spot_img
spot_img
spot_img
10.9 C
Venezia
venerdì 22 Ottobre 2021

Ragazzi sfidano il tram saltando scavalcando le rotaie mentre arriva

Homeadolescenti violentiRagazzi sfidano il tram saltando scavalcando le rotaie mentre arriva

Ragazzi sfidano il tram saltando scavalcando le rotaie mentre arriva

Come in una corrida: ragazzi sfidano il tram di Mestre saltando e scavalcando le rotaie proprio mentre è in arrivo. Lo scherniscono, lo toccano, lo accarezzano quando rallenta, come fosse un toro impazzito, sprezzanti del pericolo, trascurando che stanno rischiando la vita.
Protagonisti sembrano essere due giovani del luogo, che si puntano davanti al tram e dalle rotaie sembrano far capire che vogliono essere investiti dal mezzo rosso manovrato da un conducente terrorizzato, che teme il peggio.

Il fatto avviene qualche sera fa nel tratto Favaro – Carpenedo diretto a Mestre, all’altezza di via Monte Cervino. L’autista informa subito il 113, non può certo stare a guardare, capisce che i ragazzi sono alterati, si spingono a vicenda e per ciliegina sulla torta gettano contro il tram una sacco pieno d’acqua.

Poi salgono su un altro tram che va nella direzione opposta e per finire degnamente la serata disturbano e turbano i passeggeri con il loro modo di fare sconsiderato. Scendono in fretta e furia alla fermata di via Pasqualigo e da quel momento sono spariti. Nulla di fatto per le volanti della polizia che sono giunte in soccorso e che non hanno potuto che constatare l’evidenza: dei ragazzi, nessuna traccia.

Già in passato il tram è stato protagonista involontario delle bravate di ragazzi in vena di scherzi pesanti dettati dalla loro incoscienza e irresponsabilità di difficile lettura. Spesso sono giovanissimi e il loro giocare a morire (o far morire gli altri) sembra essere una valida alternativa perfino allo smartphone.

La città ancora ricorda i blocchi di cemento di qualche mese fa, posti di sera sulle rotaie di quel tram che sembra preso di mira dalle generazioni più giovani. Così o all’incirca anche in Viale San Marco e a Marghera nell’inventario degli ultimi tempi.
Qualche volta quei ragazzi sono stati identificati e denunciati dalla polizia municipale e sono stati sentiti dal Tribunale dei minorenni.

Ci si attende una spiegazione, un perché che possa aiutare a comprendere i motivi di tanta spregiudicatezza e come sempre ci si rivolge alla famiglia, alla scuola, agli amici, alla tecnologia, perché questo “ardire” è stridente, rischia davvero di far male e ora ci si chiede se poteva essere evitato.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Andreina Corso
Cittadina 'storica' di Venezia, si occupa della città e della sua cronaca. Cura gli approfondimenti, è giornalista, insegnante, autrice letteraria, poetessa.

Data prima pubblicazione della notizia:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTIZIE DELL'ARCHIVIO DEL GIORNALE COMMENTATE DAI LETTORI QUI SOTTO

pubblicità
spot
Advertisements