Pochi, oberati, a volte senza protezioni: i medici di base entrano in sciopero

ultima modifica: 19/11/2020 ore 09:09

494

Lettere al giornale. Dov'è Dio?

I medici di famiglia sono pochi, sempre più oberati tra mille incombenze, a volte senza le protezioni minime e spesso contagiati, ed ora dicono: “Stop”. “Diteci come sono stati spesi i 780 milioni per le Usca” urlano proclamando lo stato di agitazione perché tutta l’assistenza territoriale è sulle loro spalle.
I medici di base si sentono tartassati, scarsamente tutelati e anche ingiustamente criticati: così oggi sei sigle sindacali, che rappresentano il 45% dei convenzionati insieme con i pediatri di libera scelta, sono entrati ufficialmente il stato d’agitazione.
Ma soprattutto vogliono gridare che “il sistema territoriale è al collasso”.
E non è solo per il carico di lavoro, ma anche perché troppi colleghi sono rimasti contagiati e gli ambulatori rischiano di restare vuoti. “I medici


sono sottoposti a turni di lavoro massacranti anche a causa dei colleghi malati di Covid. Sono più di 20 mila gli operatori sanitari (tra ospedalieri, Mmg e infermieri) infettati da settembre a oggi, tra cui i medici di medicina generale, lasciati spesso senza protezioni; chi rimane deve svolgere il lavoro anche per altri”, dicono.
E aggiungono: “Degli undici medici morti per Covid nella seconda ondata, nove erano medici di famiglia”.
Le organizzazioni sindacali Federazione CIPe SISPe SINSPe, Fp Cgil Medici e Dirigenti SSN, La.Pe.L, SIMET, SMI, SNAMI spiegano: “siamo costretti ad entrare in stato di agitazione perché vogliamo lavorare in condizioni di sicurezza e allo stesso tempo vogliamo verificare gli interventi strutturali del governo, appurando come i 780 milioni per la creazione delle Usca siano stati spesi finora. Le Usca attivate sono in numero ridotto e per questo non riescono a svolgere il lavoro che sono chiamate a fare per legge”.
II segretario nazionale della Fp Cgil Medici

Andrea Filippi lo dice chiaro e tondo: “Basta con gli alibi. Il potenziamento dei servizi territoriali non è stato fatto e si è tradotto in una grave perdita di tempo, anche sul tracciamento”.
E ancora: “La medicina generale non deve restare isolata, ma deve essere integrata con i servizi di igiene pubblica. Noi medici siamo disponibilissimi, ma il sistema va finalmente organizzato”.
Dal canto suo il Sindacato medici italiani (Smi) denuncia: “In queste condizioni drammatiche non abbiamo visto alcun investimento strutturale per potenziare la rete territoriale della medicina generale”.
Lo Smi inoltre chiede tutele assicurative per tutti i colleghi ammalati e l’estensione della copertura Inail.
In una nota congiunta l’Intersindacale medica risponde alle accuse di chi se la prende con i camici bianchi:


“Non convince chi in modo provocatorio, sostiene dalla tribuna di qualche talk show televisivo di andare a stanare i medici di medicina generale per fare i tamponi e dare assistenza ai pazienti Covid”.
E conclude: “Vogliamo ribadire che l’unica possibilità che abbiamo di difendere i nostri pazienti fragili è quella di separare gli assistiti potenzialmente sani dagli altri potenzialmente Covid. Per queste ragioni abbiamo chiesto le stesse misure di sicurezza dei colleghi medici negli ospedali”.

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here