Stefano Esposito, assessore, canta alla radio “Roma squadra di me…”

ultimo aggiornamento: 04/09/2015 ore 06:18

160

stefano esposito canta radio roma merda

Scandalo politico-calcistico. Niente feste o donnine, bensì un assessore, carica di autorità pubblica, juventino, che manifesta tutto il suo tifo-contro calcistico verso la Roma per radio.
Stefano Esposito, assessore, canta in radio “Roma squadra di me…”
Il senatore pd, juventino, ha cantato in radio: «Squadra di me…» e la città si è infuriata con lui.
Subito si scatena sui social, e non solo, una sollevazione popolare.
Stefano Esposito cerca di chiarire: «Ma non ce l’avevo con la città, solo con la squadra di calcio. Ed ho anche parlato bene di Totti…», ma ormai la bomba è scoppiata.
Stefano Esposito, senatore Pd, è un componente chiamato da Matteo Orfini a «rinforzare» la squadra del sindaco che funge da «tutor» alla gestione Ignazio Marino, e certo questa uscita non migliorerà il «caso Roma».
Esposito va ospite alla Zanzara e, in trasmissione, racconta dei suoi trascorsi da tifoso bianconero: «Ero un ultrà, ho fatto anche diverse trasferte, partecipato a delle risse. Le ho più prese che date, ma la sciarpa l’ho sempre tenuta». Ma «Roma me…», quante volte lo avrà gridato? «Eh, tantissime». Il coro, come fa? Gli chiedono. Esposito canta: «E Roma me…, Roma, Roma me…».
L’assessore, nonostante le polemiche, non fa marcia indietro: «Scuse? E perché? Ho parlato del mio passato, di quando avevo 16 anni. Scusate se ho un passato… Capirei se fossi andato alla partita Roma-Juve, domenica scorsa, a gridare Roma me…, ma parlo di cose di 30 anni fa. Non metto più piede allo stadio da quando andai all’Heysel».

Mario Nascimbeni


03/09/2015

Riproduzione vietata


TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here