11.9 C
Venezia
sabato 27 Novembre 2021

Stop ai “figuranti in costume” e alla domanda di soldi per strada

HomeVenezia cittàStop ai "figuranti in costume" e alla domanda di soldi per strada
la notizia dopo la pubblicità

Venezia: il sindaco emana due ordinanze di divieto, a tutela del decoro e della sicurezza in città

Stop ai "figuranti in costume" e alla domanda di soldi per strada

Continua l’operazione di tutela del decoro e di contrasto del degrado messa in atto dall’Amministrazione comunale: il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, ha firmato le ordinanze 851 e 852 che vietano sia l’attività di “figurante in costume” che l’attività di raccolta firme e fondi in forma itinerante nella Città antica. Decisioni prese dopo un’ attenta analisi dei due fenomeni, congiunta con tutte le Forze dell’Ordine, che dimostrano di avere importanti ripercussioni a livello di gestione dei flussi pedonali nella città storica.

“Un ulteriore segno di attenzione verso la Città di Venezia per contrastare gravi ripercussioni alla vita dei cittadini e dei visitatori. Con queste due ordinanze – commenta il sindaco Luigi Brugnaro – andiamo a vietare un malcostume in un territorio, come il nostro, dove è massiccia la presenza di turisti. Basta quindi con la raccolta di firme e soldi da parte di sedicenti associazioni che stazionano lungo le calli senza permessi e soprattutto basta con l’indecoroso spettacolo di mascheranti, che nulla hanno a che fare con la storica tradizione culturale veneziana, che spesso diventano reale minaccia nei confronti dei passanti e dei malcapitati turisti. Attività che, spesso, nascondono veri e propri racket. Entrambe le Ordinanze sono state pubblicate all’Albo Pretorio del Comune di Venezia ed avranno validità per 120 giorni. ”

É emerso infatti come, nelle aree maggiormente interessate dai flussi turistici, ci sia la costante presenza di soggetti, appartenenti a strane “associazioni”, dedite alla raccolta di firme, di solito contro la droga, e alla raccolta di fondi per finanziare l’attività delle organizzazioni stesse. Un fenomeno che, purtroppo, da anni si presenta in tantissime città italiane, ma che a Venezia crea intralcio alla circolazione pedonale soprattutto quando questa raccolta, itinerante per la Città, staziona in ambiti ristretti come le calli o i punti di intenso passaggio turistico. Per questo motivo e, proprio con l’avvicinarsi delle Festività natalizie e del Carnevale, si è stabilito di vietare l’attività di raccolta firme e fondi per evidenti ragioni di tutela del decoro e della vivibilità urbana in tutto il territorio del Centro Storico. Un eventuale permesso potrà comunque essere concordato con i responsabili delle organizzazioni impegnate in questo tipo di raccolta firme e fondi, solo se questa sarà svolta in luoghi e in orari predefiniti e precedentemente autorizzati, attraverso l’ottenimento della concessione comunale per l’occupazione temporanea del suolo pubblico. Non ci sarà più la raccolta “selvaggia”.

Tutela del decoro della città che fa da fondamento anche all’altra ordinanza firmata dal sindaco che in questo caso vieta nella Città antica di Venezia, compreso piazzale Roma e isola Nuova del Tronchetto, l’attività di “figurante in costume” mediante l’utilizzo di maschere ed altri costumi non riconducibili alla tradizione storica, culturale e carnevalesca della Città. Persone che, dedite a farsi fotografare o filmare, attirano l’attenzione di turisti di passaggio con l’obiettivo di raccogliere denaro in forma di offerta, a volte, in modo insistente e minaccioso.

“Continua la nostra azione per ridurre le forme di degrado in città – conclude il sindaco – un pressing continuo per garantire alla cittadinanza la piena fruibilità e vivibilità del territorio, assicurando decoro e sicurezza.”

I contenuti dei due provvedimenti saranno poi recepiti nel nuovo Regolamento Comunale di Polizia Urbana che è in corso di aggiornamento.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Nata Cassa Mutuo Soccorso per sostenere operatori sanitari che resistono al vaccino

Riceviamo e pubblichiamo. E' NATA LA CASSA DI MUTUO SOCCORSO , per sostenere ECONOMICAMENTE UN OPERATORE SANITARIO IN LOTTA CONTRO UN SOPRUSO, la sperimentazione vaccinale del decreto legge 44 art 4, che impone un vaccino che vaccino fino al 2023...

A Venezia turisti come prima della pandemia “Necessari trasporti adeguati”

"Venezia è ai livelli pre-pandemia di turisti: biglietterie, bus, pontili, vaporetti pieni, i lavoratori devono tornare a condizioni normali"

Studiare a casa? Un orizzonte che ci riguarda. Di Andreina Corso

Quanti bambini, quanti ragazzi sognerebbero di non andare a scuola, di studiare a casa, magari supportati dai genitori, se non devono andare a lavorare, dai nonni, dagli amici, dai vicini, guidati dai loro interessi nella scelta degli argomenti che più li...

Escort: quello che i veneziani vogliono. I racconti di Silvia, escort di Venezia

Chi sono i clienti delle escort a Venezia? Lo racconta una delle prime escort in classifica del sito di Escort Advisor, il primo sito di recensioni di escort in Europa. Silvia di Venezia, che esercita la professione nella città lagunare da...

Plateatici liberi a Venezia, ma mia madre non riesce più a passare. Lettere

Gran parte della città comprende e approva la delibera comunale che recita ”I pubblici esercizi possono occupare suolo pubblico anche in deroga alle limitazioni poste dalle norme vigenti, con il massimo della semplificazione amministrativa possibile, fino al 31 Luglio”. Ma la...

Mestre, “prego biglietto”, tunisino fa il finimondo. Pugni e sputi: colpito anche infermiere del Suem. In tasca il foglio di Via

Tunisino violento da in escandescenze per i controlli anche dopo l'arrivo dei poliziotti.

Weekend di sofferenze a Venezia. Alla Celestia visitatori della Biennale opprimono i residenti

L'ultimo weekend a Venezia ha portato un flusso eccezionale di persone. I numeri ufficiali si sapranno più avanti ma per chi abita in città non ce n'è bisogno: la prima settimana estiva ha visto la città assalita da turisti, vacanzieri e...

Incontro cittadino sui plateatici: i tavolini di Venezia al posto originale il 31/12

A fine anno scadono le concessioni che hanno consentito di moltiplicare i plateatici a Venezia, lo ha garantito l'Assessore

Pensioni: cosa vuol dire Quota 102

Pensioni: sembra segnata la strada, e va verso Quota 102. Ma che cos'è "Quota 102" che va a interessare una platea di 50mila persone in 2 anni? Quota 102 (che arriverebbe al posto di Quota 100 che si esaurisce il 31 dicembre) dall'anno...

Jesolo: cani in spiaggia, perché in pochi rispettano le regole? Perché nessuno le fa rispettare?

Come ogni anno, decido di trascorrere qualche giorno di vacanza a Jesolo con la mia compagna e il nostro bimbo di un anno e mezzo. Dato che non abbiamo esigenze particolari, andiamo in spiaggia libera, in modo da avere più spazio...

Un Campagnolo a Venezia: la venezianità vista da un Millennial boy. Lettere

UN CAMPAGNOLO A VENEZIA: la venezianità vista da un Millennial boy Fin dai primi giorni di scuola superiore nel centro storico veneziano, il biglietto da visita da parte dei miei nuovi compagni e compagne di classe è stato questo: -“Da dove ti vien,...

Rialto, turiste entrano per provarsi vestiti, defecano in camerino e si puliscono con i capi da provare

Rialto (Venezia), lunedì scorso, una giornata normale di flusso turistico nella direttrice Campo San Bartolomeo - San Lio nella prima vera apparizione di caldo estivo. Mai la commessa di un negozio di quella via, una giovane veneziana di 24 anni, avrebbe pensato...