Signora di Murano respinta dal supermercato per i buoni: la cliente ha ricevuto le scuse

ultimo aggiornamento: 21/04/2020 ore 09:37

3607

Signora di Murano respinta dal supermercato per i buoni: la cliente ha ricevuto le scuse

Finale con lieto fine per la disavventura avvenuta sabato a Murano dove ad una cliente di un supermercato era stato rifiutato, con modi mortificanti, il pagamento con i buoni-spesa del Comune di Venezia. Voucher a sostegno delle persone in difficoltà in questo momento difficile, a causa dell’emergenza covid-coronavirus.

Questa mattina M.R., residente a Murano, ha ricevuto una telefonata da parte dei vertici dell’area commerciale della catena. Il responsabile che chiamava si è scusato subito con la signora per l’accaduto e, a titolo di risarcimento per lo spiacevole disguido, ha offerto alla donna una gift card per ulteriori acquisti nello store. Un gesto di grande disponibilità e attenzione verso i clienti da parte della catena.


Il gentile presente, però, è stato inizialmente rifiutato dalla signora muranese, sia perché non era questo il suo intento quando ha rivelato la vicenda, sia perché non riteneva una cosa corretta che dovessero ‘pagare’ loro per uno sbaglio in cui non avevano responsabilità.

In questa bella – alla fine – storia, il responsabile della catena ha dovuto insistere parecchio finché M.R. acconsentisse a ricevere l’omaggio a titolo di scuse. La donna è stata comunque piacevolmente colpita dalla telefonata, dalle scuse e dal gesto e ci ha confermato di ritenere chiuso e dimenticato lo spiacevole “equivoco”.

La signora ci ha informato subito sui nuovi sviluppi ed ha descritto come molto professionale e gentile il comportamento dei responsabili della catena di supermercati. Noi, che per primi avevamo seguito la vicenda fin dall’inizio, siamo felici per questo, ma soprattutto perché M.R. da oggi potrà fare la spesa ove ritiene più opportuno senza problemi di sorta.


Vorremmo anche aggiungere che sono stati e sono giorni di grande tensione per chi ha continuato a lavorare e lavora continuamente sotto pressione. Fondamentale riconoscere e riparare, e questo fa onore alla catena di supermercati.

(foto da archivio)

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

3 persone hanno commentato questa notizia

  1. Credo di non essere cattivo, mi auguro che la bottegaia venga lasciata a casa, se poi avrà bisogno di elemosina si rivolga pure a mè. Per quel che vale ho visto che a Murano sono presenti due catene di alimentari a valenza nazionale, sarà mia cura non servirmi piu da loro. Cordialità da Giampaolo Penso Spinea.

Please enter your comment!
Please enter your name here