18.1 C
Venezia
lunedì 02 Agosto 2021

Scandalo Mose, Galan chiede di patteggiare: 2 anni e 10 mesi di reclusione e restituisce 2 milioni e mezzo

HomeNotizie Venezia e MestreScandalo Mose, Galan chiede di patteggiare: 2 anni e 10 mesi di reclusione e restituisce 2 milioni e mezzo

La giornata nera di Giancarlo Galan

Giancarlo Galan, ex Governatore del Veneto, in carcere a Opera perché coinvolto nella vicenda Mose, ha presentato oggi richiesta di patteggiamento.

“In data odierna i difensori di Giancarlo Galan hanno presentato a questo ufficio richiesta di applicazione della pena nella misura finale di anni 2 mesi 10 reclusione – affermano in una nota congiunta il Procuratore capo Luigi Delpino e il Procuratore aggiunto Carlo Nordio – con la previsione della confisca per equivalente della somma di 2 milioni e 600 mila euro”.

“Hanno infine chiesto – proseguono i magistrati – la sostituzione della custodia cautelare in carcere con la misura degli arresti domiciliari. Questa procura ha inoltrato l’istanza all’ufficio del Gip esprimendo parere favorevole in ragione della congruità della pena, della carcerazione preventiva già sofferta e del suo proseguimento domiciliare”.

“La sanzione complessiva risponde infatti al fondamentale criterio di rieducazione contenuto nell’Art. 27 della Costituzione – precisano Delpino e Nordio -, e ai criteri di ragionevolezza ed economia processuale che hanno ispirato il legislatore a introdurre l’istituto del patteggiamento”.

Giancarlo Galan ha quindi chiesto e ottenuto il patteggiamento per le accuse in sospeso nell’inchiesta Mose, ed ora potrebbe essere posto agli arresti domiciliari già da oggi.
Normativamente, invece, il vero passaggio giudiziario si avrà in un secondo momento, quando i legali dell’ex ministro saranno davanti al giudice e ai pm per entrare nel merito del patteggiamento e valutarne la congruità.

Per lo scandalo Mose si attendono una ventina di patteggiamenti per l’udienza del 16 ottobre, su un totale di 35 indagati.

Dei patteggiamenti richiesti solo uno finora è stato respinto, per proposta di pena incongrua, ed era del soggetto che per primo aveva richiesto questo tipo di rito abbreviato con implicita ammissione di colpa.
Quello di Giorgio Orsoni non è stato accettato.

Paolo Pradolin

08/10/2014

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

2 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. VEDREMO QUANTI DOMICILIARI FARA’…MIO MARITO 2 ANNI E 8 MESI PER AVER RUBATE A 3 PUT…NE SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO RISARCITE FINO ALL’ULTIMO CENTESIMO E GALAN QUANTI SOLDI CI HA RUBATO A NOI?

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.