COMMENTA QUESTO FATTO
 

Picchiano marinaio Actv che risponde male, arriva il capitano: picchiato anche lui

Un altro episodio di violenza notturna a Venezia, ma in nessun modo correlato con l’aggressione-scippo avvenuto ai danni della donna a Santo Stefano. In questo caso un equipaggio Actv, capitano e marinaio, sarebbe stato malmenato da due utenti veneziani che erano a bordo.
Assurda la dinamica dei fatti e come possa aver originato tanta violenza, come scrive il Gazzettino in edicola oggi.

È da poco passata mezzanotte quando un vaporetto Actv imbarca alla fermata della Palanca della Giudecca. Tra gli altri, salgono due coppie, tra i 40 e i 50 anni di età. Vestiti bene, veneziani. I passeggeri fanno notare al capitano Actv che la corsa precedente li ha lasciati a terra passando per la fermata minuti prima.

Il pilota non avrebbe usato parole di circostanza per “consolare” in qualche modo i danneggiati (si sa che alla Giudecca dopo mezzanotte non è che passino tanti vaporetti), bensì avrebbe scelto di adottare una strategia muro-contro-muro rispondendo: “Il vaporetto precedente è passato in perfetto orario, ed ora i signori favoriscano i biglietti…”.

Una parola tira l’altra: l’intransigenza dell’addetto al comando del mezzo e gli animi già caldi dei passeggeri appena imbarcati hanno fatto scatenare la rissa. L’addetto Actv, avrebbe avuto la peggio, sbattuto contro la porta della cabina e preso a schiaffi e pugni.
La parte opposta dichiarerà poi, invece, che il capitano è intervenuto muovendo subito le mani, tanto che la signora della coppia è finita a terra sbattendo la testa. Il tutto mentre il vaporetto resta ormeggiato al pontile e mentre gli altri passeggeri assistono alla scena terrorizzati.

Il pilota riesce a imboccare a tutta velocità l’imbarcadero per fuggire a piedi per la fondamenta della Giudecca. Scappando di corsa trova una pattuglia della Finanza che presta aiuto.

Al termine di quei lunghi minuti intervengono i carabinieri che raccolgono le deposizioni, mentre arriva un secondo mezzo Actv che abborda “a lai” il primo, permettendo agli altri passeggeri, spaventati per quanto successo, di salire a bordo del nuovo vaporetto per continuare la loro corsa.

Il seguito, con tutta probabilità, sarà cronaca giudiziaria.

Mattia Cagalli

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here