COMMENTA QUESTO FATTO
 

La trasgressione, il proibito, ma anche la mancanza di comunicazione (o troppa, quella digitale), l’importanza del rapporto tra i sessi e delle relazioni tra uomini e donne. Tutto ciò è racchiuso nello scrigno irlandese di Sally Rooney, l’autrice 27enne di ”Parlarne tra amici” (Einaudi, pagg. 304, 9,99€), un romanzo di vita vera, che indaga sull’infedeltà, sui rapporti umani e lo fa a metà tra una commedia romantica e a tratti un testo femminista.

La protagonista è Frances, 21 anni, colta, scrive poesie che recita nei locali e non ha ancora deciso cosa fare della sua vita. Ha un’amica del cuore, Bobbi, che è stata anche la sua amante ed insieme incontrano una coppia di 30enni: Melissa, fotografa, e suo marito Nick, attore depresso. In questa atmosfera bohémienne di Dublino, si intrecciano le loro vite: Frances non è mai stata con un uomo eppure si innamora, forse, di Nick; Bobbi flirta con Melissa.

Dublino, ma potrebbe essere qualsiasi tipo di città europea o del mondo, perché in Parlarne tra amici, sono le case i luoghi dove l’amore, l’infedeltà e le gelosie, scoppiano: dove accade tutto e di tutto. Tra triangoli amorosi, sentimenti che si creano ed altri che riaffiorano, il libro procede spedito, emozionando la lettrice.

È un romanzo semplice, che indaga sulla complessità interiore dei protagonisti. Frances è schiva, fa fatica a dire ciò che pensa e prova, Bobbi al contrario è spudorata, si butta sempre, spesso lascia che sia il destino a scegliere per lei, ma è anche sicura di se stessa, sa ciò che vuole e non vuole. Melissa è la più ”adulta”, ha fatto molti errori, è fragile ma non lo dà a vedere, Nick invece, ama compiacere gli altri, non ha molta spina dorsale e si lascia governare.

È tutta una questione di comunicazione e giochi di potere. Parlarne tra amici è fatto di riflessioni (di e su mente e corpo), su quello che si vuol dire e trasmettere, su ciò che si desidera e spesso non si riesce a raggiungere, per non fare del male agli altri, per non farsene e perché a volte è semplicemente ”meglio così”.

Perchè a volte la scelta migliore è mettersi alle spalle il passato. Quello che rimane in superficie, viva però, è l’incapacità di fidarsi degli altri. Ce l’hanno un po’ tutti i personaggi, soprattutto Frances (che ha un padre quasi totalmente inesistente), ma è anche la scintilla che alimenta quel mettersi in gioco quotidianamente.

Parlarne tra amici non è solamente un romanzo che riflette sull’amicizia e l’amore; a metà tra un film romantico di Woody Allen e un altro francese. È irriverente, sfrontato, indagatore, ricco di realismo (dalla quotidianità ai sentimenti) e al peperoncino, ideale per tutte coloro che vogliono emozionarsi ed assaporare un po’ di quel pepe tra le pagine.

 
ASSOCIAZIONE LA VOCE DI VENEZIA 5X1000
 

Alice Bianco
Riproduzione vietata

Riproduzione Riservata.

 
Alice Bianco Sara Prian
Laureate in Tecniche Artistiche e dello spettacolo, sono grandi esperte di cinema e libri. Curano la rubrica di opere letterarie: recensioni editoriali, rassegne e nuove uscite. Sono Editor, Social Media Manager, Copywriter E' possibile contattarle a: pandorarecensioni.vdv@gmail.com

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here