Regione Veneto, Idv: il fallimento di Zaia sull’indipendenza

ultimo aggiornamento: 31/10/2015 ore 17:18

143

Regione Veneto, Idv: il fallimento di Zaia sull'indipendenza

“Nel giugno 2014 il Consiglio regionale del Veneto approvò, con nostra fortissima opposizione – dichiara Nino Pipitone, ex consigliere regionale Idv del Veneto – la legge che diceva sì all’indizione di un referendum regionale per chiedere ai cittadini se fare del Veneto una ‘Repubblica indipendente e sovrana’. Per l’occasione fu creato un fondo ad hoc valutando che i costi della consultazione (quantificabili nell’ordine dei 14 milioni di euro) sarebbero stati sostenuti solo con erogazioni liberali e donazioni. Zaia, che ha sempre cavalcato l’Indipendenza del Veneto, oggi è però costretto a prendere atto del fallimento di questo progetto perchè in un anno il fondo apposito ha registrato versamenti solo per 115mila euro da 1363 ‘donatori liberali’ . Di conseguenza il governatore è stato costretto a cancellare la legge che prevedeva il referendum, e a subìre una pesante sconfitta politica”.

“Noi di Idv – conclude Pipitone- siamo stati facili profeti, e continueremo a ritenere che la strada giusta sia predisporre una maggiore autonomia fiscale e legislativa per un grande Veneto in un’Italia unita, non certo indipendenza, secessione e tante altre dannose ed inutili chiacchiere in salsa leghista”.


TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here