lunedì 17 Gennaio 2022
9.6 C
Venezia

Redentore di Venezia, il messaggio del sindaco Luigi Brugnaro

HomeIn CopertinaRedentore di Venezia, il messaggio del sindaco Luigi Brugnaro

Redentore 2021: il messaggio del sindaco Luigi Brugnaro all’apertura del Ponte Votivo.

“Eccellenza Reverendissima,
Signor Prefetto,
Autorità civili e militari,
Care concittadine e cari concittadini,
abbiamo appena attraversato questo Ponte e, dalla sommità della scalinata della Chiesa del Redentore, vogliamo rinnovare quel voto che il Doge Sebastiano Venier fece, la terza domenica di luglio del 1577, annunciando la fine di una ondata di peste. Un gesto dall’alto valore simbolico che lega la nostra tradizione alla stretta attualità. Venezia, dopo mesi bui iniziati con l’acqua granda del novembre del 2019 e continuati con la pandemia da Coronavirus, deve guardare al futuro con speranza e determinazione. Una Città che non si è mai abbattuta e che, ancora una volta, ha saputo trasformare tanti momenti difficili in occasioni di rinascita. Lo stiamo facendo grazie alla tenacia di tutti quelli che la amano e la portano nel cuore”.

“La città intera ha dimostrato grande responsabilità nell’affrontare la pandemia:
– Il sacrificio di ciascuno di noi;
– l’impegno dei tanti medici, infermieri e volontari che stanno assicurando una campagna vaccinale puntuale e capillare;
– il lavoro di tutte quelle persone che non si sono mai fermate ed hanno garantito i servizi essenziali anche nei momenti più duri.
Questi sforzi ci consentono oggi di essere qui per dare ufficialmente avvio alle celebrazioni del Redentore. Un’edizione che si apre con un giorno di anticipo per consentire a quante più persone lo volessero di affidare a questo pellegrinaggio tutte le speranze, i desideri, le preghiere e il futuro della nostra Città”.

“Ricordo ancora – a malincuore – l’obbligata rinuncia ai fuochi dell’anno scorso. Ma domani sera tutta Venezia, dalla terraferma alle Isole, sarà chiamata a fare festa. Lo faremo in sicurezza, grazie a un’imponente macchina organizzativa che ha lavorato in questi mesi e ci ha sempre creduto. Potremmo godere così dello spettacolo più bello del mondo, che diventerà anche occasione per celebrare i 1600 anni dalla Fondazione della Città. Festeggeremo con responsabilità e nel rispetto delle regole sanitarie”.

“Costruire ponti – come quello che abbiamo appena percorso – è una delle opere dell’ingegno dell’uomo. Creare un legame tra due sponde significa, simbolicamente, un’apertura verso l’altro, al dialogo, al rispetto reciproco pur nella piena consapevolezza delle differenze e delle difficoltà da superare. Un ponte simbolo di quel rinascimento di cui Venezia e tutti noi vogliamo essere i protagonisti. Lo abbiamo dimostrato inaugurando a fine maggio la 17esima Biennale d’Architettura. Lo abbiamo dimostrato con la seconda edizione del Salone Nautico durante il quale abbiamo visto un mondo della nautica sempre più tecnologico e aperto all’ambiente”.

“Nei giorni scorsi, Venezia ha accolto i ministri dell’economia dei 20 Paesi più influenti sulla terra, ritrovando la sua centralità nello scacchiere internazionale. Ripartiamo dalla sostenibilità. Non a caso, proprio domenica, assieme al ministro dell’Economia e delle Finanze Daniele Franco, al ministro della Pubblica Amministrazione Renato Brunetta, all’amico Presidente della Regione Luca Zaia, assieme ai rappresentanti di importanti aziende private nazionali, e a tante istituzioni culturali cittadine, la Città di Venezia ha lanciato ufficialmente la candidatura di “Venezia Capitale mondiale della sostenibilità”.
Un percorso che – convintamente – stiamo già realizzando. Da tre anni abbiamo la percentuale più alta tra tutte le città metropolitane nel recupero della frazione differenziata dei rifiuti solidi urbani. Con il nuovo termovalorizzatore chiudiamo il ciclo del CSS, recuperando energia e riducendo al minimo la possibilità di ricorrere al conferimento in discarica, che è la peggiore delle soluzioni possibili. Stiamo realizzando – a Mestre – il primo distributore fisso di idrogeno in Italia per la ricarica delle automobili. Abbiamo sostenuto la riconversione bio della raffineria, per trasformare gli oli fritti, uno dei peggiori inquinanti dei mari, in bio carburante. Ora siamo pronti per una nuova fase industriale legata all’idrogeno, che possiamo ricavare sia dai rifiuti che da nuove forme di produzione”.

“La Zona Logistica Semplificata incentiverà nuove forme di insediamenti industriali nei 2.200 ettari di Porto Marghera, che già sta attraendo nuove attività come, ad esempio, l’impianto LNG. Abbiamo avviato cantieri per il risanamento idrico del Lusore, dello Scolmatore, dell’Osellino, stiamo procedendo nell’ambizioso progetto del Parco Moranzani, stiamo realizzando l’idrovora di via Torino e finanziando quella di Bissuola. Quanto sia importante la gestione delle acque ce lo dimostrano le terribili immagini di questi giorni riferite alle inondazioni nel cuore dell’Europa.Siamo vicini agli amici della Germania, della Francia, dell’Olanda, del Belgio, del Lussemburgo, alle loro famiglie colpite da lutti, così come loro ci sono stati vicini durante l’acqua granda. Sono nostri fratelli europei. La città è un cantiere aperto, di lavori pubblici e privati”.

“Grazie a tutte le persone che si sono dedicate con impegno e passione per l’organizzazione di questo Redentore. Grazie agli operai e ai tecnici che hanno realizzato il ponte, agli operatori di tutte le Forze di sicurezza, agli addetti alle pulizie, ai piloti, autisti e macchinisti e a tutti coloro che a qualsiasi titolo saranno impegnati per il buon esito di questa festa. Senza il vostro impegno non saremmo qui.
Grazie al nostro Patriarca Francesco per la sua continua e illuminata presenza, come guida spirituale per tutta la Città.
Con lui vicino non ci sentiamo soli”.

“A tutti voi arrivi il mio più sincero augurio di un Buon Redentore”.

Luigi Brugnaro, sindaco di Venezia

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Chi volontariamente non si vaccina ruba un pezzo di probabilità di evitare la dissoluzione del genere umano. Lettere

Con la propaganda No-Vax io non riesco a discutere né a confrontarmi perché si tratta di un Extramondo *(una specie di Vandea del XXI secolo)* nel quale non riesco neanche a respirare. La Storia non si muove in senso vettoriale ma circolare...

Venezia conserva l’ultimo “Mussin”, l’imbarcazione settecentesca che apriva la Regata Storica

Venezia: nascosta in uno squero, al sicuro, coperta da un telo che la protegge dalle intemperie e dal passare del tempo. Sola, con se stessa, memore degli splendori del suo passato e lontana dagli sguardi indiscreti di chi potrebbe restare deluso...

Malore fatale: a Cà savio morto 41enne

Un altro malore fatale. La sventura colpisce di nuovo a Cà Savio. Vittorio Gersich, 41 anni, del posto, è morto venerdì sera forse a causa di un attacco di cuore improvviso. Il 41enne si è accasciato per strada, poco distante dalla sua...

Venditori abusivi e forze di polizia, il dibattito dei nostri lettori

Questo articolo qui sotto ha avuto la capacità di aprire un acceso dibattito tra alcuni nostri lettori in merito alla questione dei venditori ambulanti abusivi a Venezia. Tutte le posizioni sono rispettabili e dettate da valutazioni personali di logica e di coscienza...

“Vi invidio colleghi sospesi, passerete Natale a casa”: la lettera di una dottoressa in prima linea. Di Andreina Corso

Lettera di una dottoressa che combatte il Covid in prima linea ai colleghi sospesi: "Passerete Natale con i cari e poi tornerete al lavoro"

Venezia: ecco le barche private per evitare il controllo della certificazione verde sui mezzi Actv

Laddove non si convince, si scatena la creatività e il far da sé. Barche private, iniziative dovunque, social scatenati, soprattutto tra chi vive nelle isole e deve recarsi al lavoro o accompagnare i figli a scuola: ognuno si organizza a modo...

Lettera ai veneziani: Non vedete lo scempio in cui state riducendo la vostra città?

Accludo una fotografia emblematica del disastro che state combinando nella vostra città (Venezia, ndr). A un primo esame si potrebbe pensare che si tratta della foto di qualche bazar in Medio Oriente o un mercatino in centro America o Africa, invece corrisponde...

Pensioni, novità in vista: Quota 41, Lavoratori fragili e Opzione donna

Pensioni: novità all'orizzonte in campo previdenziale. Tanta la carne al fuoco con una nuova "faccia" per l' Ape social e una nuova "Quota 41", ma non per tutti, e una certezza: si va verso la proroga per l' Opzione donna.

Sanzione disciplinare irrogata dal datore di lavoro. L’impugnazione. I principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

La Sanzione Disciplinare irrogata dal datore di lavoro. Vediamo oggi l'impugnazione della sanzione e i principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

Impiegati d’albergo: “Non siamo noi il male di Venezia, non dimenticateci”. Lettere

  "Anch'io voglio tornare a lavorare ma..." Breve racconto di una receptionist di un hotel di lusso   Ormai sono mesi che, con l'albergo chiuso, vivo solo "grazie" alle briciole della cassa integrazione. Voglio tuttavia ricordare a tutti che prima non era la terra promessa come...

Escort: quello che i veneziani vogliono. I racconti di Silvia, escort di Venezia

Chi sono i clienti delle escort a Venezia? Lo racconta una delle prime escort in classifica del sito di Escort Advisor, il primo sito di recensioni di escort in Europa. Silvia di Venezia, che esercita la professione nella città lagunare da...

“Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Lettere

"L'unica ricchezza per Venezia è il turismo e un turismo molto sostenuto è l'unico che può dare delle entrate a tutti".