Smog, a Venezia diossido di azoto oltre media annua consentita

Il tutto senza che Sindaco e Giunta, a quanto pare, “battano ciglio”

230

Inquinamento, superata soglia PM10: a rischio auto e riscaldamenti

Nonostante il forte vento di bora a 54 km orari di lunedì, a Venezia la centralina di Arpav sembra continui a segnalare picchi di diossido di azoto al di sopra della media annua consentita.

Infatti, nel Rio Novo (canale già tristemente protagonista delle recenti cronache per l’insopportabile quantità di smog, rumori e traffico presenti), martedì si sono registrati comunque picchi di 83 microgrammi/mc (µg/m3).

Dobbiamo confortarci perché sabato il picco era addirittura di 102 µg/m3 , rispetto ai 40 della media annua di legge?

Non di certo, perché sabato la lista nera dei superamenti dellimite di 50 µg/m3 in rioNovo toccava alle polveri sottili (PM 10) che aggiungeva l’ennesimo superamentogiornaliero alla “lista nera” di dette polveri, facendola arrivare a ben 21 sforamenti in soli 73 giorni e contribuendo generosamente ad avviare anche questa parte di Venezia al triste “traguardo” dei 35 superamenti massimi consentiti, tra l’altro a Sacca Fisola già superati, arrivando a ben 52!

Il tutto senza che Sindaco e Giunta, a quanto pare, “battano ciglio”, nonostante la procedura di infrazione della Commissione Europea avviata, gli articoli, le segnalazioni e gli esposti anche del sottoscritto che, nonostante quanto fatto a tutela della salute pubblica e per sollecitare interventi indifferibili, non ha ricevuto ancora alcun riscontro scritto in merito ai provvedimenti richiesti…

Giattanto, la “multa europea” credo la pagheranno sempre e solo i cittadini!

Da Roma invece, sembrano avere, in sostanza, deciso il “nulla” per i prossimi quattro (se basteranno) anni, lasciando passare ancora, in barba alle promesse all’UNESCO, le grandi navi a San Marco, mentre dell’impatto nell’aria conseguente ai progetti di aumento dei voli ed ampliamento dell’aeroporto Marco Polo pare nemmeno si sussurri, come se i motori degli aerei fossero ad idrogeno ed emettessero nell’aria acqua distillata…

Aspettiamo allora che si muovano almeno la Regione e la ULSS,assieme Prefetto e Procura (già sollecitati anche recentemente in merito) e magari anche veneziani e studenti (diretti interessati), se davvero hanno cara la pelle…

Ora o mai più! Venezia è al ormai al capolinea…

O questo, quantomeno, è il mio pensiero.

Prof. Fabio Mozzatto
Venezia

► Inquinamento a Venezia pericolo per la salute. La denuncia del Prof. Mozzatto
► Venezia città fantasma, il Comune dimentica l’inquinamento del centro storico

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here