1.9 C
Venezia
mercoledì 27 Gennaio 2021

La scuola di Renzi è davvero “buona”?, il manifesto critico e stimolante di Sandra Ragionieri Scotti

Home Libri, recensioni e nuove uscite La scuola di Renzi è davvero “buona”?, il manifesto critico e stimolante di Sandra Ragionieri Scotti
sponsor

Cover La scuola di Renzi è davvero buona

sponsor

Proprio in questi giorni verrà approvata o meno, la Riforma della Scuola, tema che da mesi si rincorre nei giornali, telegiornali ed è un po’ sulla bocca di tutti, ma di cosa si tratta veramente? Cos’è il progetto della “Buona Scuola”, tanto decantato dal premier Matteo Renzi? Per l’occasione, la casa editrice Dissensi, ha pubblicato il libro “La scuola di Renzi è davvero buona? La verità nascosta sotto il banco” (euro 9,90, pp. 114), della docente toscana Sandra Ragionieri Scotti.

commercial

Una riflessione pratica e personale, dedicata a tutti, questo saggio si fa manifesto di un pensiero che va al di là delle ideologie politiche, è critico, ma è soprattutto equilibrato, perché l’autrice, mettendo in evidenza i pro e i contro del documento Buona Scuola (settembre 2014), fornisce un’immagine chiara di come le istituzioni vedano il sistema scolastico.

Affidandosi ai sei punti salienti che il documento “Buona Scuola” tratta, l’autrice ha così elencato i perni e le debolezze di questa nuova proposta di legge. Da vent’anni a questa parte infatti, numerosi sono e sono stati, i cambiamenti legislativi riguardanti l’istruzione, ogni maggioranza governativa dà una propria soluzione riformatrice, ma poco spazio viene veramente dedicato a studenti, professori e dirigenti.

Ognuno dei capitoli del documento presi in esame dall’autrice, includono proprio i tre fruitori del sistema scuola e attraverso temi come il precariato degli insegnanti, la visione aziendale della scuola inclusa nella nuova Riforma e l’importanza della formazione ed alternanza lavoro/scuola per gli studenti, descrive a 360 gradi il panorama dell’istruzione del nuovo Millennio.

‘’Aiutare bambini, ragazzi e giovani a crescere, a tirar fuori il meglio di sé, ad apprezzare il fascino della scoperta, per diventare uomini e donne consapevoli oltre che del proprio sapere, dei diritti e dei doveri come cittadini e perciò liberi di fare le scelte che riguardano il loro futuro’’, questo è ciò che dovrebbe essere secondo Sandra Ragionieri Scotti la “Buona Scuola” e nell’intervista rilasciata per La Voce di Venezia, ha approfondito alcuni aspetti del suo pamphlet.

1)Com’è nata l’idea di questo saggio? Lo scopo è quello di far riflettere i politici, la gente comune e gli stessi docenti?

Ho lasciato la Scuola nel 2012, ma non ho mai abbandonato il mio interesse verso tutto ciò che la riguarda. Avevo già scritto articoli e documenti su temi di didattica e metodologia d’insegnamento, così ho pensato di dedicarmi alla scrittura di un libro centrato sulla mia esperienza d’insegnante e poi di preside, corredato di una parte più tecnica che affronta i temi che ritengo centrali per migliorare la qualità del nostro sistema scolastico. A settembre 2014, il mio libro era quasi terminato. L’annuncio da parte del Presidente Renzi dell’uscita del documento la “Buona Scuola”, mi ha stimolato a farne un approfondimento, che, inizialmente, avrei dovuto inserire nel libro. Strada facendo mi sono accorta che era opportuno tenere separati i due lavori.
E’ nato così il saggio critico La scuola di Renzi è davvero “buona” , su questo progetto di riforma del Governo in carica che, a mio parere, al di là degli annunci esaltanti, necessita di un’interpretazione accurata da parte di chi conosce veramente il mondo della Scuola, affinché tutti coloro che ne abbiano interesse, possano capire di che cosa veramente si tratta. In realtà, il mio libro non si limita a un’analisi della “riforma” in discussione, ma affronta temi legati alla qualità della Scuola, cui il documento e poi anche il Disegno di Legge, non hanno fatto il minimo riferimento. Insegnanti, presidi, genitori, studenti, sono il pubblico cui mi rivolgo. Amministratori pubblici e politici, se vorranno, potranno cogliere dalla lettura del saggio, un’occasione di riflessione.

2)Secondo lei potrebbe essere utile ritornare ad una tipologia di scuola come era qualche decennio fa? Sarebbe giusto riscoprire alcuni dei metodi d’insegnamento di allora?

Rispetto a qualche decennio addietro, la Scuola, non è in realtà molto cambiata. Una svolta, a mio parere non positiva, c’è stata con l’introduzione e poi l’impiego sempre più invadente dei test come strumenti di verifica dell’apprendimento. Si è preteso di ritenere che questi strumenti consentissero di adottare una valutazione oggettiva, cioè pervenire al voto delle prove, sommando aridi punteggi, non rendendosi conto di ciò che si stava perdendo dal punto di vista della formazione dello studente. Basta pensare che nella scuola superiore, molte materie, come ad esempio la Storia o la Filosofia o il Diritto, tradizionalmente considerate “orali”, sono verificate quasi esclusivamente attraverso test; le conseguenze sono tutte sul campo: lo sviluppo della capacità di argomentare, di esprimere opinioni, di arricchimento del lessico…, si riducono notevolmente e, conseguentemente, si riduce la dimensione formativa delle discipline.
Sui metodi d’insegnamento sarebbe necessario avviare, in modo serio e diffuso, piani di aggiornamento per tutti gli insegnanti, con un investimento finanziario da parte dello Stato adeguato alle necessità. Le cifre di cui si parla nel Disegno di Legge del Governo sono semplicemente irrisorie.

3)Come vede invece l’idea che possa avvenire uno scambio fra vecchio e nuovo? Per esempio docenti giovani che insegnino cose nuove a quelli con più esperienza ma con lacune innovative ed insegnanti con una carriera già avviata che diano consigli ai nuovi?

Nella mia esperienza ultra ventennale di preside di scuola superiore, che comprendeva l’Istruzione tecnica e il Liceo, non ho in realtà verificato da parte dei giovani insegnanti proposte e realizzazioni di esperienze didattiche innovative. Non mi pare che i percorsi universitari che i giovani insegnanti seguono per cercare di garantirsi un posto di lavoro nella Scuola, siano ben calibrati e funzionali a migliorare le capacità d’insegnamento degli aspiranti docenti. Una riflessione seria sul disegno culturale che lo Stato dovrebbe fare sulla funzione della Scuola, dovrebbe portare anche a reimpostare programmi e organizzazione della formazione iniziale dei docenti e l’Università dovrebbe adeguare le proprie proposte formative.

sponsor

TEMI PIU' RICERCATI

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

sponsor

Altri titoli

Oltre 400 daspi a Venezia nel 2020, ritirate 83 patenti

Oltre 400 daspi urbani a Venezia nel 2020. Il Comando generale della Polizia locale di Venezia informa che, in occasione della festività di San Sebastiano,...

Coronavirus Venezia, curva rallenta. Addio al gestore della Latteria Popolare, 57 anni

Coronavirus Venezia con la curva che rallenta, finalmente. Si spera diventi presto possibile dimenticare i giorni in cui si superavano i 500 nuovi contagi in...

Venezia rialza la testa: si girano tre film

Venezia rialza la testa, al via le produzioni cinematografiche in città. Ciak, si gira. La laguna vuota e semideserta diventa un...

Crolla a terra a San Giovanni Grisostomo, malore fulminante

Verosimile malore fulminante a San Giovanni Grisostomo, a Venezia, ieri sera. Un uomo che stava passeggiando è improvvisamente crollato a terra probabilmente colto da un...

Fiala vuota riempita con fisiologica e usata per vaccinare ancora. L’azienda : un errore

Fiala vuota riempita con fisiologica e usata per vaccinare ancora. Un mero "errore materiale" secondo la spiegazione. Uno scambio di fiale? Una cosa così. E' successo...
commercial

Hanging Challenge e i ragazzini su TikTok si stringono una cinta al collo. Morta bimba di 10 anni

Hanging Challenge è il nome di quest'ultima aberrazione. E' una 'sfida', le chiamano 'challenge', ed è l'ultima arrivata tra quelle lanciate sui social per provocare...

L’Isola dei Famosi 2021, i concorrenti: indiscrezioni su 47 possibili naufraghi

Il Grande Fratello VIP non è finito, anzi, ancora non è chiaro quando andrà in onda la finale. Nel frattempo già si parla del...

Veneto prossima settimana in zona arancione o gialla. Zaia: «Sicuramente non rossa»

Sono 1359 i positivi nelle ultime 24 ore in Veneto con l'incidenza dei contagi al 3%. Non avendo più con la nuova circolare la...

“Il Carnevale di Venezia 2021 si farà”: ma come? Tutti gli scenari della kermesse

Tra un paio di settimane avrà inizio il Carnevale di Venezia 2021 mentre aumentano le incognite sulla sua organizzazione. Nel Carnevale 2020 ci fu...

Incidente con lo scooter sul Ponte della Libertà: residente a Lido ricoverato in gravi condizioni

Incidente con lo scooter giovedì pomeriggio sul Ponte della Libertà. Un uomo di 57 è ricoverato in gravi condizioni a Mestre. Diverse le ipotesi della...
sponsor

Trovato morto nel letto d’ospedale dopo l’intervento al piede

Trovato morto nel suo letto d'ospedale dopo l'intervento al piede. E’ successo il 19 gennaio all'ospedale di Mirano: un uomo di 72 anni, Luigi Geretto,...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Coronavirus Venezia, la seconda ondata si sta ritirando

Coronavirus Venezia e provincia, la seconda ondata da segni di regressione. Il primo segno si può interpretare con il tasso di occupazione dei posti letto. I...

Giovane fermato alla guida, ma non ha mai preso la patente. In auto droga e Taser

Compagnia Carabinieri di Venezia Mestre attenta e presente nei controlli coordinati del centro città e periferia. Tra i vari reati accertati ieri la condotta grave...

Chi mi ha chiamato? Di chi è questo numero?

Chi mi ha chiamato con questo numero? Ecco le informazioni sul numero comunicate dagli altri utenti...
commercial

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Ancora Legge n. 104. Cosa posso fare e non posso fare durante i giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap. Quali...

Coronavirus Venezia, nuovi positivi con leggera ripresa

Coronavirus Venezia (e provincia) una giornata in chiaro-scuro quella che va dalle ore 17 di martedì alle ore 17 di mercoledì. In attesa che i...

Una famiglia distrutta. Tragedie del Covid, tragedie a cui manca un perché

Una famiglia distrutta dal Covid. Sterminati i genitori e il figlio. Una tragedia del Veneziano, della nostra provincia, al punto che ha fatto dire...

Covid: pazienti morti per colpa del medico? Dottore arrestato per improprio uso farmaci

Pazienti morti non per il Covid ma per colpa del medico? Un dottore è stato arrestato e posto agli arresti domiciliari per questa ipotesi. Va...

Il virus si fa ancora sentire: +14 terapie intensive. Esperto: un altro stop sarebbe meglio

Andamento Covid oggi: il virus si fa ancora sentire. +11.629 casi e 299 i morti in 24 ore. +14 i ricoveri nelle terapie intensive. Gli...
sponsor
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.