spot_img
spot_img
spot_img
15.8 C
Venezia
sabato 16 Ottobre 2021

Parrucchieri aperti di domenica per fronteggiare la crisi

HomeTrevisoParrucchieri aperti di domenica per fronteggiare la crisi

Parrucchieri, barbieri, estetisti, tatuatori, ecc: in bottega di domenica.
Accade a Treviso dove è stata firmata una ordinanza ad hoc per acconsentire di tenere aperto la domenica e nei giorni festivi.
I negozi potranno tenere aperto fino alle 20.
Si tratta di un espediente per cercare di recuperare (almeno parzialmente) il tempo perduto e cercare di arginare la crisi portata dalle chiusure forzate.

I parrucchieri, i barbieri, gli estetisti e i tatuatori, da questo weekend, potranno lavorare alla domenica e nei giorni festivi dalle 7 alle 20.
Il sindaco Mario Conte ha firmato l’ordinanza che permette ai saloni specializzati nella cura della persona (previa comunicazione al Comune e a esclusione di quelli situati all’interno dei centri commerciali) – in deroga allo specifico regolamento – di alzare le serrande tutti i giorni.

“Con questa ordinanza vogliamo dare la possibilità a queste categorie di lavorare dopo la chiusura prolungata dovuta alla zona rossa – afferma Conte. – . Si tratta di un’agevolazione per organizzare l’attività su 7 giorni e a tutela della salute pubblica visto che viene garantita una migliore pianificazione degli accessi”.

Dal giorno 6 aprile il Veneto è in ‘zona arancione’ e questo ha permesso a diversi esercizi commerciali definiti “per la cura della persona” la riapertura.
Niente da fare ancora, però, al momento, per palestre, piscine, musei e cinema: essi devono restare ancora chiusi.

» ti potrebbe interessare anche: “Veneto arancione ora: cosa si può fare

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

Data prima pubblicazione della notizia:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTIZIE DELL'ARCHIVIO DEL GIORNALE COMMENTATE DAI LETTORI QUI SOTTO

pubblicità
spot
Advertisements