COMMENTA QUESTO FATTO
 

Anni Venti. Quell’atmosfera che solo nei racconti di quell’epoca riesci a percepire. Profumi, balli e abiti inconfondibili, sguardi e amori che si intrecciano: questo è di Viviana Rivero, edito da Giunti.

Parigi, anni ’20. Melisa Loyola è la figlia del sarto più rinomato della città e fin da piccola aiuta il padre a confezionare i costumi di scena dei più importanti teatri di Parigi, come il Moulin Rouge e Les Folies Bergère. I meravigliosi vestiti, le struggenti melodie del tango e il suo innato talento per il canto e il ballo fanno crescere in lei il desiderio di entrare a far parte di quel mondo scintillante. Ma per la sua famiglia e il suo fidanzato è impensabile che lei lavori, tanto meno che si esibisca su un palco. Quando finalmente si presenta l’occasione di realizzare il suo sogno, Melisa non ci pensa due volte, anche se significa mollare tutto e salpare per Buenos Aires insieme a una prestigiosa compagnia teatrale. E se proprio lì, dall’altra parte del mondo, trovasse il vero amore? Melisa non ha mai dimenticato lo sguardo di Nikolai, il giovane e ricco argentino che ha conosciuto a Parigi, così testardo e insopportabilmente affascinante. Quando l’amore arriva, forte e travolgente, che importanza hanno la carriera e i tanti sacrifici fatti? Una storia romantica e appassionante, ricca di avventura e colpi di scena. Il viaggio per la felicità è lungo e pieno di ostacoli, ma niente è impossibile per chi è capace di dire “sì” alla vita.

Era da tempo che non mi capitava di leggere un libro così denso e così immersivo come quello della Rivera. Un’opera che si presenta come una sorta di saga famigliare e che porta il lettore all’interno di un universo ricco di personaggi e avvenimenti che vivono le loro vite sullo sfondo di diversi avvenimenti storici di quegli anni.

Rivera non ci fa incontrare immediatamente la sua protagonista, ma inizia presentandoci l’incontro tra i genitori facendoci, in questo modo, entrare subito in contatto con tutta la famiglia e creando, praticamente nell’immediato, quell’empatia che ci permette di voler bene a questi personaggi fin dalle prime battute.

C’è una melodia che percorre tutto il romanzo , una colonna sonora che sembra fare da sfondo ad ogni pagina e che ci accompagna a passi di tango capitolo dopo capitolo e che ci fa innamorare di una storia che perderebbe il suo fascino se svelassi troppi particolari. Sì perché questo è un romanzo che si dipana tra ricchi colpi di scena e avvenimenti, di momenti struggenti e altri da farvi venire gli occhi a cuoricino, il tutto su uno sfondo che si svolgr tra Parigi e Buenos Aires e che riesce, attraverso una prosa attenta ed intelligente, a riportarci profumi e odori di quei luoghi.

Impossibile non perdersi tra le pagine di questo romanzo che vi farà immergere in atmosfere ormai perdute, facendovi anche sognare ad occhi aperti.

Sara Prian
Riproduzione vietata

 

Riproduzione Riservata.

 
Alice Bianco Sara Prian
Laureate in Tecniche Artistiche e dello spettacolo, sono grandi esperte di cinema e libri. Curano la rubrica di opere letterarie: recensioni editoriali, rassegne e nuove uscite. Sono Editor, Social Media Manager, Copywriter E' possibile contattarle a: pandorarecensioni.vdv@gmail.com

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here