Matteo Renzi all’inaugurazione di Aquae a Marghera. Proteste all’esterno

ultimo aggiornamento: 03/05/2015 ore 11:41

123

renzi aquae marghera

Matteo Renzi, presidente del consiglio e segretario del Pd, è giunto a Mestre per partecipare all’inaugurazione del padiglione Aquae, a Marghera, unico evento collaterale dell’Expo di Milano.
Non è stato un arrivo “sereno” il presidente del consiglio al suo arrivo ha incontrato i Comitati contro le grandi navi che lo hanno accolto con un cartellone con i risultati della raccolta firme: “95.439 dicono stop alle grandi navi in laguna! Salviamo Venezia!”. Renzi poi ha incontrato i rappresentanti sindacali della scuola in Veneto.

Sul palco è poi avvenuta una storica stretta di mano, dopo le polemiche per il mancato ringraziamento per la candidatura di Milano per l’Expo 2015 alla cerimonia inaugurale del primo maggio, tra il premier Matteo Renzi e Romano Prodi.
Salito sul palco della Rassegna Aquae gli organizzatori hanno chiesto espressamente una stretta di mano tra i due che hanno subito accettato, sorridendosi, mentre Renzi ha anche accennato un piccolo applauso per l’ex premier.


Renzi si è poi avvicinato idealmente al presidente della Regione Veneto uscente, Luca Zaia, affermando: “Non abbiamo mai detto che la sanità veneta non sia buona, abbiamo solo detto che dovrebbe avere qualche direttore dell’asl in meno. Ci sono anzi delle cose che dobbiamo copiare. Non si va in una regione a pretendere di imporre un metodo”.

Ciò però non ha impedito di prendere le distanze dall’ideologia della Lega Nord: “Noi non saremo mai come quelli che passano il tempo a vomitare odio – aveva poco prima dichiarato Renzi – . Alcuni di quelli che urlavano ‘Roma ladrona’ quando sono arrivati a Roma si sono trovati bene”.

Nel mentre, una manifestazione di protesta, con un centinaio di aderenti, tra rappresentanti dei Cobas scuola e dipendenti comunali di Venezia, si è formata in questi minuti davanti al padiglione Aquae, a Marghera, dove c’era il premier Matteo Renzi per l’inaugurazione. I manifestanti, con slogan contro il governo e lo stesso premier, sono controllati dalle forze dell’ordine. Si trovano dietro a delle transenne a circa 200 metri dal padiglione.


Paolo Pradolin

03/05/2015

Riproduzione vietata

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here