domenica 23 Gennaio 2022
4.9 C
Venezia

Soldi per i trasporti, per il vetro, per Tessera: Venezia respira

Homefinanziamenti per VeneziaSoldi per i trasporti, per il vetro, per Tessera: Venezia respira

Soldi per i trasporti, ma non solo. Provvedimenti economici diversi ingenti alle porte, per affrontare e sostanziare il miglioramento dei mezzi di trasporto pubblico e servizi e favorire una distensione sui conflitti che pesano sui cittadini (soprattutto di quelli che vivono nelle isole), sui lavoratori e l’Azienda.

Si apre a largo raggio l’offerta di 40 milioni di euro spalmata in tre anni (15 nel 2022, 19 nel 2023 e 6 nel 2024), approvata dalla Commissione in Senato, che permetterà di risolvere problemi e questioni che attendono da anni di essere affrontati. Un grazie all’unisono dal Comune di Venezia al Ministro per la Pubblica Amministrazione Renato Brunetta, che ha concretamente operato affinché il trasporto pubblico locale della laguna di Venezia, sia messo in condizione di superare le difficoltà e le divergenze che hanno agitato i lavoratori e creato disagio ai cittadini, protagonisti, loro malgrado, della vertenza in atto.

Si profila quindi una confortante distensione sociale, grazie al titolare del Ministero, ha dichiarato il Sindaco Luigi Brugnaro, affiancato all’assessore al Bilancio Michele Zuin, che molto si è speso per ottenere i finanziamenti. “Dopo due anni di critiche all’amministrazione comunale abbiamo trovato i soldi che serviranno a mantenere l’equilibrio economico nella navigazione, e l’erogazione dei servizi acquei per assicurare il diritto alla mobilità dei cittadini”, ha affermato, ben sapendo che il provvidenziale e ‘sudato’ beneficio è un passo in avanti importante per rendere gestibili le difficoltà del settore.
“Grazie al titolare del dicastero della Pubblica Amministrazione per essere riuscito, a ottenere uno stanziamento di 40 milioni di euro per Venezia, per sostenere il servizio di trasporto urbano locale, in considerazione della sua specificità e della grande sofferenza di Actv (Azienda del Consorzio Trasporti Veneziano) per la riduzione degli incassi legata al calo di turisti e agli effetti della pandemia”.

Si conferma con questo opportuno emendamento il patto simbolico siglato dallo Stato con l’intero Governo della città per il miglioramento dei mezzi di trasporto pubblico che ancora immersi negli effetti della pandemia in salita, abbisognano di adeguamenti e ammodernamento. Il ministro Renato Brunetta giudica l’emendamento “un primo passo per rendere gestibili le difficoltà del settore. Il Governo continuerà a sostenere Venezia, le sue aziende e i suoi lavoratori. Prendo questo impegno da ministro, e da veneziano”.

Altri contributi arriveranno: 5 milioni per il settore del vetro e della ceramica, rinforzeranno a Murano l’arte antica conosciuta e apprezzata in tutto il mondo.
Il Ministero delle Infrastrutture finanzierà i quattordici progetti di fattibilità presentati dalla Città metropolitana per 1,4 milioni di euro attinti dai fondi europei erogabili dal Pnnr. Progetti che riguardano La Cittadella dello Sport di Tessera, lo stadio, la piscina olimpionica e il Palasport, teatro di grandi occasioni internazionali.

È in essere la nascita di un nuovo, grande ferry boat e di due battelli foranei ibridi. Un costo di 20 milioni di euro frutto di un contratto tra il Comune di Venezia e il Ministero delle Infrastrutture sostenibili, che s’inserisce in quella filosofia ambientalista che regola le scelte favorendo la salvaguardia ambientale che dovrà tener conto sempre, nel corso dell’innovazione del trasporto pubblico, dell’inquinamento, del rispetto, della tutela della laguna e della sua vulnerabilità.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Andreina Corso
Cittadina 'storica' di Venezia, si occupa della città e della sua cronaca. Cura gli approfondimenti, è giornalista, insegnante, autrice letteraria, poetessa.

2 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Cominciate a sistemare il pontile di Murano faro che fa pietà!
    Vediamo quanti di questi soldi andranno nelle vostre tasche cari politici.
    Sentite mille volte ste storie, poi la conclusione è sempre la stessa!

  2. Mi perdoni Andreina se smorzo gli entusiasmami: bene i soldi per Actv,, ma…Venezia “respira” con 14 progetti di cementificazione degli ultimi campi di terra di Tessera?
    Io credo piuttosto che soffocherà ( e i dati Arpav lo dicono già da ora…), tra stadio, palasport, strade, parcheggi e linea ferroviaria!
    Inaccettabile, per quanto sportivo io sia: si dovevano bonificare aree di Marghera e utilizzare quei terreni, non cementarne altri ( c’era anche una legge regionale sul consumo del suolo…). O meglio, si dovevano spendere quei soldi per la sanità che annaspa (dopo i tagli di 3 milioni di euro in 10 anni!), per edilizia pubblica (a Venezia non si trovano case per i residenti che non siano miliardari…), per bonifiche a Marghera e della Laguna adiacente…
    E poi sui soldi al vetro ribadisco (e non ho visto retromarce della Regione. Piuttosto ho assistito a forme di “ritorsione” da parte di qualcuno su chi si è lamentato…):
    https://www.lavocedivenezia.it/alle-vetrerie-murano-finanziamenti-aiuti-anche-evasori/
    Per non parlare dei 170 milioni di euro alla Biennale: dov’è lo sviluppo, la ripresa, il lavoro buono e stabile che porteranno quei progetti?
    Solo affari per qualcuno, consumo di suolo, cementificazioni, lavoro prevalentemente a termine per stranieri sfruttatati pur di ottenere l’appalto col ribasso. io penso così, non credo di sbagliarmi e c’è poco da gioire…
    Quando piovono soldi, vanno sempre dagli stessi e magari tra qualche anno ne vedremo molti sotto processo….
    Il MOSE, e non solo, insegna…

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Venezia, gondoliere aggredito da turista perchè lo ha fatto scendere dalla gondola [video]

Venezia, gli anni passano ma le cose non cambiano. La cultura del turista che è convinto di entrare in una città finta, dove tutto è permesso perché "paga", non migliora. Anzi. L'ultimo episodio a dimostrazione di ciò ci è giunto in redazione...

Venezia, gondoliere aggredito da turista perchè lo ha fatto scendere dalla gondola [video]

Venezia, gli anni passano ma le cose non cambiano. La cultura del turista che è convinto di entrare in una città finta, dove tutto è permesso perché "paga", non migliora. Anzi. L'ultimo episodio a dimostrazione di ciò ci è giunto in redazione...

Vaporetti Actv Venezia: torna la Linea 2 fino a Lido

Actv implementa più corse: Linea 2 adesso arriva fino a Lido e ci sono corse supplementari 5.1 2 5.2.

“Venezia ‘Non è ecologica’, si può tranquillamente morire di smog”. Di Michele De Col (*)

Ancora una volta Venezia viene estromessa da qualunque provvedimento contro lo smog : natanti e navi possono continuare ad inquinare nonostante i valori ambientali siano spesso peggiori della terraferma! Chi tutela la salute di veneziani e ospiti in centro storico? Nessuno !

Il Mose funziona ma a Venezia si perdono ‘barene’

Nella Laguna di Venezia l'apporto di sedimenti, che permette alle barene (terre semi emerse con sedimenti spugnosi) di tenere il passo con l'innalzamento del livello del mare, avviene prevalentemente durante eventi dell'acqua alta. Se da un lato l'utilizzo del sistema Mose...

“Controlli Actv alle 7 del mattino per chi va in ospedale, ma non avete altri?”. Lettera

Controlli Actv in motoscafo: controllori alle 7 del mattino due fermate prima di quella dell'Ospedale. Ma volete dirmi che non avete proprio altri o altro da controllare? Settimana scorsa - purtroppo - mi sono dovuta recare per qualche mattina consecutiva all'Ospedale Civile...

A Venezia tutti stipati dentro i vaporetti, e l’intesa ancora non c’è

Venezia, il desiderio di visitarla. Venezia, la sua tenuta, Venezia e la strategia dei trasporti che tenta di dar risposta alle esigenze di spostamento a quanti, veneziani e turisti cercano di raggiungere un vaporetto o un motoscafo, facendosi largo a gomitate...

La strana storia della bambina di tre anni in giro da sola di notte a Venezia

La bimba, tre anni non ancora compiuti, ha attraversato a piedi, di notte, da sola, una parte di Venezia, città certamente bella e romantica, ma anche piena di insidie per una bimba così piccola a spasso da sola.

“Alle vetrerie di Murano 3 milioni, anche ai furbetti, quelli che evadono milioni di euro”. Lettere

In riferimento all'articolo: "Fornaci di Murano ‘salvate’ dalla Regione". Lettere al giornale. Io penso che: …ma come, le vetrerie di Murano vengono finanziate con tre milioni di euro, dopo che più di qualcuna, da quanto leggo su quotidiani locali,   è stata “pizzicata” ad...

“Venezia ‘Non è ecologica’, si può tranquillamente morire di smog”. Di Michele De Col (*)

Ancora una volta Venezia viene estromessa da qualunque provvedimento contro lo smog : natanti e navi possono continuare ad inquinare nonostante i valori ambientali siano spesso peggiori della terraferma! Chi tutela la salute di veneziani e ospiti in centro storico? Nessuno !

Venezia in asfissia: mai così tanti turisti a fine ottobre

Venezia verso alle 11 ha chiuso i terminal di Piazzale Roma e Tronchetto ma fermarsi prima per usare i mezzi ha creato altra congestione

19enne di Pianiga trovato morto a Padova. La disperazione della famiglia. Di Andreina Corso

Un ragazzo muore a 19 anni a Padova, all’interno di un capannone abbandonato poco distante dal Parco delle Mura, frequentato da chi si trova a vivere in strada, a cercare riparo e rifugio per la notte che sembra coprire con una...