11.9 C
Venezia
sabato 27 Novembre 2021

Scontro in laguna a Venezia, non un incidente banale. I due ragazzi in prognosi riservata

HomeNotizie di aperturaScontro in laguna a Venezia, non un incidente banale. I due ragazzi in prognosi riservata
la notizia dopo la pubblicità

incidente barchini soccorso mare notte fee

Il primo avviso era molto stringato. Anche il primo lancio della notizia lo era. Poche semplici righe per rendere noto che era avvenuto un nuovo incidente nautico a Venezia, uno dei tanti.
Giorno di Ferragosto, ore 23.30: Località: Castello / Venezia
“Nella serata un incidente tra due natanti nello specchio d’acqua compreso tra l’isola di San Servolo e quella della Certosa. La Volante della polizia si portava sul posto, unitamente ai Carabinieri, ai Vigili del Fuoco, e al 118”.

Le ore successive hanno invece dato la dimensione reale del fatto. Non è stato un incidente come un altro, come ogni tanto capita a Venezia. Una corsa in barca a motore nella notte ha rischiato di trasformarsi in vera e propria tragedia per lo scontro con un taxi acqueo (con il solo motoscafista a bordo).
I due giovani, poco più che ventenni, che erano a bordo sono ricoverati in prognosi riservata mentre una ragazza di 19 anni che era con loro è finita al pronto soccorso e poi è stata dimessa. Le notizie hanno cominciato a rincorrersi in maniera affannosa e drammatica in quelle ore: il taxi è passato sopra al barchino, lo ha tranciato in due, il barchino correva a forte velocità e non aveva le luci.

Di certo finora c’è che l’incidente è accaduto nel tratto d’acqua tra Sant’Elena e l’isola della Certosa, di fronte ai cantieri dell’Actv, mentre la dinamica è ancora da provare. Solo le indagini in corso potranno stabilire se il barchino aveva o meno i fari spenti. Da capire, anche, se uno dei due ha mancato una precedenza.

Vero è, secondo le prime risultanze, che il motoscafo taxi ha tagliato in due parti il mezzo più leggero che poi è affondato, che gli occupanti della barca sono finiti in acqua e sono stati subito soccorsi dallo stesso taxista, che non aveva nessuno a bordo.

Dell’impatto si sono immediatamente accorti i dipendenti dell’Azienda di trasporto lagunare che hanno avvertito la Capitaneria di Porto, mentre altre telefonate sono giunte ai centralini della polizia e dei vigili del fuoco. In meno di dieci minuti sul posto c’erano mezzi di soccorso di tutte le
forze dell’ordine.

Una idroambulanza ha accompagnato i tre giovani all’ospedale, mentre gli investigatori raccoglievano le prime testimonianze per cercare di fare luce sullo scontro. Per due dei feriti – il conducente del barchino e un amico – è stato deciso l’immediato ricovero.

Al più grave, di 24 anni, poi trasportato all’ospedale di Mestre, sarebbe stato riscontrato un forte trauma toracico, oltre a una serie di fratture e un principio di annegamento. Per l’altro, di 21, si parla di fratture e contusioni. Per entrambi, i medici avrebbero deciso di aspettare almeno 48 ore prima di sciogliere la prognosi. Al momento, il decorso appare normale e non sarebbero sopraggiunte complicazioni.

Il taxista è già stato sentito dal personale della Capitaneria di Porto, come sarebbe già stata raccolta la deposizione della ragazza che era sul barchino. Adesso, fanno sapere fonti investigative, bisogna attendere di poter ascoltare il conducente del mezzo inabissato per mettere a confronto le diverse deposizioni sull’accaduto e avere un quadro più dettagliato sulla dinamica e le eventuali responsabilità dell’incidente.

Il mototaxi è stato posto sotto sequestro, mentre il barchino dovrebbe essere recuperato nei prossimi giorni.

Mario Nascimbeni | 18/08/2016 | (Photo d’archive) | [cod canipe]

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Il Comune contesta la cassettina per i libri gratis, Ticozzi: “Da premiare, non sanzionare”

Il Comune di Venezia contesta al bookcrossing l'occupazione di suolo pubblico. Ticozzi: "iniziativa da premiare non da sanzionare".

Bella giornata a Venezia rovinata da una dimenticanza: 184 euro di multa Actv

Buongiorno, sono una studentessa 25enne in corso di laurea magistrale e vorrei raccontarVi quanto accadutomi stamane 02/04/2017, al ritorno dalla "So e Zo per i ponti" a Venezia. Premetto di aver passato una bellissima mattinata in compagnia del mio fratellino e di un...

Dottoressa di base No Vax sospesa: paese senza medico

La dott. Dina Sandon è sospesa come medico di base dall'Ulss di Padova privando la comunità di Cervarese Santa Croce della sua assistenza

Prepensionamento dipendenti pubblici, cammino difficile

Il ministro Madia ha cominciato a scontrarsi con visioni opposte al suo piano e la strada che porta al prepensionamento dei dipendenti pubblici non è per niente in discesa. Stefania Giannini, ministro per l'Istruzione le risponde: «Un sistema sano non ha bisogno...

Prepensionamento dipendenti pubblici, cammino difficile

Il ministro Madia ha cominciato a scontrarsi con visioni opposte al suo piano e la strada che porta al prepensionamento dei dipendenti pubblici non è per niente in discesa. Stefania Giannini, ministro per l'Istruzione le risponde: «Un sistema sano non ha bisogno...

Nata Cassa Mutuo Soccorso per sostenere operatori sanitari che resistono al vaccino

Riceviamo e pubblichiamo. E' NATA LA CASSA DI MUTUO SOCCORSO , per sostenere ECONOMICAMENTE UN OPERATORE SANITARIO IN LOTTA CONTRO UN SOPRUSO, la sperimentazione vaccinale del decreto legge 44 art 4, che impone un vaccino che vaccino fino al 2023...

Storia di un albero. Oggi abbattuto in funzione di chissà quali esigenze, San Basilio è meno bella ora

"È stato un uomo, più di settant’anni fa a impiantare quel pioppo su quell’angolo di San Basilio. Quell’uomo era mio padre. Mia madre diceva a noi figlie, quello è l’albero che ha fatto nascere vostro padre e noi ai nostri figli, quello è l’albero che ha impiantato il nonno e i figli ai loro figli, quello è l’albero del bisnonno..."

“Far pagare spese sanitarie a chi non si vaccina: proposta oscena”. Lettera

La proposta di far pagare le cure sanitarie a chi si ammala dopo aver rifiutato il vaccino è oscena: "E le altre malattie?"

Brugnaro in situazione di conflitto di interessi? Interrogazione al governo

I terreni acquistati da Brugnaro all' "entrata" di Venezia oggetto di un conflitto di interessi? Lo chiede SI con un'Interrogazione, "Secondo un'inchiesta del quotidiano 'Il Domani', la giunta del Comune di Venezia, all'interno del piano per la mobilità sostenibile Venezia 2030, ha...

Lettere. Nuova legge sugli alloggi pubblici, Zaia tratta i veneti peggio delle altre regioni leghiste

NUOVA LEGGE ALLOGGI PUBBLICI: TANTA PROPAGANDA SULL’AUTONOMIA, MA PROPRIO IL POPOLO VENETO E’ TRATTATO DALLA REGIONE DI ZAIA PEGGIO DELLA LOMBARDIA! I VENETI “FIGLI DI UN NORD MINORE”?

Plateatici liberi a Venezia, ma mia madre non riesce più a passare. Lettere

Gran parte della città comprende e approva la delibera comunale che recita ”I pubblici esercizi possono occupare suolo pubblico anche in deroga alle limitazioni poste dalle norme vigenti, con il massimo della semplificazione amministrativa possibile, fino al 31 Luglio”. Ma la...

8 Marzo dedicato alla Coreografa Luciana De Fanti. Di Andreina Corso

Se Italo Calvino ci perdona, se lo copiamo e ci lascia dire: se una sera d’inverno a Mestre una Grande Donna, un’Artista, una Ballerina, una Coreografa e una animalista ricorda suo figlio Omar Caenazzo, morto prematuramente in un incidente stradale, quella...