11.1 C
Venezia
sabato 23 Gennaio 2021

Serve un lavoro? Ci penso io, dammi 1000 euro. Smascherati truffatori

Home Città Metropolitana di Venezia Serve un lavoro? Ci penso io, dammi 1000 euro. Smascherati truffatori
sponsor

Serve un lavoro? Ci penso io, dammi 1000 euro. Smascherati truffatori
Continua l’attività repressiva dell’Arma nel campo delle truffe. Nei giorni scorsi è stata individuata e denunciata una coppia del frusinate (V.F. cl.88 e M.A. cl. 62) che, in maniera sistematica ed in particolare utilizzando false generalità e la solita buona dose di “faccia tosta”, attuava truffe particolarmente odiose che facevano leva sull’aspirazione e sul bisogno delle vittime a trovare un posto di lavoro.

sponsor

I militari della Stazione CC di Mirano (VE) hanno svelato i meccanismi frodatori messi in atto dai due truffatori residenti fuori regione, entrambi con numerosi precedenti di polizia per reati specifici, uno dei quali addirittura sottoposto ad una misura di prevenzione di Pubblica Sicurezza, per le ipotesi delittuose di truffa e riciclaggio di denaro.

commercial

Gli accertamenti sono partiti dalla denuncia presentata da una signora residente nel salese che – a fronte di un pagamento di quasi 1.000 Euro per una promessa di assunzione della figlia alle dipendenze di un grande centro commerciale della zona – poi non andata a buon fine, aveva visto sfumare il miraggio dell’impiego a tempo indeterminato della ragazza, capendo di essere stata truffata.

La donna aveva conosciuto il truffatore via chat, dove con falsa identità, dopo aver carpito la sua fiducia – mediante l’ascolto delle confidenze della donna sulla difficoltà di trovare un lavoro stabile per la figlia – le prospettava la possibilità di far assumere la ragazza in un noto centro commerciale, previo avvio ad un corso di formazione a pagamento.

Nei giorni seguenti, infatti, la signora era stata contattata dal fantomatico organizzatore di questi corsi, per il pagamento del “corso” e – effettuato questo – dichiarava che i contratti erano pronti per la firma, ma mancavano i bolli di legge che dovevano essere sempre pagati dall’assumenda.

Versati tutti gli importi su carta Postepay, nessuno si presentava all’appuntamento per la tanto sospirata assunzione: nessun contratto, nessun corso, nessun bollo e soldi spariti.

Gli accertamenti sono cominciati dai riscontri documentali ed una serie di verifiche incrociate, che hanno permesso di identificare con certezza i responsabili dei reati, che sono poi risultati essere autori “seriali” di analoghe truffe su tutto il territorio nazionale.

Le sirene della facile assunzione erano il mezzo preferito dalla coppia, che contattava e circuiva carpendo la fiducia di persone che volevano trovare impiego in questo momento di crisi del mercato del lavoro.

Quindi i due mettevano in opera il raggiro: venivano sapientemente dissimulate le reali intenzioni, presentandosi come bravi e scrupolosi intermediatori, paventando costi per corsi professionali inesistenti ed altri orpelli, ma funzionali all’assunzione e lasciando l’ignaro aspirante con il classico ”pugno di mosche”.

Il denaro così acquisito – mediante ricariche su Postepay poi denunciate come smarrite – veniva quindi rigirato immediatamente grazie a veloci transazioni informatiche su conti correnti bancari di banche on-line con sede sociale all’estero, configurando in questo caso il grave reato di riciclaggio.

Sono in corso ulteriori verifiche da parte degli operanti, per verificare se i denunciati abbiano agito da soli o se facciano parte di un organizzazione più articolata; a tal fine, a fronte dei casi scoperti, è stata acquisita la segnalazione di fatti analoghi, in cui le vittime, non fidandosi di chi avevano di fronte, non hanno aderito alle richieste avanzate.

Qualora dovesse capitare una vicenda simile, si raccomanda pertanto di avvisare tempestivamente i Carabinieri per garantire non solo l’intervento repressivo immediato, ma soprattutto la possibilità che i soggetti possano reiterarlo nel territorio.

I consigli per contrastare lo specifico fenomeno sono i seguenti:

– verificare le generalità e le qualifiche delle persone non conosciute con le quali si contratta;

– evitare di aderire a trattative fatte esclusivamente via web, senza un contatto chiaro con l’acquirente;

– chiedere e acquisire sempre dati di fatto certi, generalità, numeri di telefono, certificati professionali;

– in caso di sospetti, anche velati, di essere vittima di un tentativo di truffa, chiamare comunque il 112 (Numero Unico di Emergenza), anche per un semplice confronto sui fatti o un consiglio: i Carabinieri possono essere sul posto in pochi minuti e smascherare il sospetto truffatore.

25/04/2016

(cod truffami)

sponsor

TEMI PIU' RICERCATI

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

sponsor

Altri titoli

Venezia rialza la testa: si girano tre film

Venezia rialza la testa, al via le produzioni cinematografiche in città. Ciak, si gira. La laguna vuota e semideserta diventa un...

Whatsapp cede dati a Facebook? Fuga di utenti in massa: sospeso tutto per tre mesi

Whatsapp cede i dati a Facebook? Sul punto c'è una gran confusione, dice l'azienda di messaggistica, ma ormai il l'allarme era partito tra i...

Mestre, sabato ore 18: centinaia per lo spritz senza mascherina [video]. Lettere

Mestre, sabato sera: poche ore fa. Il video parla da solo. La segnalazione del lettore questa volta produce le prove incontrovertibili di come (alcuni) giovani se...

“Il Carnevale di Venezia 2021 si farà”: ma come? Tutti gli scenari della kermesse

Tra un paio di settimane avrà inizio il Carnevale di Venezia 2021 mentre aumentano le incognite sulla sua organizzazione. Nel Carnevale 2020 ci fu...

Coronavirus Venezia, curva rallenta. Addio al gestore della Latteria Popolare, 57 anni

Coronavirus Venezia con la curva che rallenta, finalmente. Si spera diventi presto possibile dimenticare i giorni in cui si superavano i 500 nuovi contagi in...

Coronavirus a Venezia arretra. Addio a madre e figlio di Cavallino-Treporti

Coronavirus a Venezia che mostra un arretramento, come un'onda di marea che si ritrae, sperando definitivamente. 135 nuovi casi in 24 ore: un numero significativo,...
commercial

Ospedale Civile: dimessa dal pronto soccorso va a casa a piedi e muore

Ospedale Civile di Civile ancora nelle prime pagine oggi. Una donna, visitata e dimessa dal pronto soccorso, è tornata a casa (con grande fatica) camminando...

Via libera alle crociere. Così il nuovo Dpcm in arrivo. Ultima ora

Via libera alle crociere. Così il nuovo Dpcm in arrivo domani. La norma è contenuta nella bozza del nuovo Dpcm. Via libera a crociere navi italiane. Le...

Oltre 400 daspi a Venezia nel 2020, ritirate 83 patenti

Oltre 400 daspi urbani a Venezia nel 2020. Il Comando generale della Polizia locale di Venezia informa che, in occasione della festività di San Sebastiano,...

È morta Gina Smerghetto, la mamma del falconiere Ivan Busso

È morta ieri, venerdì 15 gennaio, Gina Smerghetto di 65 anni. È scomparsa poco prima della celebrazione del funerale del figlio Ivan Busso, il...

Venezia deserta per il Covid, ecco Rialto di domenica [VIDEO]

Venezia deserta per il Covid, con un video vi mostriamo la zona di Rialto oggi pomeriggio, domenica 17 gennaio 2021. Sono immagini tristi e nel...

L’Isola dei Famosi 2021, i concorrenti: indiscrezioni su 47 possibili naufraghi

Il Grande Fratello VIP non è finito, anzi, ancora non è chiaro quando andrà in onda la finale. Nel frattempo già si parla del...
sponsor

23 persone morte dopo il vaccino in Norvegia. Pfizer: “Incidenti in linea con previsioni”

23 persone morte dopo il vaccino in Norvegia. Di più: la definizione testuale dice: "La Norvegia registra 23 morti 'legate alla vaccinazione' ". L'agenzia del...

Mestre: all’esame di guida manda l’amico, tanto è nigeriano come lui

Mestre: all'esame di guida manda l'amico. Così un terzo si è sostituito al connazionale per sostenere l’esame teorico di guida. Ma è andata male...

Crolla a terra a San Giovanni Grisostomo, malore fulminante

Verosimile malore fulminante a San Giovanni Grisostomo, a Venezia, ieri sera. Un uomo che stava passeggiando è improvvisamente crollato a terra probabilmente colto da un...

Donna dimessa a piedi dal pronto soccorso di notte (poi morta), Lihard: verificare responsabilità

Il Movimento per la difesa della Sanità Pubblica Veneziana è venuto a conoscenza della dolorosa trafila, conclusasi tragicamente, di una signora colta da malore...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

È morto anche il papà del falconiere, Gianni Busso

Nella notte tra lunedì e martedì è morto Gianni Busso, di 72 anni, all'ospedale dell'Angelo di Mestre, dov'era ricoverato dall'11 dicembre scorso per il...
commercial

Veneto prossima settimana in zona arancione o gialla. Zaia: «Sicuramente non rossa»

Sono 1359 i positivi nelle ultime 24 ore in Veneto con l'incidenza dei contagi al 3%. Non avendo più con la nuova circolare la...

Esplode la casa, morti due anziani. Forse colpa perdita Gpl dello stabile

Padova, San Giorgio in Bosco, teatro della tragedia di questa mattina legata agli impianti di riscaldamento. A causa dello scoppio e conseguente incendio nell'appartamento, due...

Chi mi ha chiamato? Di chi è questo numero?

Chi mi ha chiamato con questo numero? Ecco le informazioni sul numero comunicate dagli altri utenti...

Virus, c’è una nuova “variante”. Bloccati tutti voli dal Brasile

Virus, c'è una nuova "variante" dopo quella definita "variante inglese". Altrettanto maggiormente aggressiva e pericolosa? Le uniche cose certe al momento sono che l'Italia ha...

Nuovo Dpcm voce per voce. Zone gialle, arancione, rosse: cosa si può e non si può fare

Nuovo Dpcm voce per voce. E' aperta la scuola? Posso muovermi da casa? Il nuovo Dpcm, ovvero: cosa è consentito e cosa è vietato nell'Italia divisa...

Hanging Challenge e i ragazzini su TikTok si stringono una cinta al collo. Morta bimba di 10 anni

Hanging Challenge è il nome di quest'ultima aberrazione. E' una 'sfida', le chiamano 'challenge', ed è l'ultima arrivata tra quelle lanciate sui social per provocare...
sponsor
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.