3.2 C
Venezia
lunedì 06 Dicembre 2021

La rivolta dei commercianti di Venezia, l’assessore Costalonga si impegna

HomenegoziLa rivolta dei commercianti di Venezia, l'assessore Costalonga si impegna
la notizia dopo la pubblicità
continua a leggere dopo la pubblicità

E’ andata in scena a Venezia la protesta dei commercianti di Calle della Mandola contro la vendita di paccottiglia che sta soppiantando i negozi di maggior qualità.
I commercianti hanno esposto sulle loro vetrine un volantino a sostegno della qualità e del decoro delle merci e delle attività che vanno a popolare il cuore della città, schierandosi contro l’affidamento degli immobili da parte di proprietari, hanno spiegato, a chi ha il solo obbiettivo di far soldi vendendo oggetti di qualsiasi tipo.

Presente sul posto l’assessore al Commercio del Comune di Venezia, Sebastiano Costalonga, che ha ricordato di aver inviato al presidente Zaia un documento sulle misure limitanti l’esercizio di attività non compatibili con le esigenze di tutela e valorizzazione del patrimonio culturale di Venezia, da sottoporre all’intesa con la Regione.
La lettera ” è corredata – ha spiegato ancora l’assessore – di report dettagliati a sostegno del valore dell’attività svolta, per chiedere di supportare l’iniziativa del Comune prorogando la validità del vecchio regolamento fino all’approvazione del nuovo testo”. L’intesa citata, infatti, è determinante per la validità del regolamento in questione.

“Ho voluto essere presente con i commercianti perché questa manifestazione rappresenta in toto il pensiero e la direzione in cui si muove la nostra Amministrazione”.
Con queste parole l’assessore al Commercio e alle Attività produttive, Sebastiano Costalonga, ha espresso la propria vicinanza ai negozianti di Calle della Mandola.

“Gli uffici comunali – ha proseguito Costalonga – in quest’ultimo anno hanno lavorato duramente al nuovo regolamento, che andrà a sostituire quelli vecchi e in scadenza e che, oltre alla nuova configurazione degli ‘ambiti di tutela’, non più limitati all’area realtina, marciana e a Santa Margherita, conterrà misure che riguarderanno quasi tutta la città”.

“Saranno inserite indicazioni ben precise per quanto riguarda la merce in vendita, con una stretta sul materiale non made in Italy e istruzioni sulla percentuale di prodotti locali, con l’obbligo di fidejussione bancaria per chi proviene da Paesi al di fuori dell’Unione europea”.

“Purtroppo a causa della pandemia tutto ha subito rallentamenti e, visto l’iter da intraprendere, (stesura, approvazione della delibera in Giunta, poi passaggio in Consiglio Comunale) per evitare di trovarci, seppur per un breve periodo, senza un regolamento vigente, proprio in questi giorni ho inviato una richiesta di proroga al presidente della Regione Luca Zaia. Confido comunque che il nuovo regolamento sarà attivo già dai primi mesi del 2022.”

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

redazione centrale
A cura della redazione centrale. Per inviare una segnalazione: [email protected]

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Jesolo: cani in spiaggia, perché in pochi rispettano le regole? Perché nessuno le fa rispettare?

Come ogni anno, decido di trascorrere qualche giorno di vacanza a Jesolo con la mia compagna e il nostro bimbo di un anno e mezzo. Dato che non abbiamo esigenze particolari, andiamo in spiaggia libera, in modo da avere più spazio...

Dal 2022 per venire a Venezia si dovrà prenotare

Venezia e overtourism: nel 2022 Venezia potrebbe essere a numero chiuso con tanto di tornelli. Dall'estate 2022 per entrare a Venezia servirà prenotare secondo il progetto. Dopo i rinvii legati anche al Covid, il Comune ha stabilito che il prossimo anno vedrà...

Due Coca-Cola (per fare pipì) a Venezia? 8 euro (al banco). Lettere

Gentile cronista, premetto che sono di Treviso, non sono di provenienza "locale" e forse questo conta ancora nella vostra città. Lunedì 25 ottobre, mi trovavo con mia figlia, in gita a Venezia con altre famiglie e compagne di mia figlia. Visitando la vostra magica...

Festa riuscita? Ve la racconto io la festa: un Rave in via Garibaldi. Lettere

Gentile direttore, vorrei sapere perché tutti contribuiscono a portare avanti questa farsa degli eventi in sicurezza quando invece è solo un'attività di facciata. Situazione di questa notte: un esercito di agenti a controllare che i residenti si posizionassero diligentemente entro gli spazi...

“Studenti con le gonne: i soliti per rappresentare un mondo alla rovescia”. Lettere

Gli studenti maschi del liceo classico Zucchi di Monza hanno indossato la gonna durante le lezioni per protestare contro il sessimo. A Parte il fatto che per rappresentare il sesso femminile avrebbero dovuto indossare dei maschilissimi jeans, il grottesco e ridicolo gesto...

“Mi sono trovata visitatori alle spalle in casa mia! Io grido e loro: ‘Ma non è tutto Biennale?’ “

L'articolo che avete pubblicato ieri sui turisti per la Biennale alla Celestia contiene un grande fondo di verità. Dopo averlo letto mi sono decisa a scrivervi per raccontarvi un fatto che mi è appena accaduto. Abito in una laterale di via Garibaldi,...

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

Mobbing e lavoro. Quando il mobbing è «illusione». Perché promesse di vari avvocati sono spesso «processualmente» irrealizzabili

Questo breve articolo non ha come scopo quello di citare giurisprudenza complessa o iniziare discorsi astratti e bizantini sul mobbing che non servono ad altro che a tediare il lettore nella migliore delle ipotesi o a creare false aspettative nella peggiore....

Il nostro giornale festeggia: oltre 10 milioni di pagine viste

"La Voce di Venezia" a luglio 2014 ha incredibilmente abbattuto il muro delle 10 milioni di pagine viste. Era ormai qualche anno fa: un pugno di ragazzi (in parte di Venezia) usciti dal corso di laurea di "Scienze della Comunicazione"...

Chi volontariamente non si vaccina ruba un pezzo di probabilità di evitare la dissoluzione del genere umano. Lettere

Con la propaganda No-Vax io non riesco a discutere né a confrontarmi perché si tratta di un Extramondo *(una specie di Vandea del XXI secolo)* nel quale non riesco neanche a respirare. La Storia non si muove in senso vettoriale ma circolare...

“Studenti con le gonne: i soliti per rappresentare un mondo alla rovescia”. Lettere

Gli studenti maschi del liceo classico Zucchi di Monza hanno indossato la gonna durante le lezioni per protestare contro il sessimo. A Parte il fatto che per rappresentare il sesso femminile avrebbero dovuto indossare dei maschilissimi jeans, il grottesco e ridicolo gesto...

“Studenti con le gonne: i soliti per rappresentare un mondo alla rovescia”. Lettere

Gli studenti maschi del liceo classico Zucchi di Monza hanno indossato la gonna durante le lezioni per protestare contro il sessimo. A Parte il fatto che per rappresentare il sesso femminile avrebbero dovuto indossare dei maschilissimi jeans, il grottesco e ridicolo gesto...