituita...

Da lunedì niente mezzi senza Super green pass: la rabbia dei residenti delle isole

Cattive nuove per gli abitanti nelle isole della laguna sprovvisti di Super green pass: da lunedì non potranno salire sui mezzi di trasporto. Vivere in un’isola e non poter salire sui mezzi di trasporto per recarsi al lavoro, andare a scuola, o...

“Vaccini, tamponi e uno squarcio di verità”. Lettere

Questa mattina al Policlinico San Marco di Mestre Sono circa le otto del mattino di oggi, 17 gennaio, quando una donna di settantacinque anni, vaccinata tre volte e altrettante sottoposte al tampone, si reca al Policlinico San Marco di Mestre per un...

L’autopsia dovrà chiarire perché è morto a 31 anni: non si è più svegliato dopo il vaccino

Mattia Brugnerotto è morto il giorno dopo l'iniezione. Si era sottoposto a dose unica del vaccino, andato a letto non si è più risvegliato.

Venezia. Match tra turiste ubriache per la pantegana. Vince l’animalista per ko tecnico alla 1a ripresa

Il video riporta una scena che si è svolta questa notte a Venezia, nello spiazzo dietro Rialto, di fronte al Fontego. Due ragazze, pare inglesi, sono al culmine di una bella serata, a quanto pare anche ben "allegre". Improvvisamente nasce una discordia....

Corre per prendere il battello: infarto a bordo, non c’è niente da fare

Corre per prendere il battello, poi per l'imperscrutabile evolversi di quell'equilibrio precario che è lo stato di salute di ognuno, ha un attacco e, purtroppo, muore. Luciano Molin, 67 anni, è deceduto ieri a bordo di un battello dell'Actv. Attorno alle 15 l'uomo,...

Festa riuscita? Ve la racconto io la festa: un Rave in via Garibaldi. Lettere

Gentile direttore, vorrei sapere perché tutti contribuiscono a portare avanti questa farsa degli eventi in sicurezza quando invece è solo un'attività di facciata. Situazione di questa notte: un esercito di agenti a controllare che i residenti si posizionassero diligentemente entro gli spazi...

Guide turistiche abusive a Venezia: giusto multarle, ma chi vuole essere in regola che possibilità ha?

In questi giorni sono state sanzionate molte guide turistiche abusive a Venezia, ma vediamo anche l’altra faccia della questione: per chi volesse lavorare in regola, dopo una laurea sudata e successivi studi, da anni ormai non ha alcuna possibilità di abilitarsi. Sono...