mercoledì 19 Gennaio 2022
4.3 C
Venezia

Quei bravi ragazzi.

HomeviolenzeQuei bravi ragazzi.

Risulta incredibile come i mass-media siano in grado di indirizzare l’opinione degli spettatori sui personaggi vittime dei fatti di cronaca.
Un aggettivo molto usato per definire i giovani che si trovano invischiati in vicende illegali che portano addirittura alla morte degli stessi, è quello di “bravi ragazzi”.
I nostri telegiornali sono pieni di “bravi ragazzi” che non volevano ma hanno agito, che non sapevano ma hanno fatto.
Nella nostra epoca l’ignoranza non può essere più accettata, da prima delle tavole di Mosè si sa che uccidere è sbagliato, da più di quarant’anni conosciamo gli effetti degli stupefacenti e nulla può quindi giustificare tali atti.
Allora perché? Perché si vogliono dipingere gli autori di azioni negative, come vittime ignare di un sistema o di una società  più grandi di loro?

Incapaci di pensare o ragionare con la loro testa? Incapaci di dire no!
Lo avrete certamente notato, ogni qual volta che un ragazzo è autore attivo o passivo di una notizia di cronaca nera, i giornalisti sono pronti a tesserne le lodi e gli aspetti positivi dell’animo: faceva volontariato dicono gli amici; era uno con la testa sulle spalle confermano i vicini; era taciturno e riservato ma sempre buono e disponibile con tutti, ribattono gli abitanti del paese.
È sempre la stessa tiritera, condita dall’immancabile commento dei genitori “Non abbiamo mai sospettato di nulla, era così tranquillo”.
Probabilmente

le ragioni che spingono a ripulire l’immagine della faccia nei servizi del tg e sui giornali, serve a parare le famiglie da un possibile linciaggio, da un eventuale discriminazione ma per questo non bisogna mentire, non bisogna ridisegnare la mente del criminale (seppur giovane), per farlo apparire migliore di come i fatti che lo stanno mostrando.
Certo dietro un crimine c’è più del crimine stesso, c’è una persona ma non una “brava persona”.
Perché i bravi ragazzi sono altri, non finiscono in mezzo alle risse da stadio, non picchiano uno qualunque per una sigaretta, sanno che le droghe fanno male.
I bravi ragazzi, quelli veri, restano nell’anonimato delle cronache.
Mattia Cagalli

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Mattia Cagalli
Fin dalla prima ora tra i fondatori di questo Giornale, è giornalista, scrittore e regista cinematografico. Laureato in Scienze della Comunicazione, si occupa anche di calcio e del Verona, sue grandi passioni.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Operatori sanitari non vaccinati in Veneto: sono oltre 2.000 ed ora rischiano

Rieccola la Commissione di valutazione che sempre apre la porta e l’ascolto alle ragioni (e ai torti) dei conflitti. Ritorna il problema di chi ancora non si è vaccinato, o non si può o vuole vaccinare, o ha paura, o ha bisogno...

Dramma sul campo di calcio nel sandonatese: 17enne sviene e non si sveglia più

Christian Bottan, 17 anni, è svenuto sul campo da gioco. Con il passare dei secondi il malore ha assunto una valenza sempre più drammatica.

Sciopero Comparto Sanità il 30 contro ‘Obbligo Vaccinale’ e ‘Green Pass’

Sciopero dei lavoratori della sanità (pubblico e privato) proclamato da Fed. Autonoma Italiana Lavoratori Sanità (FAILS) e Cobas Nordest.

A Venezia tutti stipati dentro i vaporetti, e l’intesa ancora non c’è

Venezia, il desiderio di visitarla. Venezia, la sua tenuta, Venezia e la strategia dei trasporti che tenta di dar risposta alle esigenze di spostamento a quanti, veneziani e turisti cercano di raggiungere un vaporetto o un motoscafo, facendosi largo a gomitate...

Venezia si spopola: contatore ormai a 50mila residenti

Lentamente, i veneziani sono costretti a lasciare la loro città. L’agonia silenziosa degli esiliati in terraferma, inesorabile come una malasorte, è registrata fin dal 2008 su iniziativa di Venessia.com, dalla Farmacia Morelli in campo San Bartolomeo che ha posto in vetrina un...

A Venezia barche solidali (e molti taxi) contro l’obbligo di GP a bordo

A Venezia le barche solidali trasportano gli isolani che non possono salire sui mezzi pubblici. “Aiutiamoci”, e una barca solidale parte dalla Palanca alla Giudecca e attraversa il Canale. Il porto sono le Zattere e i viaggiatori sono persone non vaccinate...

Il nostro giornale festeggia: oltre 10 milioni di pagine viste

"La Voce di Venezia" a luglio 2014 ha incredibilmente abbattuto il muro delle 10 milioni di pagine viste. Era ormai qualche anno fa: un pugno di ragazzi (in parte di Venezia) usciti dal corso di laurea di "Scienze della Comunicazione"...

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. VIDEO

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. In rima, con una melodia orecchiabile e quell'ironia tipica del dialetto veneziano. La cornice e lo sfondo sono proprio la città, in questa estate 2021: un anno e mezzo di emergenza sanitaria da...

Separazione Venezia – Mestre, che cosa ne pensate? Sondaggio in tre clic

Separazione Venezia - Mestre sì o no? Referendum sì, referendum no. Importanti autorità cittadine affermano che il momento storico della città lo vede necessario ed ora è opportuno. Il sindaco, Luigi Brugnaro, invita, invece, a non andare a votare per 'invalidarlo'...

Redentore di quest’anno segna il punto della città che sta finendo

E, alla fine, il Redentore, la festa più amata di Venezia, si svolse senza incidenti. Questo dicono le cronache, ma non si è trattato del solito copione che si ripete. Con un plauso per gli agenti dell'Ordine pubblico (un po' meno per...

Assessore alla Sicurezza spara durante una lite: morto marocchino

Massimo Adriatici, avvocato, assessore alla sicurezza del Comune di Voghera (Pavia), è l'uomo che ha sparato il colpo di pistola che ieri sera, poco dopo le 22, ha ucciso un uomo di 39 anni di nazionalità marocchina. Il fatto è accaduto...

Ore 12, settanta persone al Pala Expo si alzano in piedi e si mettono a cantare: è il coro della Fenice che ringrazia il...

Come in un flash mob, bello perché sorprende ed emoziona. Improvvisamente e inaspettatamente 70 persone, che parevano in attesa del proprio turno, a mezzogiorno si sono alzate in piedi e si sono esibite per mezz'ora a sorpresa, in mezzo allo stupore degli...