4.9 C
Venezia
giovedì 09 Dicembre 2021

“Giorno della Memoria”. Lo ricordiamo con le parole dell’ultimo libro di Andreina Corso

HomeCi occupiamo di..."Giorno della Memoria". Lo ricordiamo con le parole dell'ultimo libro di Andreina Corso
la notizia dopo la pubblicità

Oggi “Il Giorno della Memoria”. Riteniamo appropriato ricordarlo pubblicando in anteprima alcune pagine dell’ultimo libro di Andreina Corso, giornalista e scrittrice oltre che nostra amica di redazione.

Una celebrazione sobria come l’occasione richiede, che puo’ trarre spunti di riflessione dalle parole di Andreina, delicate e gentili come sempre, ma che sanno arrivare in profondità. Il nostro messaggio discreto, per non dimenticare.

nazisti seconda guerra mondiale LARGE

Da “Il mio nome è vecchia” nella Giornata del Ricordo

Nina è impegnata a cercare maglioni caldi nel suo armadio, sceglie quello nero con le mimose e io tremo, sudo, non so che fare. Nina mi osserva e mi spiega che quella famiglia di ebrei che visitava quando era bambina, su ordine del nonno, aveva paura, quando lei bussava alla loro porta. “Sai, io entravo e loro indietreggiavano, ricordo che le scarpe rimanevano sotto il tavolo, come non volessero far vedere i piedi. Sì, i piedi, le scarpe sono importanti quando devi fuggire, era come se da un momento all’altro sapessero di dover correre, si mettevano in posa, quasi a provare continuamente il momento della fuga. Solo la madre restava ferma dov’era. E indossava ciabatte di panno nero. Si capiva che ormai il suo compito le era chiaro. Nel caso fossero arrivati i tedeschi, lei per prima si sarebbe offerta, permettendo al resto della famiglia di scappare dalle finestre sul retro. A volte i nazisti mostravano una specie di lettera e dicevano che era un ordine, le ordinanze, appunto. Le chiamavano regole gli abusi e la crudeltà, quei vigliacchi. Nina adesso è pervasa dal ricordo, è rossa in viso mentre riaffiora in una reminiscenza ferrea e senza esitazione.

“Quelli” camminavano con passo deciso, feroce – io indossavano scarpe di tela blu, con i lacci bianchi. Solo Ester calzava un paio di mocassini in pelle con il tacco. Voleva mantenerla quell’ambizione, quella cosa che si chiama paio di scarpe e che nell’indossarle le regalavano l’idea che potessero essere calzate in modo diverso, in altri momenti, fuori dall’incubo del passo penetrante di quelli là. Ester era una ragazza fiera e i suoi occhi neri brillavano come pece bagnata dalla nebbia e illuminata dalla luna. Inoltre amava ed era riamata. Si chiamava Isacco il suo ragazzo. Era biondo, alto e magro come un giunco. A volte ballavano, avvicinando i loro corpi, scambiandosi l’anima e la gioia, a volta ballavano, stringendosi forte l’un l’altra, perché la paura, la minaccia, la violenza filtravano fra le pieghe dei loro corpi ed erano sempre lì, a pulsare sulle tempie, anche quando la musica tentava di coprirle, di respingerle, di imporsi.

Qualche volta li ho visti avvolti in una musica che non ti saprei descrivere, un suono d’armonica, quasi un pianto, un filo tremulo di note incerte e timide nel mostrarsi, sembravano due gattini che si cercano quando la mamma non c’è, i volti affondati fra il collo e la spalla, luoghi sicuri e segreti capaci di raccontare con il loro calore storie di fughe e libertà. Ad occhi chiusi era possibile, la musica era un treno, un treno vuoto, abitato solo dai due ragazzi, rotaie come nuvole che conducevano in fondo, verso l’orizzonte ferito ma non piegato dal male, libero e trasparente nel suo fiero silenzio. Zitti e aggrappati al filo della paura ascoltavano il suono dei loro respiri, non era più tempo di chiedersi il perché di quella persecuzione atroce che li costringeva a vivere come topi nella tana”. Improvvisamente Nina si fa catturare dal ricordo di quella atmosfera, una penombra punteggiata da zampilli di luce che le imposte non riuscivano a trattenere, fori contaminati da pulviscoli nebbiosi di polveri rassegnate.

Eppure in quella stretta, la voce di Ester rassicurava il tempo e per meglio spiegarsi con il suo ragazzo gli parlava di sé di lui, dicendo che la loro esistenza sarebbe stata sempre la cosa più vera. “Ci guardano come i protagonisti di una commedia, non si sono accorti che siamo semplici comparse. Non potranno mai farci sparire, anche se ci arrestano a migliaia, noi rimaniamo, vedi, lo vedi anche tu che ci siamo. Assomigliamo alla parola, pensa a come resiste al tempo una frase pronunciata o anche solo pensata. Lo leggiamo con forza, lo mangiamo con gli occhi un pensiero che sa resistere al tempo. Pensa agli antichi a Ulisse, alle sue traversie, al suo cane, Argo che sa morire per l’emozione di aver ritrovato il suo padrone. Un cane muore per amore. Un uomo ti uccide per odio e non sa neanche perché lo fa… “.

andreina corso

[27/01/2015]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

4 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Ester e Isacco, è come se li avessi visti veramente, mentre ballavano e cercavano di superare la paura.
    Sinceramente non so se riesco a capire la paura di quel tempo disgraziato, ma sento che forse dovrei cercare di conoscere, di saperne di più, per poter dire ai miei figli che tutto questo non deve succedere, che devono lottare per le cose giuste della vita.

  2. 27 Gennaio…per non dimenticare

    “C’è un paio di scarpette rosse
    numero ventiquattro
    quasi nuove:
    sulla suola interna si vede ancora la marca di fabbrica
    Schulze Monaco
    c’è un paio di scarpette rosse
    in cima a un mucchio di scarpette infantili
    a Buchenwald
    più in là c’è un mucchio di riccioli biondi
    di ciocche nere e castane
    a Buchenwald
    servivano a far coperte per i soldati
    non si sprecava nulla
    e i bimbi li spogliavano e li radevano
    prima di spingerli nelle camere a gas
    c’è un paio di scarpette rosse
    di scarpette rosse per la domenica
    a Buchenwald
    erano di un bimbo di tre anni
    forse di tre anni e mezzo
    chi sa di che colore erano gli occhi
    bruciati nei forni
    ma il suo pianto lo possiamo immaginare
    si sa come piangono i bambini
    anche i suoi piedini
    li possiamo immaginare
    scarpa numero ventiquattro
    per l’eternità
    perché i piedini dei bambini morti non crescono
    c’è un paio di scarpette rosse
    a Buchenwald
    quasi nuove
    perché i piedini dei bambini morti
    non consumano le suole.
    (Joyce Lussu)

  3. Cara Andreina ho commentato un paio di volte ma non so’ se la mia risposta è in fase di pubblicazione o non è andato in porto il mio commento. Nel dubbio volevo farti sapere che il tuo articolo oltre che piacermi tantissimo non è passato di certo inosservato e che ti penso,”osservo” e apprezzo sempre e tanto :) :)

    Spero comunque che il mio commento verra’ pubblicato altrimenti riprovo a pubblicarlo.
    Bravissima come sempre :)

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Commessa veneziana perde 2.900 euro col ‘phishing’ e la banca non risponde: “Colpa sua”

Banca si rifiuta di riaccreditare le somme prelevate indebitamente a una commessa di Venezia, vittima del phishing: “colpa sua”.

Viale San Marco, a Mestre, perde la sua storica pasticceria Corona

La Pasticceria Corona, di Raffaella e Fabio, fino ad oggi a Mestre, in Viale San Marco, si trasferisce a Fossalta di Piave.

Come e’ morta Marilyn Monroe? giallo risolto dopo 51 anni in un libro

La Morte di Marilyn Monroe è uno dei più grandi misteri che costellano la storia americana. Ora, dopo 51 anni, la verità su Come e' morta Marilyn Monroe, venuta a mancare il 4 agosto del 1962, potrebbe essere svelata da un...

A Venezia turisti come prima della pandemia “Necessari trasporti adeguati”

"Venezia è ai livelli pre-pandemia di turisti: biglietterie, bus, pontili, vaporetti pieni, i lavoratori devono tornare a condizioni normali"

Amira Willighagen: il video della bambina di 9 anni che fa sbiancare i giudici di Holland got talent

Amira Willighagen è una bambina olandese assolutamente normale, se non fosse per il fatto che ha un dono eccezionale, e il video qui sotto lo sta a dimostrare. Per lei si sono scomodati i più famori critici internazionali, e c'è chi addirittura...

A Venezia tutti stipati dentro i vaporetti, e l’intesa ancora non c’è

Venezia, il desiderio di visitarla. Venezia, la sua tenuta, Venezia e la strategia dei trasporti che tenta di dar risposta alle esigenze di spostamento a quanti, veneziani e turisti cercano di raggiungere un vaporetto o un motoscafo, facendosi largo a gomitate...

Assessore alla Sicurezza spara durante una lite: morto marocchino

Massimo Adriatici, avvocato, assessore alla sicurezza del Comune di Voghera (Pavia), è l'uomo che ha sparato il colpo di pistola che ieri sera, poco dopo le 22, ha ucciso un uomo di 39 anni di nazionalità marocchina. Il fatto è accaduto...

Psoriasi, nuova cura: Secukinumab risulta efficace e può arrivare presto

Psoriasi, c'è una nuova cura: Secukinumab. Finalmente, dopo tante speranze e dopo tanti falsi miti, arriva una buona notizia su una patologia della pelle che riguarda 125 milioni di persone nel mondo. Psoriasi, c'è una nuova cura che promette molto bene e, soprattutto,...

Deve andare a lavorare, entra in pontile dall’uscita causa turisti: pontoniera la fa multare

Una brutta multa e un brutto gesto. Una multa salata ad inizio settimana, come buongiorno. E la rabbia per una multa di 67 euro per essere entrata dalla parte dell’uscita del pontile della linea 1 sul piazzale di Santa Lucia. E’ vero,...

Psoriasi, nuova cura: Secukinumab risulta efficace e può arrivare presto

Psoriasi, c'è una nuova cura: Secukinumab. Finalmente, dopo tante speranze e dopo tanti falsi miti, arriva una buona notizia su una patologia della pelle che riguarda 125 milioni di persone nel mondo. Psoriasi, c'è una nuova cura che promette molto bene e, soprattutto,...

Venezia. Match tra turiste ubriache per la pantegana. Vince l’animalista per ko tecnico alla 1a ripresa

Il video riporta una scena che si è svolta questa notte a Venezia, nello spiazzo dietro Rialto, di fronte al Fontego. Due ragazze, pare inglesi, sono al culmine di una bella serata, a quanto pare anche ben "allegre". Improvvisamente nasce una discordia....

Mestre, palpano il sedere alla moglie. Marito li redarguisce e viene picchiato anche se ha la figlia in braccio

Il padre di famiglia ha rinunciato a fare denuncia temendo che, a causa delle leggi attuali, i balordi sarebbero tornati presto in strada e avrebbero potuto decidere di andarlo a cercare per vendicarsi