spot_img
15.3 C
Venezia
venerdì 22 Ottobre 2021

Scuola, assunzioni per 50mila. Tra loro anche Agnese, moglie di Renzi

HomeCronacaScuola, assunzioni per 50mila. Tra loro anche Agnese, moglie di Renzi

Scuola, assunzioni per 50mila. Tra loro anche Agnese, moglie di Renzi

Scuola, assunzioni in arrivo per 50.000 insegnanti. Finalmente buone notizie per un mondo di precariato e di incertezze. E tra i molti in attesa della buona notizia festeggia anche qualche nome illustre.

Agnese Renzi, all’anagrafe Agnese Landini, ad esempio, moglie del premier Matteo Renzi, è fra i 50 mila docenti precari che hanno ricevuto dal ministero la proposta di assunzione, in base al provvedimento della ‘Buona Scuola’.

Agnese Renzi insegnerà Lettere e Latino nei licei della provincia di Firenze.
“Era il massimo che mi potessi aspettare – ha detto – Sono molto contenta, come le tante colleghe e i tanti colleghi che hanno ricevuto la proposta. Penso di poter dire che finisce il mio precariato, a me come a tantissime persone: c’è una graduatoria, senza possibilità di favoritismi”.

Agnese Renzi insegna da nove anni, finora lo aveva fatto con contratti a tempo determinato. L’ultima cattedra, annuale, le era stata assegnata a settembre: Lettere e Latino al Liceo Balducci di Pontassieve (Firenze), lo stesso dove aveva insegnato lo scorso anno, a poca distanza da casa.

Per aggiudicarsi l’insegnamento, insieme a centinaia di colleghi aveva atteso ore in un liceo di Scandicci (Firenze), il giorno in cui l’ufficio scolastico regionale assegnava le cattedre.
“Spero che questo rito penoso finisca. E’ umiliante – aveva sbottato – Sembra che chiediamo l’elemosina, invece siamo professionisti”.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

Data prima pubblicazione della notizia:

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

  1. Complimenti! E’ stata assunta praticamente sottocasa e invece mi risulta che moltissimi insegnanti sarebbero stati assunti in località distanti dai 700 in su km, e questa la chiamiamo uguaglianza? Siciliani/e assunte in Veneto o in Abruzzo che devono abbandonare la propria famiglia per avere il posto di lavoro! Mentre questa signora ha avuto il posto nella stessa provincia di residenza! Consiglio a tutti gli insegnanti neo assunti che si trovassero nella situazione di assunzione disagevole di adire le vie legali

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTIZIE DELL'ARCHIVIO DEL GIORNALE COMMENTATE DAI LETTORI QUI SOTTO

pubblicità
spot
Advertisements