20.4 C
Venezia
domenica 26 Settembre 2021

Palacio solleva l’Inter, mentre Tohir prega in tribuna

HomeCalcioPalacio solleva l'Inter, mentre Tohir prega in tribuna

tohir prega derby inter milan

Rodrigo Palacio ha fatto il regalo di Natale. Un semplice colpo di tacco che ha fatto provare emozioni forti al nuovo presidente indonesiano.
Palacio confessa candidamente: «Il gol più importante della mia carriera nel derby più importante del mondo. Questo successo ci dà fiducia, ora andiamo in vacanza contenti, ce lo meritiamo. Un attaccante da affiancarmi nel mercato di gennaio? Non lo so, io mi trovo meglio se ho qualcuno vicino davanti, ma gioco dove mi dice il mister, non ho problemi».

Angelomario Moratti, scravattato, è seduto vicino a Erick Thohir che fa gli onori di casa a Barbara Berlusconi. Massimo Moratti, è invece assente, rimasto a New York per questioni personali.

A Tohir quindi coprire il ruolo del presidente in toto: «Sapevo che sarebbe stata dura: contro di noi il Milan dà sempre il suo meglio». Presidente, quelle mani giunte quasi in preghiera? «Lo ammetto, negli ultimi 5 minuti ho pregato».
«Una rete fantastica, una delle più belle di tutta la stagione». E Nagatomo capitano è da interpretare come un’apertura verso l’Asia? «L’Inter ha tre leader: Zanetti, Cambiasso e Nagatomo. A me piacciono tutti». E su Walter Mazzarri? «Abbiamo come obiettivo quello di migliorare la classifica dello scorso anno. Possiamo arrivare in Champions ma ci serve stabilità. Poi ci attrezzeremo per i prossimi anni. Ho fiducia nel tecnico e in tutti i giocatori. Non dimentichiamoci che sono qui solamente da un mese…».

E’ felice il neo presidente che oggi riparte con moglie e quattro figli, obiettivo vacanze negli Usa. Non prima di aver confermato la piena fiducia a Meno male che Valentino (Rossi) esiste. Nel suo blitz a San Siro, ieri, ha incrociato Thohir e gli ha chiesto di comprare Messi o Cristiano Ronaldo: «Era una battuta, il presidente ha sorriso. L’Inter ha perso qualche punto per strada, ma sono contento di come stiamo giocando. La rosa va rinforzata per stare davanti al Milan e arrivare nei primi tre».

Al derby di Milano, alla fine, pochi assenti: Moratti (padre) Berlusconi (padre), e soprattutto i danè. Ma a gennaio, per fortuna, cominciano i saldi.

Roberto Dal Maschio

[23/12/2013]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTIZIE DELL'ARCHIVIO DEL GIORNALE COMMENTATE DAI LETTORI QUI SOTTO

pubblicità
spot
Advertisements
sponsor