25.6 C
Venezia
mercoledì 04 Agosto 2021

Profugo nigeriano ha ucciso, il giudice accorda protezione internazionale

HomeNotizie VenetoProfugo nigeriano ha ucciso, il giudice accorda protezione internazionale

martelletto giudice aula tribunale ns

Un profugo nigeriano accolto nel Veneto si rivolge al Giudice e gli confessa di aver ucciso lo zio durante una violenta lite con un uomo che aveva testimoniato il falso, favorendo lo zio stesso, a scapito del padre, in una vicenda di eredità familiare.

Anche se la Commissione prefettizia di Padova qualche mese fa aveva ritenuto che il nigeriano non possedesse i requisiti per la protezione internazionale e avesse deciso di obbligarlo al ritorno in patria, l’uomo non si arrende.

Si rivolge alla Onlus padovana “Per il mondo” e attraverso l’avvocata Chiara Pernechele, chiede al Tribunale di Venezia una rivalutazione del suo caso e dei fatti avvenuti.

Ritenendo di aver agito in difesa del padre e sapendo che il ritorno in Nigeria gli costerebbe la condanna a morte, il profugo sollecita il Giudice, a valutare nuovamente il suo diritto alla protezione internazionale.

Il giudice stravolge l’iter e le decisioni della Commissione prefettizia e stabilisce che ne ha il diritto. Prima di tutto – spiega il Giudice – la Nigeria vive una situazione di grande insicurezza e raccomanda di non imporre rimpatri forzati e di questo fatto bisogna tener conto.

Inoltre, anche se persistono seri dubbi sulle dichiarazioni del nigeriano ( il Tribunale condivide in fondo le valutazioni della Commissione prefettizia), va presa in considerazione la circostanza per la quale è fuggito dal suo paese: la condanna alla pena di morte. E questo è un fondato motivo per riconoscergli la protezione internazionale.

Se ne ridiscuterà nei prossimi mesi, in Appello, dato che il Ministero dell’Interno, ha impugnato le motivazioni della sentenza.

Andreina Corso | 29/09/2016 | (Photo d’archive) | [cod turive]

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.