Stefano Lucarelli, poliziotto veneziano, al World Games Special Olympics

ultimo aggiornamento: 19/08/2015 ore 19:47

312

stefano lucarelli poliziotto world games olympics

E’ rientrato in questi giorni dagli Stati Uniti il Sovrintendente Stefano Lucarelli, 39enne in servizio all’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura di Venezia, dove ha partecipato all’evento del “Word Games Special Olympics – Los Angeles 2015”, ovvero i giochi mondiali riservati ai disabili.

Il Sovrintendente Lucarelli era stato selezionato dal Comitato Nazionale Special Olympics Italia dopo i giochi nazionali dello scorso mese di maggio, quando, insieme ad altri numerosi poliziotti veneti, era stato uno dei “Torch Runners” della fiaccola olimpica che, nel suo percorso di avvicinamento alla sede delle competizioni, era stata portata dai corridori della Polizia di Stato attraverso tutto il Veneto.


Anche negli Stati Uniti il poliziotto veneziano ha percorso alcune delle tappe con la fiaccola olimpica simbolo della competizione, ma ha anche avuto un altro ruolo, forse ancora più importante: accompagnare e fare da tutore ad uno degli atleti italiani affetti da disabilità che hanno partecipato ai giochi, ovvero Graziano Carrozzo, 48enne spezzino e runner a sua volta.

Un’emozione unica, come Lucarelli stesso afferma, quella di partecipare a questo grande evento, che si è concluso dopo un lungo percorso durato 46 giorni e dopo aver attraversato 50 Stati prima di giungere il 10 luglio scorso in California.

Quasi 2500 chilometri percorsi, dove sono stati impiegati circa 4 mila rappresentanti delle Forze dell’Ordine provenienti da tutte le parti del mondo.


Il poliziotto veneziano, al termine dell’esperienza americana ha dichiarato:

“un’esperienza emozionante, indescrivibile, che per essere compresa deve essere vissuta. Ho la sensazione di svolgere un ruolo prestigioso; da quando sono stato coinvolto nel movimento ho imparato tantissimo dagli atleti diversamente abili, prima di tutto in termini di emozioni e poi in relazione alle gare concepite come una sfida con se stessi. Il loro essere speciale sta nel riuscire a trasmettere sensazioni meravigliose che ti attraversano l’anima, lasciando segni indelebili che ti cambiano la vita per sempre.”

Infine, a coronamento dell’avventura statunitense, il Sovrintendente Lucarelli è stato premiato come migliore rappresentante delle Polizie presenti per i progressi evidenziati dall’atleta disabile nel corso della manifestazione, progressi avvenuti proprio per la costante e proficua assistenza del “tutor” della Polizia.

Redazione

19/08/2015

Stefano Lucarelli, poliziotto veneziano, al World Games Special Olympics

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here