martedì 18 Gennaio 2022
7.5 C
Venezia

Mestre, in treno: prego biglietto ma la straniera sferra un pugno in faccia al capotreno

HometreniMestre, in treno: prego biglietto ma la straniera sferra un pugno in faccia al capotreno

Mestre  treno  biglietto straniera pugno capotreno 200207

Un giorno con la Polizia Ferroviaria di Venezia Mestre: 7 denunce a fine giornata e, tra le righe, si scoprono esperienze veramente assurde.

Ne raccontiamo tre. Si comincia con una denuncia ad una rappresentante del ‘gentil sesso’.

Gli operatori della Sezione Polizia Ferroviaria di Venezia-Mestre sono stati costretti a denunciare all’Autorità Giudiziaria una cittadina straniera perché colpevole di aggressione nei confronti di un capotreno.

Qualche attimo prima, infatti, la donna aveva reagito con violenza inaudita alla richiesta di esibire il titolo di viaggio, di cui era, in realtà, sprovvista, e lo aveva colpito con forza al volto.

Gli stessi operatori hanno poco dopo denunciato in stato di libertà un italiano quarantenne ed uno straniero ventenne per rifiuto di fornire indicazioni sull’identità personale: a bordo di un convoglio in partenza, infatti, i due, anch’essi privi di regolare biglietto, non hanno voluto regolarizzare la loro posizione, né declinare le proprie generalità al capotreno.

A seguito di controlli effettuati all’interno dello Scalo Ferroviario di Marghera, invece, il personale della stessa Sezione Polizia Ferroviaria ha proceduto alla denuncia in stato di libertà di un albanese resosi responsabile di furto aggravato.

Lo straniero, gravato da vari precedenti penali e già denunciato all’Autorità Giudiziaria come autore di una serie di furti di bagagli avvenuti sempre con il medesimo modus operandi, è stato trovato in possesso di una somma di denaro di 20.000 yen, risultati essere il provento di un furto perpetrato poco prima ai danni di una turista giapponese.

La vittima, infatti, aveva appena sporto denuncia, negli uffici della Polizia Ferroviaria di Venezia S. Lucia, in merito al furto del proprio bagaglio, contenente esattamente la stessa somma di denaro, avvenuto a bordo di un treno Italo, in sosta nella stazione di Venezia-Mestre.

Le indagini e le immagini delle telecamere di videosorveglianza dello scalo hanno permesso di riconoscere con assoluta certezza l’albanese come l’autore del reato e di denunciarlo all’Autorità Giudiziaria.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Separazione Venezia – Mestre, che cosa ne pensate? Sondaggio in tre clic

Separazione Venezia - Mestre sì o no? Referendum sì, referendum no. Importanti autorità cittadine affermano che il momento storico della città lo vede necessario ed ora è opportuno. Il sindaco, Luigi Brugnaro, invita, invece, a non andare a votare per 'invalidarlo'...

Capodanno 2022 a Venezia e divieti: feste private con balli fino al mattino

“La serata continuerà fino alle 4:00”, “festa open bar dopocena”, “Dj set dance, revival, house”: con questi e altri slogan vengono pubblicizzati i vari party di Capodanno in programma nei palazzi e negli hotel di Venezia. Nonostante la “stretta” del Governo che...

Le sirene esistono? Ecco un video reale di pescatori per farvi riflettere e decidere (video non manipolato)

Le sirene sono personaggi leggendari che hanno sempre accompagnato la mitologia di tutte le culture. In tempi moderni la questione si è ulteriormente arricchita grazie all'avvento di telecamere più economiche, così sono cominciati a circolare sedicenti video che le riprendevano. Le sirene...

“Venezia è ingorda di denaro. Sarebbe l’ora di un progetto sostenibile”. Lettere

Io vengo saltuariamente a Venezia dove possiedo un mini appartamento comperato 15 anni fa. Amo Venezia la sua storia i suoi scorci e la sua arte. Mi sono riconosciuto in essa essendo discendente da famiglia istro-veneta. Purtroppo negli ultimi anni Venezia...

Mostra del Cinema: non si riesce a vedere film, noi andiamo via. Lettere

Buongiorno, siamo un gruppo di accreditati che da anni vengono a Lido per la Mostra. Vogliamo portare a conoscenza e rendere pubblico che ce ne andiamo, siamo in partenza anche se mancano cinque giorni alla fine. A che pro stare qui se non...

Venezia si spopola: contatore ormai a 50mila residenti

Lentamente, i veneziani sono costretti a lasciare la loro città. L’agonia silenziosa degli esiliati in terraferma, inesorabile come una malasorte, è registrata fin dal 2008 su iniziativa di Venessia.com, dalla Farmacia Morelli in campo San Bartolomeo che ha posto in vetrina un...

Processo del lavoro e prova per testimoni: la delicata posizione del collega-testimone

In questo articolo analizzeremo la delicata posizione del testimone all'interno del processo del lavoro e come tale problematica stia evolvendo alla luce della crescente precarizzazione della forza-lavoro. Nel rito speciale del lavoro, come più in generale nel processo civile, è ammessa la...

Venezia: da oggi mascherine all’aperto in certe aree. Ecco dove

Venezia: allargamento dell’obbligo dell’uso di mascherine all'aperto alle aree della movida e nelle piazze. Dal 6 dicembre Green Pass obbligatorio fin dai pontili degli imbarcaderi per favorire i controlli a campione

Walter Onichini è in carcere, Zaia: “Mattarella conceda la grazia”

Caso Onichini: Zaia chiede la grazia per il macellaio che è in carcere per aver sparato al ladro. "Mi rivolgo al capo dello Stato e chiedo che venga concessa la grazia a Walter Onichini", sono state le parole del presidente della Regione...

Se un lavoratore ha l’Indennità di Disoccupazione e al tempo stesso lavora «in nero» cosa accade?

Al lavoratore che ha reso all'INPS o al Centro per l'Impiego la dichiarazione dello stato di disoccupazione può essere contestato il reato di falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico (art. 483 c.p.) che prevede la sanzione della reclusione fino a due anni.

“Venezia non è più in pericolo??” Decisione Unesco incredibile. Lettere

I TURISTI continuano a soffocare Venezia senza alcuna limitazione, specie quelli pendolari che sbarcano con barche “Gran Turismo” col benestare del sindaco che ad oggi non ha posto in essere alcun limite. Anzi, pare interessato a far “assaltare” la città da...

Cinema Santa Margherita: avevamo i pantaloni corti

La Venezia che era. Quella in cui siamo nati e cresciuti. Per molti l'unica vera, intesa come città. La foto risale agli anni 50-60. A quei tempi la città era ricca di sale cinematografiche che attiravano sempre un grande pubblico soprattutto nei...