COMMENTA QUESTO FATTO
 

Sequestrato appartamento a Jesolo: base per lo spaccio. Proprietaria italiana affittava a clandestini
Sequestrato appartamento a Jesolo: era usato con contratto di affitto fittizio come base per lo spaccio.

Continuano infatti i servizi dei Carabinieri della Compagnia di San Donà di Piave coordinati col supporto dei militari del 4^ Battaglione di Mestre volti al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti e dell’immigrazione clandestina su tutto il litorale Jesolano. Servizi che si intensificano con l’approssimarsi della stagione estive oramai alle porte.

L’obiettivo dei militari è quello di stanare le varie situazioni di irregolarità e di degrado al fine di eliminare i cosiddetti “punti d’appoggio” per coloro che si riverseranno sul litorale al solo fine di vendere sostanze stupefacenti.

Proprio per questo i militari, nella serata di ieri, hanno proceduto al controllo di un appartamento dove era stato segnalato un sospetto via vai di persone di presumibile origine extracomunitaria.

All’interno dell’appartamento sono stati trovati due soggetti extracomunitari ed in particolare uno dei due (B.A.Z., tunisino del 1989) gravato da un recente decreto di espulsione non ottemperato ed inoltre con precedenti di polizia in materia di stupefacenti.

Sono stati scoperti inoltre dei fittizi canoni di locazione stipulati tra la proprietaria G.L., italiana del 62, un cittadino egiziano B.H. del 76 che a sua volta subaffittava, con la complicità della prima, stipulando i suddetti finti contratti, ad altri stranieri irregolari.

Mentre per il clandestino sono state avviate le pratiche per l’accompagnamento coatto ad un centro per il rimpatrio e la conseguente espulsione dal territorio nazionale, per l’italiana e l’egiziano è scattato il deferimento all’A.G. per il reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e poiché davano alloggio al fine di trarne ingiusto profitto a stranieri privi di titoli di soggiorno (non era la prima volta che i militari controllavano degli irregolari presenti in loco) è scattato il sequestro dell’appartamento come previsto dalla normativa in materia, ai fini della confisca (sito nei pressi di Piazzetta Tommaseo).

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here