Ragazzi francesi arrivano per carnevale e occupano appartamento

ultimo aggiornamento: 05/02/2015 ore 20:45

142

Ragazzi francesi arrivano per carnevale

Occupazioni ormai di norma a Venezia, persino da parte di provenienti d’oltralpe.
La proprietaria di un magazzino al civico 1675 di Santa Croce, locale attiguo all’abitazione della madre, ha chiamato la polizia ieri in tarda mattinata.
Recandosi nel magazzino insieme al suo elettricista per verifiche all’impianto elettrico che serve l’appartamento della madre, i due avevano tentato di accedere al locale ma senza riuscirci in quanto le serrature risultavano bloccate.

Mentre tentavano di aprire la porta, udivano delle voci provenire dall’interno e alla richiesta di apertura veniva loro negato il consenso.
A quel punto la donna richiedeva l’intervento della Polizia che poco dopo giungeva sul posto.


Mentre attendeva l’arrivo della pattuglia, la donna ha anche notato un ragazzo che si affacciava alla finestra dell’appartamento sopra al suo, che risultava essere disabitato.

Sul posto gli operatori di Polizia, con le chiavi consegnate dalla proprietaria, effettuavano un ulteriore tentativo di aprire le porte ma ancora con esito negativo in quanto le serrature risultavano effettivamente bloccate probabilmente dall’interno.

I poliziotti si accorgevano poi della presenza di alcune persone che si trovavano all’interno e cercavano quindi di dialogare con loro chiedendo più volte di aprire il portone.


Dopo circa 30 minuti di tentativi con esito negativo, attraverso la Sala Operativa veniva chiesto l’intervento dei Vigili del Fuoco per poter accedere al magazzino.

Non conoscendo inoltre il numero reale degli occupanti e per motivi di sicurezza è stato ritenuto opportuno chiedere l’appoggio – sempre mediante Centrale Operativa – ad un equipaggio dell’Arma dei Carabinieri.

Mentre gli agenti scoprivano che dal magazzino si poteva accedere ad una scala interna che portava al primo piano dove vi erano appartamenti in fase di ristrutturazione, i Vigili del Fuoco procedevano all’apertura del portone.

Gli agenti una volta entrati non hanno trovato nessuno al piano terra, mentre invece una porta in legno di un appartamento soprastante al magazzino rivelava evidenti segni di rinforzo dall’ interno.

I Vigili del Fuoco aprivano anche questo accesso bloccato con diversi traversini in legno fissati con delle viti alla struttura al fine di impedire qualsiasi accesso.

Dietro la porta, all’interno dell’appartamento, si trovavano tre giovani che non opponevano resistenza. Questi, in una stentata lingua italiana, dicevano di essere francesi, artisti da strada, di essere venuti a Venezia per il carnevale e di essersi introdotti nell’abitazione per dormire.

I tre francesi, tutti e tre incensurati, terminate le procedure a loro carico, venivano deferiti all’A.G. in stato di libertà per il reato di invasione di terreni o edifici ed inoltre veniva loro notificato il foglio di via obbligatorio di non ritorno nel Comune di Venezia.

Redazione

[05/02/2015]

Riproduzione vietata

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here