Salvini-Zaia per la rielezione ma è polemica: mentre uno parla di bimbi morti l’altro mangia ciliege

ultimo aggiornamento: 19/06/2020 ore 10:32

916

Salvini-Zaia per la rielezione ma è polemica: mentre uno parla di bimbi morti l'altro mangia ciliege

Salvini-Zaia siglano a Verona il “patto delle ciliegie”, un patto che suggella la ricandidatura del governatore uscente alla presidenza del Veneto alle prossime elezioni regionali.

L’incontro con il segretario federale della Lega a Verona è stata la prima uscita ufficiale di Zaia da Venezia dopo l’esplosione dell’emergenza sanitaria.

Prima della conferenza stampa una militante veronese ha donato a Salvini e a Zaia due cestini di ciliegie, per “benedire” l’annunciata ricandidatura.

“Noi siamo perfezionisti – ha dichiarato Salvini – e penso che l’autonomia del Veneto faccia bene a tutta l’Italia e i milioni di veneti e di lombardi che l’hanno votata sono la testimonianza migliore. Siccome il centrodestra tornerà al governo in questo Paese, è questione di tre mesi o al massimo di due anni, ma ci torneremo, io da segretario nazionale non voglio perdere un altro anno come ho fatto con i 5 Stelle. Per cui – ha concluso Salvini – chiunque voglia sostenere Luca Zaia e la Lega in Veneto deve sottoscrivere a livello nazionale l’impegno ad attuare l’autonomia in tempi rapidi”.

La presentazione del ‘patto’ è stata però accompagnata anche da furiosa polemiche. E’ successo in una ‘diretta social’ di Salvini: “mentre il Governatore parlava di bambini morti, Salvini si abbuffava di ciliegie”, dicono le critiche.

Lunedì sera, in un’osteria di Verona, Luca Zaia parlava del batterio killer che ha portato alla chiusura del punto nascita scaligero. Mentre il Presidente esprimeva il suo dolore per la morte dei neonati, Salvini al suo fianco non smetteva però di mangiare ciliegie.

La scena è al centro di una serie di furiose critiche e polemiche social e politiche.

Riproduzione Riservata.

 

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Una persona ha commentato

  1. Niente da meravigliarci, da Salvini cazzate alla media di due tre la settimana. La vera meraviglia, a parte i Self, ecc. e il baciamano che si vede per le piazze, cose che nel campo politico non si e mai visto, anche a livello interazionale.Ha superato anche il Berlusconi che ci teneva ad essere il papà degli italiani… coraggio

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here