19.1 C
Venezia
martedì 03 Agosto 2021

Speranzon: “Fuori opere d’arte dai magazzini”

HomeNotizie Venezia e MestreSperanzon: "Fuori opere d'arte dai magazzini"

Speranzon: "Fuori opere d'arte dai magazzini"

Oggi a Ca’ Corner l’assessore provinciale alla Cultura Raffaele Speranzon è intervenuto sul tema “La gestione dei Musei Civici Veneziani”. Queste le sue dichiarazioni: «In questi giorni è in corso al Museo Correr di Venezia una mostra con disegni veneziani provenienti dalla National Gallery of Art di Washington; è da questo fatto che ho preso spunto per alcune riflessioni».

«Noi abbiamo un ricco patrimonio culturale di circa 500 mila pezzi, in parte non ancora censito né catalogato. Cosa aspettiamo a procedere alla catalogazione e alla loro valorizzazione? Abbiamo disegni, sculture, opere d’arte sepolte in depositi e magazzini, e tuttavia vengono periodicamente allestite costosissime mostre attingendo da altre realtà museali».

«Nel 2013 le sale di Palazzo Ducale hanno ospitato la mostra su Manet, e poi il Comune di Venezia è intervenuto stanziando 300 mila euro alla Fondazione Musei Civici di Venezia, ente strumentale, per recuperare il passivo. Siamo in un periodo di tagli e di sempre più scarse risorse economiche; la Fondazione ha una convenzione con il Comune che prevede ogni 6 mesi una relazione sulle attività svolte e un resoconto dal punto di vista sia artistico che economico. In realtà i cittadini, i veri proprietari dei beni della Fondazione, non conoscono le entrate e i benefici delle mostre preconfezionate “chiavi in mano”».

«Penso poi a Ca’ Pesaro, con i circa 500 dipinti, poi ridotti a 300 e ora a circa 160: certo sono cambiate le modalità di esposizione, ma se abbiamo nei magazzini 3 mila dipinti e 3 mila disegni perché non esporli e promuoverli? Perché cedere un piano intero alla gestione di una fondazione americana? Con quali costi per gli allestimenti, i trasporti?E poi mi chiedo, a carico di chi? Con quali vantaggi in termini di presenze? Forse potrebbe essere fatto qualcosa di più e meglio, in modo sinergico, con maggiore trasparenza, investendo per far conoscere, comunicare e promuovere il nostro patrimonio, le nostre collezioni, attraverso la professionalità e la competenza di chi lavora nei nostri musei. Auspico come assessore alla cultura più spazio e attenzione alle collezioni permanenti e maggior chiarezza su costi, ricavi e numeri di visitatori. Facciamo belle mostre con le opere che già abbiamo, rendiamole attraenti mutuando dall’estero l’abilità nel valorizzarle» ha concluso l’assessore Speranzon.

Redazione

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.