Gianluca Stival
Gianluca Stival
Gianluca Stival
5.7C
Venezia
martedì 02 Marzo 2021
HomeOspedaliMalati per terra, indagine con vizio di forma: archiviata

Malati per terra, indagine con vizio di forma: archiviata

Il direttore sanitario dell’ospedale Santa Maria della Pietà, il responsabile del pronto soccorso e quello della Medicina d’urgenza dell'ospedale di Nola non verranno sospesi, la denuncia non era abbastanza circostanziata. I fatti accaduti circa un mese fa in quel pronto soccorso

Malati per terra, indagine con vizio di forma: archiviata

Difetto di forma: non abbastanza circostanziata. Che significa? Che l’indagine con la richiesta di sospensione di tre dirigenti medici dell’ospedale di Nola per il caso dei malati per terra al pronto soccorso finisce archiviata. Contiene, infatti, tecnicamente un “vizio di forma”.

La richiesta di sospensione dei tre dirigenti medici dell’ospedale di Nola era stata avanzata dai vertici della Asl Napoli 3 sud all’indomani della diffusione di un video girato all’interno del pronto soccorso in cui si vedevano due donne che venivano curate stando stese sul pavimento.

La commissione disciplinare della stessa Asl, che ha esaminato la richiesta di sospensione, l’ha ritenuta non sufficientemente circostanziata, decidendo così di non dare seguito al provvedimento proposto nei confronti del direttore sanitario dell’ospedale Santa Maria della Pietà, Andreo De Stefano, del responsabile del pronto soccorso Andrea Manzi, e di quello della Medicina d’urgenza, Felice Avella. In realtà i tre medici erano già rientrati in servizio la scorsa settimana, perché la sospensione era stata temporaneamente revocata dalla stessa Asl in attesa di ulteriori accertamenti.

Finisce quindi con l’archiviazione la richiesta di sospensione di tre responsabili dell’ospedale di Nola, avanzata dai vertici dell’Asl Napoli 3 sud per i fatti accaduti nella notte tra il 7 e l’8 gennaio scorsi, quando per il sovraffollamento del pronto soccorso due ammalati furono assistiti sul pavimento. Ma ulteriori accertamenti disposti dall’azienda sanitaria potrebbero riaprire il caso.

Secondo la commissione disciplinare dell’Asl Napoli 3 sud, che ha esaminato il fascicolo, la richiesta di sospensione doveva essere ”più circostanziata” nei confronti dei tre camici bianchi raggiunti dal provvedimento dopo la diffusione delle immagini di due utenti del pronto soccorso adagiati sul pavimento a causa della mancanza improvvisa di barelle. La sospensione era stata momentaneamente revocata dall’azienda sanitaria la scorsa settimana, in attesa di ulteriori accertamenti su quanto accaduto, e le indagini interne, che proseguono, potrebbero anche ribaltare l’archiviazione di oggi da parte della commissione disciplinare, così come ha spiegato la manager dell’Asl Napoli 3 sud, Antonietta Costantini. ”All’esito dei nuovi accertamenti disposti – ha detto – decideremo come procedere, e se affidarci nuovamente alla commissione stessa”.

L’archiviazione non è ancora stata notificata ai diretti interessati, che sono stati ascoltati
in Commissione trasparenza della Regione Campania.

A quasi un mese dai fatti i tre medici hanno raccontato quanto accaduto quella notte anche agli esponenti della Commissione regionale, sottolineando che le procedure per la gestione delle maxi emergenze dell’ospedale non erano state attivate in quanto i medici presenti ”avevano gestito egregiamente la situazione”.

I tre dirigenti hanno ricordato che un iper-afflusso di utenti aveva portato all’ingresso di 265 persone a fronte di una media giornaliera di 130 utenti circa, e due di loro, due donne, erano state stese a terra per poter ricevere l’assistenza necessaria.

Le immagini di quelle due donne erano state rese pubbliche, scatenando le ire del presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, che aveva subito chiesto di individuare ed anche licenziare i responsabili di quanto accaduto.

L’Asl aveva avviato le sospensioni dei camici bianchi, ma la scelta non era piaciuta al Ministro della Sanità, Beatrice Lorenzin, che aveva definito i medici del pronto soccorso ”eroi” per le condizioni nelle quali avevano lavorato.

Mario Nascimbeni

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, faceva colazione in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Assembramenti a Venezia, Polizia chiude bar

Veneto ancora zona gialla ma non deve venire meno l'attenzione per le norme anti-contagio. Nella giornata di ieri, invece, la Sezione Polizia Amministrativa del Commissariato...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Covid, a Mestre centro sabato tamponi rapidi gratuiti

Domani, sabato, a Mestre, in piazzale Donatori di Sangue, sarà possibile sottoporsi al test del 'tampone rapido'. L'esame sarà eseguito con tampone di terza generazione. In...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.