“Qrcode sulla nostra porta contro Airbnb, ma c’è chi affitta topaie”. Lettere

ultimo aggiornamento: 05/01/2020 ore 12:46

732

qrcode stopairbnb sulla porta venezia 040120

Stopairbnb.com ha invaso la città con i suoi Qr-code per denunciare e segnare le case date in affitto turistico.

Ha senso dire che le case per i veneziani non ci sono perché sono state portate via da quelli che affittano su Airbnb?


Perché non guardiamo mai l’altra faccia della medaglia?

Quanti appartamenti sono stati risanati , messi a norma, quante persone hanno trovato una nuova fonte di reddito?

Quanta tassa di soggiorno ha incassato il comune da queste affittanze?


Quello che vorrei dire a questi di stopairbnb.com difendete coloro che fanno questo lavoro seriamente, rispettando le leggi, che accolgono con passione centinaia di persone e che fanno assaporare il bello di questa città, che ci mettono la faccia e che amano questa città.

Lottate invece contro coloro che fanno di questo lavoro solo un fatto di lucro , lottate contro coloro che affittano topaie, che non danno servizi che fanno check-in e check-out solo online che non sanno neanche a chi affittano.

Vedrete che metà di queste case non potrebbero più affittare.

Cercatele! Invece di mettere i vostri bei bigliettini su tutti quei portoni con esposte le targhette “locazione turistica” troppo semplice!

Gianni della Valentina

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Una persona ha commentato

  1. Resta il fatto che sì, chi affitta regolarmente, pagando tasse e quant’altro, non è giusto venga etichettato, quasi marchiato con questo segno di infamia che invece andrebbe riservato ad evasori, abusivi, ecc., ma è anche da dire, a mio avviso, che chi, magari proprietario di in secondo appartamento, lo affitta (regolarmente) a turisti o a studenti lo fa per lucrarci in modo sostanzioso, arrivando a ricavarne guadagni enormi, a discapito di chi, veneziano con famiglia, rimarrebbe volentieri nella propria città. Se una famiglia di veneziani può arrivare, mettiamo, a pagare un affitto di 7-800 Euro, che sono già parecchi, con i turisti o gli studenti si guadagna molto di più (uno studente viaggia sui 300/400 Euro a posto letto). Perciò, cari pluriproprietari di immobili, certo, non fate nulla di illecito, ma moralmente siete colpevoli eccome, anche voi, dello spopolamento della città. E,credetemi, so di cosa parlo avendolo vissuto sulla mia pelle.

Please enter your comment!
Please enter your name here