25.3 C
Venezia
giovedì 29 Luglio 2021

Se uno rifiuta il vaccino, è giusto mettergli limitazioni? Il 50% degli italiani dicono sì

Homerifiuto a vaccinarsiSe uno rifiuta il vaccino, è giusto mettergli limitazioni? Il 50% degli italiani dicono sì

Se uno rifiuta il vaccino, potrebbe non essere più ‘idoneo’ a lavorare con certe categorie di persone? Oppure proprio direttamente con il pubblico? Tando per fare un paio di esempi per istruire il concetto: è giusto mettergli limitazioni?
Gli italiani sono divisi in due sulla questione, il che vuol dire che solo la metà dice ‘no’.
Per il 50% degli italiani è giusto introdurre delle limitazioni per coloro che, non vaccinandosi contro il Covid-19, decideranno di non farlo, mentre il 24,6% non è d’accordo e il 25% è indeciso.
E’ uno dei punti emersi dall’indagine condotta su un campione di oltre 12.300 persone, dall’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas) e la Scuola

Superiore Sant’Anna di Pisa, presentata questa mattina.
In generale la maggiore parte degli intervistati (62,8%) pensa che i rischi legati alla malattia da Covid-19 siano maggiori dei possibili effetti collaterali del vaccino, contro il 15,3% che non è d’accordo.
La ricerca ha analizzato anche le convinzioni degli italiani su alcune delle critiche e dubbi che più spesso si sentono circa i vaccini.
E’ così emerso che per il 25,7% il vaccino contro il Covid-19 è un grande business per le case farmaceutiche e non c’è da fidarsi, contro il 42,3% che non è d’accordo, mentre per il 34,6% è stato sviluppato troppo velocemente per essere certi che sia sicuro ed efficace (contro il 35% che non è d’accordo).
Il 54,1% pensa invece che i vaccini siano tra i prodotti farmaceutici più sicuri, e che sia giusto far vaccinare contro il Covid i propri genitori o familiari anziani (74,2%) appena possibile, o i propri figli (61%).

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.