Gianluca Stival
Gianluca Stival
Gianluca Stival
9.7C
Venezia
venerdì 05 Marzo 2021
HomeNotizie VenetoOmicidi in Veneto: 2 in due giorni, entrambi per motivi di denaro

Omicidi in Veneto: 2 in due giorni, entrambi per motivi di denaro

Omicidi in Veneto: 2 in due giorni, entrambi per motivi di denaro

Due omicidi per soldi in Veneto, nell’arco di neanche due giorni.
Due fatti di sangue quasi ‘fotocopia’ risolti in brevissimo tempo dai carabinieri, i quali hanno capito subito che il movente era sempre quello: soldi da restituire alle vittime, che i due presunti assassini non avevano o non volevano più pagare.

Era accaduto la notte di lunedì 1 febbraio, a Piombino Dese (Padova), dove Ezio Sancovich, 62 anni, agente di commercio del marchio ‘Moncler’, era stato freddato con tre colpi di Luger calibro 9 alla testa da Renato Rossi, un 67enne di Martellago (Venezia) attivo nel settore dell’abbigliamento.
Si è ripetuta la stessa dinamica ieri notte a Lendinara (Padova), dove Massimo Negrini, 51 anni, di Giacciano con Baruchella (Rovigo), è stato ammazzato da un amico a cui aveva chiesto inutilmente la restituzione di 40 mila euro.

In entrambi i casi i carabinieri non ci hanno messo molto a risolvere i casi. Per l’omicidio Negrini, il fermo dell’indagato (di cui non si conosce ancora il nome) è scattato qualche ora dopo il ritrovamento del corpo, completamente nudo, ieri sera intorno alle 23 in un canale di scolo di Lendinara.
Negrini era stato ucciso con un solo colpo d’arma da fuoco al volto. I vestiti dell’imprenditore erano sparsi poco distante. Sentiti i genitori dell’uomo, che in mattinata avevano denunciato la scomparsa, e la sua nuova compagna, i militari hanno ricostruito le ultime ore della vita di Negrini, puntando su un suo amico.
Portato in caserma, il sospettato è stato sottoposto ad un pressante interrogatorio: ha prima negato ripetutamente, poi di fronte alle contestazioni su alcune contraddizioni, ha prima fatto delle parziali ammissioni, infine ha ceduto, ammettendo il suo coinvolgimento nella vicenda.

Alla base del gesto vi sarebbe un debito di 40 mila euro che l’uomo doveva a Negrini e che questi rivoleva in fretta. Negrini era il titolare di una ditta di Calto, la ‘Max Arreda’; il denaro potrebbe averlo dato come un semplice prestito, ma non si esclude che i 40mila euro possano essere serviti per un investimento andato poi male.
L’indagato è un 40enne che vive in un paese vicino; i militari gli hanno sequestrato un’arma da sparo.

A Piombino Dese, una cinquantina di km in linea d’aria da Lendinara, il giorno prima c’era stato l’omicidio-fotocopia di Ezio Sancovich. Rossi lo avrebbe freddato con tre colpi alla testa, esplosi da distanza ravvicinata, mentre il suo creditore si trovava in auto.
Rossi, con la passione per le armi, aveva confessato dopo un interrogatorio durato un intero pomeriggio, in cui è caduto più volte in contraddizione.
Anche in questo caso tutto era nato da una questione di ‘schei’. Una cifra di 16mila euro prestati dal rappresentante della ‘Moncler’ all’amico, che però non intendeva più saldare il proprio debito, e ha impugnato una pistola per chiudere a suo modo il conto.

03/02/2016

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, faceva colazione in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Assembramenti a Venezia, Polizia chiude bar

Veneto ancora zona gialla ma non deve venire meno l'attenzione per le norme anti-contagio. Nella giornata di ieri, invece, la Sezione Polizia Amministrativa del Commissariato...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Covid, a Mestre centro sabato tamponi rapidi gratuiti

Domani, sabato, a Mestre, in piazzale Donatori di Sangue, sarà possibile sottoporsi al test del 'tampone rapido'. L'esame sarà eseguito con tampone di terza generazione. In...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...