Posto di Polizia del Lido di Venezia. L’ennesima vergogna del nostro Ministero

ultimo aggiornamento: 07/01/2015 ore 07:47

248

lido di venezia gran viale santa maria elisabetta LARGE

Il 30 luglio 2014, durante l’incontro avvenuto tra le Organizzazioni Sindacali e il Ministero dell’Interno, relativo alle sedi disagiate per l’anno 2015, era stata riconosciuta, dopo dure rivendicazioni dell’UGL Polizia di Stato, sede disagiata il posto di polizia del lido di Venezia.

Infatti, con questo sacrosanto riconoscimento, i colleghi in servizio al lido di Venezia avrebbero potuto così consumare un pasto completo presso l’isola grazie ad un esercizio convenzionato, e non più come prima con i soli 4,65€ a disposizione.


Ora: dal 1 gennaio era tutto pronto, ma dal 30 luglio, il decreto che andava a riconoscere il lido sede disagiata, non è stato ancora firmato e quindi la prefettura non può definire e ultimare la convenzione con il ristoratore.

Morale della favola? i colleghi stanno pagando di tasca loro i pasti! Su questa questione daremo battaglia a Roma mediante la nostra segreteria nazionale che è già stata informata dell’accaduto.

Non è possibile che dal 30 di luglio, e quindi da ben cinque mesi, dei decreti non siano ancora stati firmati.
A questo punto pensiamo che non siano stati firmati tutti i decreti per tutte le sedi disagiate d’Italia. Questa la consideriamo l’ennesima dimostrazione della vergogna all’italiana, degna di nota che evidenzia come la burocrazia nel nostro paese sia uno dei mali che affliggono la pubblica amministrazione.


E poi il premier Renzi parla di rivedere la questione dei dipendenti pubblici, inizi a rivedere come stanno messe le cose a Roma, poi pensi al resto.

Mauro Armelao
Segretario Generale Provinciale
UGL Polizia di Stato di Venezia

[07/01/2015]

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here