Professoressa Pontini licenziata per i commenti FB, fa ricorso al Tar

La Prof. Fiorenza Pontini è stata licenziata dall'Ufficio scolastico regionale del Veneto, ancor prima di Natale. Addio alla cattedra, a meno che non sia accolto il ricorso che i suoi avvocati hanno presentato al Tar

ultima modifica: 18/01/2017 ore 15:08

3025

Professoressa Pontini licenziata per i commenti FB, fa ricorso al Tar

L’insegnante veneziana che tanto aveva fatto discutere per le sue opinioni in Facebook è stata licenziata.
La professoressa Fiorenza Pontini, evidentemente, è stata ritenuta incompatibile con la ‘mission’ della scuola per i pareri che aveva esposto sui social.

Insegnare ai ragazzi a scuola e professare pubblicamente (su Facebook) il proprio odio per i migranti sono due cose che non possono stare insieme, e la cosa aveva dato fastidio tanto che il ‘caso’ aveva assunto una rilevanza nazionale, al punto che anche trasmissioni televisive nazionali si erano occupate della professoressa.

“Almeno morissero tutti..” aveva scritto la professoressa Pontini, insegnante d’inglese al liceo ‘Marco Polo’ di Venezia, e questo alla fine (ma la vicenda non è certo conclusa essendo partiti i ricorsi) le è costato il posto di lavoro.

La Prof. è stata licenziata dall’Ufficio scolastico regionale del Veneto, ancor prima di Natale. Addio alla cattedra, a meno che non sia accolto il ricorso che i suoi avvocati hanno presentato al Tar. I motivi del ‘ben servito’ riguardano l’incompatibilità tra il ruolo di educatrice e la gravità delle frasi razziste espresse, e il danno causato con questo comportamento al prestigio
dell’istituzione scolastica.

La vicenda era deflagrata nell’ottobre scorso, ma la miccia s’era innescata in estate, quando Pontini, 59 anni, sposata, due figli, una lunga carriera d’insegnamento alle spalle, s’era lasciata andare a post feroci e xenofobi su Facebook contro i migranti dei barconi che arrivavano sulle coste siciliane. “Bruciateli vivi”, o anche “ammazzateli tutti”; poi un corollario di frasi violente contro tutto e tutti – i migranti, i loro figli, i musulmani, il premier Renzi, la presidente della Camera Boldrini -.

A scoprire quelle frasi imbarazzanti sul profilo social della nuova professoressa d’inglese erano stati gli studenti del liceo ‘Marco Polo’, dove Pontini era giunta per il nuovo incarico a settembre. Da li’ alla segnalazione della preside all’Ufficio scolastico il passo è stato breve.

Così pochi giorni dopo il Miur aveva reso noto che l’insegnante ‘razzista’ era già al centro di due procedimenti disciplinari avviati dall’Ufficio Scolastico regionale.

La vicenda di Fiorenza Pontini aveva suscitato proteste e polemiche a livello nazionale. Su quelle frasi pesanti aveva aperto un fascicolo, nell’ipotesi di istigazione all’odio razziale, la Procura di Venezia.

Dal mondo politico, in modo trasversale, era partita la richiesta della linea dura nei confronti della prof veneziana. L’epilogo prima della fine del 2016, con il licenziamento dell’insegnante. Che però non vuole arrendersi, e ha presentato ricorso al Tar. La prima udienza, con l’Ufficio Scolastico costituito in giudizio per difendere il proprio operato, dovrebbe tenersi il 25 gennaio.

Riproduzione Riservata.

LEGGI TUTTO

 

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Carnevale di Venezia 2020
➔ Nuovo virus cinese 'Coronavirus' ceppo della Sars: tutti gli aggiornamenti

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here