2.4 C
Venezia
martedì 30 Novembre 2021

Priority Venezia, dati positivi finora dove implementato

HomeTrasportiPriority Venezia, dati positivi finora dove implementato
la notizia dopo la pubblicità

nuovo pontile actv piazzale roma venezia
 
Sembra aver dato buon esito la sperimentazione messa in atto dal Comune e Actv riguardo il Progetto Priority Venezia, che ha permesso ai residenti di usufruire di una entrata in pontile privilegiata e distinta da quella strettamente turistica. L’avvio di questo collaudo, realizzato dopo molte perplessità da parte di cittadini e osservatori, riscontra oggi, a oltre un anno dalla sua nascita il gradimento degli utenti.

Alla luce di questa prima positiva verifica, riconosciuta dal Direttore generale di Avm Giovanni Seno e dall’Assessore alla Mobilità Renato Boraso, durante la seduta della Commissione competente a Ca’ Farsetti, dai pontili di Piazzale Roma, Rialto, Ferrovia, Santa Maria Elisabetta del Lido, Murano e Burano, fin qui pionieri dell’iniziativa, si potenzierà il servizio su quei pontili (San Zaccaria e Accademia) che permetteranno l’apertura di varchi. La loro realizzazione ha però bisogno di studio e tempi, anche per rispettare i canoni dettati dalla Soprintendenza, che deve valutare le compatibilità architettoniche e ambientali con la strutture previste.

I numeri raccontano che su circa 40mila ingressi giornalieri sono intorno ai 14mila gli accessi prioritari negli imbarcaderi preposti e la punta più alta la si ha a Piazzale Roma, con il 61%; a seguire Rialto, con il 49%, e Santa Maria Elisabetta con il 37%, Santa Lucia con il 17% e le isole intorno al 12%.

Si spiegano così le adesioni alle tessere Venezia Unica prioritaria (232.000), un 7% delle quali usufruite da studenti e pendolari, Sono comunque 900mila le tessere emesse e a valersene, per ora, sono 500mila utenti.

In commissione sono state ampiamente spiegate e ragionate le scelte dei varchi prioritari:evitare le resse, permettere a chi deve andare a lavorare o a scuola di fruire del mezzo di trasporto nei tempi necessari, decongestionare il traffico, tentare insomma l’armonizzazione di una realtà difficile e sempre logorata da una realtà, che nonostante la buona volontà delle istituzioni, prevarica le stesse con presenze tali e tante, non compatibili di conseguenza con una navigazione serena.

Andreina Corso

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Andreina Corso
Cittadina 'storica' di Venezia, si occupa della città e della sua cronaca. Cura gli approfondimenti, è giornalista, insegnante, autrice letteraria, poetessa.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Anche la banca diventa bar: 50 ora i locali a Santa Margherita. Di Andreina Corso

Il problema Movida e i suoi affluenti, vien da dire ridendo amaro. Abbiamo ricevuto una bella lettera, lungimirante da Eric, cittadino canadese, che riportiamo qui sotto, per chi non l’avesse ancora letta. “Sono canadese e sono andato due volte in Venezia. Mi...

“Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Lettere

"L'unica ricchezza per Venezia è il turismo e un turismo molto sostenuto è l'unico che può dare delle entrate a tutti".

La Venezia perduta. Addio a Testolini, la cartoleria dei veneziani. Storia e ricordi

Testolini chiude, dal 1911 la cartoleria dei Veneziani. Storia e ricordi di un altro pezzo di Venezia che scompare. Intervista a Stefano Bettio, assieme al fratello Alessandro, ultimi gestori.

Rottweiler libero in spiaggia azzanna una donna, paura a Jesolo

Il rottweiler ha attaccato e affondato i denti al polso della malcapitata che cercava proprio in questo modo di "parare il colpo".

Venezia e sovraffollamento di turisti: altro weekend di passione

Ritorna l’onda alta della marea di turisti che assediano Venezia e che rispecchiano, come già tante volte abbiamo visto in questi anni, le situazioni di disagio e di crisi che la città si trova a subire a causa del sovraffollamento, dopo...

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia. 82 anni, dopo avere preso la pillolina blu ha tentato di avere un rapporto sessuale con la moglie. Ma la donna, sua coetanea, ha avuto paura "dell'impeto" ed ha chiamato la polizia.  E' inutile descrivere...

“Lido: ragazzi ubriachi di notte ovunque. Uno saltava sul tetto di un’auto. Ci si preoccupa solo di far arrivare turisti…”. La lettera

Lido, in una laterale del Lungomare all'altezza della zona A, ore 2.00 del lunedì notte. Ormai col caldo si dorme con le finestre aperte, anzi in realtà non si dorme molto perché dalla strada arrivano voci, urli e schiamazzi, non c'è...

Actv, dipendenti, utenti, sindacato: chi ha ragione?

Filt Cgil giudica severamente il sistema dei trasporti, fino a definirlo indecente e vergognoso, l'azienda accusa il sindacato di spacciare fake news...

Situazione Actv/Avm Venezia: Brugnaro convoca i sindacati

Nonostante a Venezia i flussi turistici siano ripresi, nei primi dieci mesi del 2021 situazione ricavi peggiore di quanto si prevedeva

Dove si buttano le batterie a Venezia? E un cellulare? Ecco luoghi e orari: è una “ecomobile”

Forse non tutti sanno che a Venezia esiste un' "Ecomobile" acquea itinerante, che raccoglie alcune tipologie di rifiuti urbani pericolosi. Utile, pertanto, ricordarne orari e luoghi, anche perché con l’ora solare, da martedì 9 novembre, sono cambiati gli orari. E’ stata inoltre istituita...

I plateatici dei bar di Venezia tornano al loro posto

I plateatici di Venezia torneranno al loro posto originale il 31/12/21 "rientrando" dalle espansioni concesse per compensare il lockdown.

Se un lavoratore ha l’Indennità di Disoccupazione e al tempo stesso lavora «in nero» cosa accade?

Al lavoratore che ha reso all'INPS o al Centro per l'Impiego la dichiarazione dello stato di disoccupazione può essere contestato il reato di falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico (art. 483 c.p.) che prevede la sanzione della reclusione fino a due anni.