Nuovo virus cinese, l’albergo: “Pensavamo avessero superato i test”. Oggi arriva un altro gruppo

ultimo aggiornamento: 31/01/2020 ore 14:00

948

nuovo virus cinese albergo roma 200130

Nuovo virus cinese, la notizia giovedì sera. Irrompe nel vertice in corso a Palazzo Chigi poco dopo le 22 la conferma: anche in Italia arrivano, dopo giorni di falsi allarmi, i primi due casi di coronavirus.

“Abbiamo due casi accertati di Coronavirus in Italia” – ha annunciato in una conferenza stampa convocata all’improvviso, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte – che ha anche reso noto la chiusura del traffico aereo da e per la Cina.


I due casi accertati sono due turisti cinesi che sono venuti nel nostro paese nei giorni scorsi e che si erano sentiti male ed erano stati portati allo Spallanzani (nella foto) .

“Lo Spallanzani è la Bibbia in questo settore – ha detto Conte – e non c’è nessun motivo di creare panico e allarme sociale. Domani mattina ho convocato un Cdm in cui adotteremo ulteriori misure in modo da mettere tutte le strutture competenti a disposizione, ivi compresa la protezione civile”.

Intanto sono partite le verifiche per ricostruire il percorso dei due turisti cinesi e “per isolare i loro passaggi, per evitare assolutamente – ha aggiunto Conte – qualsiasi rischio ulteriore rispetto a quello già accertato”.


Che ci potessero essere dei casi anche in Italia “è un fatto abbastanza normale – ha detto da canto suo il ministro della Salute Roberto Speranza – se pensiamo alla statistica, visto che in Europa ci sono già dieci casi. Era abbastanza probabile, lo dicevano già da tempo i nostri scienziati presenti al tavolo della task force. La situazione è seria ma non bisogna fare allarmismi, la situazione è totalmente sotto controllo”.

“Il sistema sanitario italiano è uno dei migliori del mondo – ha detto ancora il ministro – voglio ringraziare i medici e gli infermieri che anche in coordinamento con le Regioni ci consentono di assicurare la giusta sicurezza ai nostri cittadini. In queste ore faremo tutte le verifiche del caso per tracciare il percorso di queste due persone nel nostro Paese e ci sono tutte le condizioni per riconoscere che la situazione è sotto controllo”.

“Per superare il rischio di panico e allarme non c’è altro che fidarsi delle autorità competenti. Posso assicurarvi – ha voluto sottoneare ancora Conte – che in questo momento siamo in Italia nella linea di massimo rigore in funzione preventiva. Siamo nella condizione di poter tranquillizzare tutti i cittadini. La situazione è assolutamente sotto controllo. Ma non significa che ci stiamo appagando nelle prime misure. Sono fiducioso che la situazione rimarrà confinata”.

I due turisti cinesi ricoverati in isolamento, “sono in buone condizioni e questo ci fa pensare che non ci siano persone esposte” ha detto il direttore scientifico dello Spallanzani di Roma Giuseppe Ippolito sempre nel corso della conferenza stampa a Palazzo Chigi.

Ippolito ha assicurato che “al momento sembra non ci siano rischi” di focolai.

La coppia di turisti soccorsa ieri nell’albergo di via Cavour era in Italia da circa 10 giorni. Le stanze in cui hanno sostato marito e moglie sono state sigillate per consentire alla Asl di effettuare la decontaminazione ed e’ già stata attivata la sorveglianza sanitaria sulle persone venute in contatto con la coppia.

Questa mattina (venerdì) nell’albergo dove hanno soggiornato i due cinesi ricoverati vi è un’atmosfera surreale.

La hall quasi vuota, con gli operatori alla reception impegnati continuamente a rispondere al telefonate che arrivano al centralino per chiedere informazioni.

E’ un noto hotel del centro di Roma dove ha soggiornato la coppia di cinesi risultata positiva al Coronavirus.

L’albergo, tra l’altro, è in attesa nelle prossime ore di un altro gruppo di cinesi che facevano parte dello stesso tour operator.

Questi ultimi potrebbero già essere stati sottoposti in queste ore alla profilassi in attesa di esiti.

La coppia, invece, che ha già soggiornato per un paio di giorni anticipando gli altri turisti, probabilmente – racconta un dipendente dell’albergo – sarebbe stata sul posto con qualche altro connazionale. Gli stessi potrebbero aver fatto colazione nell’albergo, che è normalmente aperto.

Le uniche stanze chiuse e sigillate sono quelle interessate dal soggiorno della coppia di cinesi che si trova ora allo Spallanzani.

Nella struttura ci sarebbero circa 200 ospiti di varie nazionalità e a questi dovrebbe aggiungersi oggi il gruppo di altri 30 turisti cinesi.

“Pensavamo non fosse successo nulla, che quei clienti non fossero positivi al test, visto che non avevamo ricevuto notizie finora”.

“Al momento non abbiamo attivato alcun protocollo”, spiegano ancora alla reception, dove ogni tanto si vede arrivare qualche giovane turista statunitense che ha in programma domani di visitare il Colosseo e altre bellezze della Capitale.

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here