Al Verona non basta Tachtsidis: sotto con il Palermo, 2 a 1 al Barbera

ultimo aggiornamento: 01/02/2015 ore 20:02

94

palermo verona 2 a 1

Palermo batte al Barbera il Verona al termine di una partita divertente, aperta subito dal gol dei veneti di Tachtsidis. Gli uomini di Mandolini si fanno però rimontare subendo le reti di Dybala e Belotti.
Iachini riesce ad ammortizzare le assenze di Maresca e Rigoni, perni del centrocampo. Il primo è ancora infortunato, il secondo, influenzato, dà forfait all’ultimo minuto. Esordisce, allora, il neoacquisto Jajalo (buono il suo debutto), centrocampista croato arrivato in settimana.
Mandorlini, invece, deve fare a meno degli indisponibili Jankovic,Rodriguez e Hallfredsson e propone Lopez e Toni (ex di turno, fischiatissimo) davanti, con Saviola che parte dalla panchina.

Partenza sprint per il Verona che riesce subito ad andare in vantaggio. Vitello, sul calcio d’angolo battuto da Greco all’8′, perde la marcatura su Tachtsidis. Il greco impatta alla perfezione la palla di testa e batte l’incolpevole Sorrentino.
Il vantaggio dei veneti dura appena 10′, però. Al 18′, infatti, è il solito Dybala a togliere le castagne dal fuoco con un calcio di punizione perfetto, da circa venti metri, che batte sul palo interno alla sinistra di Benussi e si infila alle sue spalle.

A questo punto, gli equilibri si invertono e il Palermo si butta in avanti alla ricerca del 2-1. Ci prova Vazquez, al 20′, da oltre trenta metri, ma il portiere blocca. Il Verona aspetta il momento giusto per affondare. Lo trova al 35′ quando Toni spizzica di testa su cross dalla destra, Lopez si avventa sulla palla ma viene contrastato da Sorrentino, la sfera torna di nuovo dalle parti di Toni, anticipato per un pelo da Vitiello, che evita il gol a porta vuota.
Il Palermo si affida invece alla magica coppia Dybala-Vazquez che duettano al limite dell’area, prima che la palla finisca a Barreto. Il capitano serve nuovamente il “mudo” all’altezza del dischetto del rigore, ma l’argentino spara alto.

Pressa il Palermo anche nella ripresa. La collezione di calci d’angolo non porta però grandi pericoli nell’area di Benussi. Gli scaligeri cercano, invece, il contropiede con Toni a fare da boa. Proprio il bomber ha una buona occasione al 20′ su un calcio di punizione dalla trequarti di Greco, il suo colpo di testa finisce però di poco al lato.
E’ l’unica palla pericolosa dalle parti di Sorrentino, mentre diventa sempre più affollata la metà campo veneta.

La pressione porta i suoi frutti al 34′. Sul cross di Vazquez dalla sinistra, Belotti si fa vedere sul primo palo e riesce a sfiorare di testa sull’anticipo di Marquez. Solo la moviola potrà sciogliere i dubbi sulla paternità della rete. Mandorlini tenta la carta Savoia, che appena entrato serve al centro un pallone pericolosissimo. Blocca Sorrentino. Inutile la pressione finale del Verona.

Palermo-Verona 2-1
Reti: nel pt al 8′ Tachtsidis, al 18′ Dybala. Nel st al 34′ Belotti.
Angoli: 7 a 4 per il Palermo.
Recupero: 2′ e 4′.
Ammoniti: Marques, Andelkovic per gioco falloso.

Mattia Cagalli

[02/02/2015]

Riproduzione vietata

Riproduzione Riservata.

 

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here