Olio oliva contraffatto, Crai non ha ritirato prodotti

ultimo aggiornamento: 13/11/2015 ore 18:04

105

CRAI Secom S.p.A., in rappresentanza di tutti i negozi del Gruppo CRAI, intende precisare che contrariamente a quanto pubblicato da alcuni media negli ultimi giorni e da quanto dichiarato da FIDA ConfCommercio (comunicato stampa dell’11 novembre 2015) in merito all’indagine sugli olii extra vergine e olii di oliva, il Gruppo CRAI non sta ritirando dalla vendita i marchi di olio coinvolti nell’indagine.

Il Gruppo CRAI, attento alla tutela del consumatore e alla trasparenza delle proprie informazioni, dichiara che il ritiro dei prodotti sarà previsto solo qualora l’indagine in corso dimostrasse l’effettiva NON conformità dei prodotti.

CRAI Secom – Realtà di spicco nel settore della Distribuzione moderna, CRAI è uno dei pochi marchi storici italiani tuttora attivi a livello nazionale. Presente con i suoi supermercati, superette e negozi alimentari in tutta Italia, dalla Valle d’Aosta alla Sicilia, dalla Calabria al Veneto, l’insegna CRAI si distingue per la capillarità della sua penetrazione sul territorio (oltre 1.000 Comuni in totale) ponendosi come leader qualitativo del mercato di vicinato, in un’ottica di relazione quotidiana e di familiarità con la propria clientela. Un ulteriore punto di forza del Gruppo CRAI – che conta su una rete di 3.000 punti vendita – è la sua innovativa formula distributiva multicanale, che copre due grandi filoni distinti: oltre al canale alimentare (75%), il 25% dei punti vendita sono specializzati nella distribuzione di prodotti drug/toiletries (igiene per la casa e la persona), facendo del Gruppo CRAI il secondo operatore del settore in Italia.


TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here