Spari all’ospedale di Mestre: Loredana ed Ernesto non volevano essere di peso

ultimo aggiornamento: 21/10/2015 ore 18:33

197

Spari all'ospedale di Mestre: Loredana ed Ernesto

Ernesto Cecchinato ha sparato da distanza ravvicinata, ha ucciso sua moglie, Loredana Pedrocco, perchè così erano d’accordo con tutta probabilità, e poi ha fatto fuoco su di sè.
Chi è accorso subito dopo gli spari ha trovato la donna riversa. Era su una panchina della hall dell’ospedale all’Angelo di Mestre, con il cappello ancora stretto in mano.
Uccisa questa mattina a 90 anni da due colpi di pistola esplosi dal marito, di 95, che poi ha tentato di uccidersi con un colpo alla testa e ora lotta tra la vita e la morte nel reparto di Rianimazione dell’Ospedale dell’Angelo di Mestre.

Loredana Pedrocco ed Ernesto Cecchinato sono arrivati in taxi all’ospedale poco prima delle 10.
Sono entrati nel grande atrio e si sono confusi alle decine e decine di persone presenti per le visite o che dovevano andare nei reparti.
I due si sono seduti in un’area di riposo vicino a delle grandi piante verdi.
Poi, improvvisa, la tragedia.


In tanti hanno sentito i tre colpi di pistola di piccolo calibro, qualcuno ha pensato allo scoppio di petardi.
Sulla panchina e per terra i due corpi esanimi insanguinati.
I soccorsi sono stati immediati, ma per la donna non c’è stato nulla da fare.
L’uomo, invece, è stato portato in terapia intensiva e sottoposto ad un difficile intervento
chirurgico.

Sul posto, per le indagini, è intervenuta la polizia e i primi accertamenti hanno portato alla scoperta di una lettera, pare trovata negli abiti della donna.
Nella lettera parole indirizzate alle figlie, frasi commoventi per chiedere scusa, per ringraziare, per spiegare le ragioni di un gesto che, agli occhi degli investigatori, sembra pianificato.

La coppia non aveva alcun problema economico. La decisione per quello che appare come un omicidio con tentativo di suicidio sembra legata alla volontà di farsi da parte, nel pieno delle proprie forze, prima di giungere alla fine naturale di una lunga vita con la paura nel frattempo di poter essere di peso ai congiunti.


Cecchinato, ingegnere in pensione, attivo nel campo della solidarietà a favore di chi ha meno, ha problemi di cuore. Sarebbe stato operato anni fa per l’installazione di un bypass. La moglie, invece, non avrebbe avuto patologie particolari se non quelle legate all’età avanzata.

I due si erano recati all’Angelo alcune settimane fa per recarsi al pronto soccorso. Stamani non avevano in programma visite mediche prenotate.
Da capire quindi cosa li abbia spinti a scegliere l’ospedale di Mestre quale sede per attuare quello che al momento appare come un piano deciso da tempo.

La coppia, seppure ufficialmente residente nella terraferma veneziana, è domiciliata presso una struttura alberghiera ad Abano Terme (Padova).
In tasca, per quello che forse considerava l’ultimo viaggio, l’anziano aveva portato con sé una pistola regolarmente denunciata: due colpi hanno raggiunto la moglie al torace, un terzo l’ha sparato contro di sé.

20/10/2015

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here