COMMENTA QUESTO FATTO
 

arisa controvento vince festival di sanremo

Le melodie presentate quest’anno al Festival, mediamente, erano abbastanza modeste a detta di quasi tutti. Ecco anche perchè Arisa ha vinto Sanremo: «Controvento» è un brano potente, studiato sulla voce particolare di Arisa, che sa essere dolce ma anche ricca, e che in questa occasione si fa ella stessa strumento. La ragazza un po’ timida che avevamo intervistato a Venezia quattro anni fa è definitivamente diventata una signora della musica italiana.

Arisa, con la canzone “Controvento”, ha vinto meritatamente Sanremo (davanti a Raphael Gualazzi e Renzo Rubino) giunto alla sessantaquattresima edizione. Il suo risultato tiene conto di televoto e giuria di qualità, in una notte di finale che sembra non finire mai.

La serata comincia con don Matteo-Terence Hill, entrato in scena buttandosi giù dalla scalinata del teatro in bicicletta. Luciana Littizzetto indossa il vestito bianco da sposa. E Fabio è in tight. Ci vuole una pistola nascosta sotto l’abito talare del sacerdote per togliere a Fabio ogni «tentennamento». Luciana accetta solo perché il parroco-investigatore di Rai1 le consente di continuare a dire qualche parolaccia. Fabio si prende subito del «pirla» e più avanti Luciana si concederà una seconda licenza: «Sei una m…».

«Vi dichiaro marito e moglie finché Sanremo non vi separi» mentre risuona «non ci lasceremo mai» lanciata da Wess e Dori Ghezzi. Lei è per la coppia aperta: «Faccio entrare anche Vessicchio. E se vuole anche Renga».

Renga, appunto, era da molti considerato il favorito per la vittoria finale. Il cantante melodico convince televoto e radio, è primo in entrambe le classifiche con «Vivendo adesso», ma la vittoria finale va ad Arisa.

Doveva essere il Festival della contemporaneità, ma se ne è vista pochina in un Sanremo che ha fatto della celebrazione e dell’amarcord il suo tema conduttore.
Il premio della critica della sala stampa va a «Invisibili» di Cristiano De André, e quello della sala radio-tv-web che va ai Perturbazione.

Paolo Pradolin

[23/02/2014]

Riproduzione vietata

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here