Omicidio Alberico Cannizzaro numero di coltellate e orario della morte per saperne di più

ultimo aggiornamento: 11/07/2015 ore 08:19

133

omicidio alberico cannizzaro coltellate orario morte fondamentali

Omicidio Alberico Canizzaro, continuano i sopralluoghi all’interno dell’abitazione di via Radaelli a Marghera.
Si tratta della villetta dove giovedì mattina è stato trovato morto ammazzato il 79enne Alberico Cannizzarro, ex sarto in pensione.
La villetta è tuttora sotto sequestro e, su disposizione del pm, Laura Cameli, gli agenti in borghese, insieme ai colleghi della squadra mobile e della scientifica, hanno passato al setaccio ogni angolo della casa.

Sin da quando il corpo dell’anziano è stato trovato da uno dei due figli sacerdoti arrivato sul posto per accertarsi che stesse bene, nell’abitazione sembrava che tutto fosse in ordine: apparentemente nessun segno di lotta, a quanto pare nessun segno di effrazione.


Omicidio Alberico Canizzaro che quindi potrebbe esser stato originato da qualcuno che aveva un rapporto di conoscenza con la vittima: gli inquirenti pensano che l’uomo abbia potuto aprire di sua spontanea volontà la porta e che probabilmente conoscesse l’assassino, il quale non avrebbe portato via nulla dall’abitazione e non si sarebbe nemmeno preoccupato di provare a simulare un furto finito male.

Per ora in casa è stata trovata solamente un’impronta di scarpa insanguinata, non appartenente alla vittima, ma per ulteriori indizi, si dovranno aspettare gli esiti della scientifica. Inoltre, la dottoressa Cristina Mazzarolo, su disposizione del pubblico ministero, con l’autopsia sul cadavere del 79enne dovrà stabilire il numero preciso dei fendenti inferti, l’orario giusto in cui è avvenuto il delitto, e se vi siano altre lesioni sul corpo.

Intanto sono stati sentiti dagli investigatori vicini, amici e parenti, ma pare che nessuno, nemmeno dal vicinato, abbia sentito nulla.
Nel frattempo tutta la comunità si è stretta attorno ai familiari, in special modo ai figli, don Stefano della parrocchia di via Stuparich e don Corrado, della parrocchia di Carpenedo in via Don Luigi Sturzo, che hanno ringraziato via Facebook tutti coloro che hanno dato loro sostegno.


TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here