martedì 18 Gennaio 2022
4.4 C
Venezia

Otto passi nel futuro, comprendere quello che verrà con i più piccoli

HomeLibri, recensioni e nuove usciteOtto passi nel futuro, comprendere quello che verrà con i più piccoli

otto passi nel futuro

La curiosità dei bambini. Una delle cose più belle e preziose di tutti i tempi. Se poi ad aiutare ad alimentarla ci sono libri come “Otto passi nel futuro” di Umberto Guidoni e Andrea Valente, edito da Editoriale Scienza, il gioco è fatto.

L’opera vede, ancora una volta, Martino e Zioguido alle prese, questa volta, con la scienza e il mondo del futuro, ponendosi domande e fornendo risposte che non solo possono interessare il più piccolo, ma che intratterranno anche gli adulti. La bellezza di questo libro, infatti, è l’invito sottointeso di leggerlo insieme, di mettersi sul divano ed interpretare i due ruoli nel libro: i più piccoli pongono le domande e i grandi rispondono.

Cosa ci aspetta da qui ad un secolo, ma anche da qui a 10 anni? Come cambierà il mondo, quali saranno le cose che ora diamo per scontate, ma che diventeranno rare e ancora più importanti? Guidoni e Valente ci prendono per mano in un viaggio che conduce ad una consapevolezza maggiore sul nostro universo e lo fa divertendoci e in maniera semplice. Attraverso le immagini, infatti, i bambini vengono coinvolti non solo dai testi, ma anche da un apparato visivo colorato e ricco di significato.

Una lettera d’amore al futuro, alla nostra Terra e al nostro Universo, che gioca su uno dei sogni più comuni dei più piccoli (e anche dei più grandi): vedere le stelle da vicino e diventare astronauti. Un sogno che, attraverso queste pagine e con l’aiuto dell’immaginazione, qui può diventare realtà. Perché c’è un pianeta da salvare, imparando, fin da piccoli, ad amarlo a scoprire le cose che può riservarci a staccarci dai device e riemozionarci davanti ad un fiore, davanti ad un cielo stellato, all’acqua che scorre copiosa nelle nostre case donandoci la vita.

Riscoprire quindi, non solo scoprire, guardarsi attorno con consapevolezza e guidare i più piccoli in una Terra che può essere migliore, a guidarli in otto passi a scoprire cosa potrebbe accadere e quali effetti già si sentono sul nostro presente. Un futuro per cambiare il passato che, per ora, è ancora presente, il tutto con allegria e divertimento, in un libro da leggere insieme.

… il futuro, per definizione, non ha un limite e nemmeno un’ultima pagina o un ultimo capitolo

Potete trovare molti altri libri per ragazzi sul sito www.editorialescienza.it

Sara Prian

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Rottweiler libero in spiaggia azzanna una donna, paura a Jesolo

Il rottweiler ha attaccato e affondato i denti al polso della malcapitata che cercava proprio in questo modo di "parare il colpo".

“Vi invidio colleghi sospesi, passerete Natale a casa”: la lettera di una dottoressa in prima linea. Di Andreina Corso

Lettera di una dottoressa che combatte il Covid in prima linea ai colleghi sospesi: "Passerete Natale con i cari e poi tornerete al lavoro"

Chiede di indossare la mascherina: turista picchia marinaio Actv

Il marinaio Actv chiede di indossare la mascherina: preso a pugni. Arriva il capitano: picchiato anche lui. Cattivo segno dei tempi di un turismo asfissiante e stressante a Venezia che sono tali anche per loro, per i turisti. La città, la pandemia,...

Il Natale che non c’è. Invito ai lettori: scriviamo chi sono i dimenticati

Scusino le lettrici e i lettori se scrivo in prima persona questo monologo diario che mi spunta in testa come un abete senza addobbi e confinato in un bosco che la mente ha voluto conservare. Non mi piacciono le luci, i...

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi in mezzo a barche e vaporetti, arrivano i vigili: diventa violento

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi: un comportamento sconsiderato e incosciente che poteva finire in tragedia. Il fatto oggi, martedì mattina. L'uomo si getta nelle acque del Canal Grande dal Ponte degli Scalzi rischiando di schiantarsi sopra un mezzo di trasporto pubblico dell’Actv...

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia. 82 anni, dopo avere preso la pillolina blu ha tentato di avere un rapporto sessuale con la moglie. Ma la donna, sua coetanea, ha avuto paura "dell'impeto" ed ha chiamato la polizia.  E' inutile descrivere...

Giardinetti Reali di Venezia: eliminate due balaustre per dar spazio ai trasporti turistici. Lettere

"Recinzione Napoleonica ripristinata a San Marco dopo 14 anni di battaglie e un esposto del Prof. Mozzatto, ma subito rimossi ben due tratti della storica balaustra per fare dei pontili turistici: continua lo scempio a Venezia per dal posto alle attività...

Niente vaporetti senza GP: “La situazione qui a Burano è tragica”. Lettere

Con riferimento all'articolo "Venezia: ecco le barche private per evitare il controllo della certificazione verde sui mezzi Actv", riceviamo e pubblichiamo. La situazione nell’isola di Burano è tragica!! Una parte degli isolani è letteralmente sequestrata in isola. Non è possibile fare un tampone...

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

La Venezia perduta. Addio a Testolini, la cartoleria dei veneziani. Storia e ricordi

Testolini chiude, dal 1911 la cartoleria dei Veneziani. Storia e ricordi di un altro pezzo di Venezia che scompare. Intervista a Stefano Bettio, assieme al fratello Alessandro, ultimi gestori.

Malore improvviso: muore a 52 anni mentre parla col collega

Malore improvviso mentre parla con un collega. Una circostanza apparentemente inoffensiva e priva di pericoli che però, in questo caso, non ha egualmente lasciato scampo alla vittima. Luca Cogno aveva 52 anni e venerdì mattina si è sentito male mentre stava conversando...

Situazione Actv/Avm Venezia: Brugnaro convoca i sindacati

Nonostante a Venezia i flussi turistici siano ripresi, nei primi dieci mesi del 2021 situazione ricavi peggiore di quanto si prevedeva