11.9 C
Venezia
sabato 27 Novembre 2021

Padova: infermiere sedava le donne ricoverate in ospedale e le violentava

HomeViolenza sessualePadova: infermiere sedava le donne ricoverate in ospedale e le violentava
la notizia dopo la pubblicità

Le vittime mai avrebbero potuto pensare di trovarsi in un luogo minacciato dalla spietatezza di chi può approfittare di una donna sedandola con farmaci a base di benzodiazepine, per poi violentarla sessualmente

Padova: infermiere sedava le donne ricoverate in ospedale e le violentava

Ogni paziente ricoverato in ospedale vede nell’infermiere un figura rassicurante, un ponte fra la malattia e la guarigione, quando è possibile, e per questa ragione gli si affida con fiducia. Sa di dover affrontare un periodo difficile, spesso conta sulla presenza rassicurante del personale che lo cura e mai potrebbe immaginare di trovarsi in un luogo invece minacciato dalla spietatezza di chi può approfittare di una donna malata, sedandola prima con farmaci a base di benzodiazepine, per poi violentarla sessualmente.

E’ stata proprio la continua e consistente diminuzione dei farmaci ad insospettire i medici e gli infermieri del reparto di Neurochirurgia di Padova, che hanno voluto andare a fondo del problema, capire cosa stesse succedendo in quelle stanze, dove misteriosamente i barbiturici sparivano.

I carabinieri del Nas hanno avviato le indagini e utilizzando le telecamere nelle stanze, hanno potuto assistere a scene raccapriccianti. Un infermiere di 41 anni, E.C. somministrava dosi massicce di tranquillanti, ad una paziente cinese di 58anni e una volta sedata a sufficienza, si infilava nel suo letto.

Ora dal carcere Due Palazzi di Padova, dove è stato condotto per essere stato colto in flagranza di reato, dovrà rispondere di violenza sessuale aggravata e la Direzione Sanitaria ha presentato un esposto in Procura, ravvisando la necessità di ulteriori accertamenti. S’interroga infatti su quante donne siano state violentate, sulle conseguenze della somministrazione indebita di benzodiazepine, mentre i Nas controlleranno certificazioni di richieste farmacologiche: si sospettano firme false e atti di contraffazione delle certificazioni mediche.

I commenti dei colleghi, che mai avrebbero potuto immaginare la gravità degli avvenimenti, riportano però qualche lacuna in merito alla condotta dell’infermiere, sembra che proprio un mese fa una paziente si sia lamentata e abbia minacciato denuncia e che più volte la commissione disciplinare dell’ospedale si sia dovuta occupare dell’operatore sanitario che ha violato così gravemente la missione deontologica del suo lavoro.

Sarà compito degli investigatori ricostruire i tempi, i modi, la quantità delle violenze perpetrate su donne malate, fragili, che nulla hanno potuto fare per difendersi da quel mostro orribile che un uomo, che uomo non è. Un mostro crudele che si è sentito autorizzato a demolire la parte più intima e delicata di una donna, che porta il nome di stupro.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Andreina Corso
Cittadina 'storica' di Venezia, si occupa della città e della sua cronaca. Cura gli approfondimenti, è giornalista, insegnante, autrice letteraria, poetessa.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Carabinieri chiudono noto bar-ristorante di Venezia

I Carabinieri del Nucleo Natanti di Venezia, al termine di accertamenti eseguiti con l’ausilio della Compagnia Carabinieri di Venezia, di tecnici dell’Ufficio Salvaguardia del Provveditorato Provinciale alle Opere Pubbliche per il Veneto e della Polizia Locale, hanno posto sotto sequestro...

Mestrino condannato per violenze sessuali alla bimba di 6 anni

Venezia. Un abominevole abuso ai danni di una bambina di sei anni. Le parole, la sentenza e le pene adeguate all’orrore di questo abominevole abuso, le assegnerà la Giustizia a colui che si stenta a chiamare uomo, colui che ha commesso reati...

La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più

"Era finalmente nata la Scuola Elementare “Imelda Lambertini”, che nei decenni a venire diverrà vero e proprio fulcro dell’intera zona, confermando l’area di San Canciano come una tra le più vive e fornite dell’intero Centro Storico. I suoi bambini dal grembiule colorato allietavano il circondario, generando ricchezza non solo sociale, ma anche economica per ogni attività della zona".

“Venezia è tutta centro storico, ma vedo gente non residente a passeggio”. Lettere

Emergenza Covid: Ordinanza regionale 151: si può passeggiare solo "al di fuori delle strade, piazze del centro storico della città, delle località turistiche, e delle altre aree solitamente affollate". Venezia tutta centro storico, fatta di strade non certo rurali, è località turistica,...

Arrivo a Venezia e subito multato in vaporetto per non aver obliterato, ma non è giusto

"Appena il tempo di sedersi e 2 addetti mi chiedono i biglietti che mostro prontamente. Mi dicono laconicamente che non sono stati validati e siamo in contravvenzione".

Weekend di sofferenze a Venezia. Alla Celestia visitatori della Biennale opprimono i residenti

L'ultimo weekend a Venezia ha portato un flusso eccezionale di persone. I numeri ufficiali si sapranno più avanti ma per chi abita in città non ce n'è bisogno: la prima settimana estiva ha visto la città assalita da turisti, vacanzieri e...

Malore fatale in bicicletta a Lido e due giovani picchiano vigile perché non possono passare

Mentre avveniva la tragedia, negli stessi istanti in cui perdeva la vita il 65enne lidense, una coppia picchiava selvaggiamente un agente della Polizia locale del Lido, solo perché non permetteva loro di passare essendo la strada bloccata.

Arrivo a Venezia e subito multato in vaporetto per non aver obliterato, ma non è giusto

"Appena il tempo di sedersi e 2 addetti mi chiedono i biglietti che mostro prontamente. Mi dicono laconicamente che non sono stati validati e siamo in contravvenzione".

Automobilista litiga con ciclisti, fa inversione e li mette sotto come birilli

Litigio tra un gruppo di ciclisti ed un automobilista che li stava superando. L'automobilista fa inversione di marcia con l'automobile, punta dritto gli uomini in bici e li colpisce come birilli. Ne mette sotto due prima di fuggire. Uno degli uomini è...

Weekend di sofferenze a Venezia. Alla Celestia visitatori della Biennale opprimono i residenti

L'ultimo weekend a Venezia ha portato un flusso eccezionale di persone. I numeri ufficiali si sapranno più avanti ma per chi abita in città non ce n'è bisogno: la prima settimana estiva ha visto la città assalita da turisti, vacanzieri e...

Un Campagnolo a Venezia: la venezianità vista da un Millennial boy. Lettere

UN CAMPAGNOLO A VENEZIA: la venezianità vista da un Millennial boy Fin dai primi giorni di scuola superiore nel centro storico veneziano, il biglietto da visita da parte dei miei nuovi compagni e compagne di classe è stato questo: -“Da dove ti vien,...

Situazione Actv/Avm Venezia: Brugnaro convoca i sindacati

Nonostante a Venezia i flussi turistici siano ripresi, nei primi dieci mesi del 2021 situazione ricavi peggiore di quanto si prevedeva