Nuovo Dpcm: bar e ristoranti fino alle 24 ma seduti. Licei a scuola dalle 9 e nel pomeriggio

ultimo aggiornamento: 19/10/2020 ore 05:18

1136

Banco BPM Caritas Venezia

Nuovo Dpcm, cosa cambia: bar e ristoranti fino alle 24 ma solo seduti. Licei a scuola dalle 9 ma tutte le classi continuano in presenza. Alle 18 al bar ma solo seduti e arriva una stretta sullo sport, però resta il nodo palestre.
I provvedimenti principali prevedono lo stop al consumo di alcolici in piedi fuori dalle locali dalle 18, tavoli al ristorante fino a mezzanotte e al massimo per sei, per le scuole superiori più didattica a distanza e ingressi non prima delle 9 con possibilità di turni pomeridiani.

Il nuovo dpcm è questo ed ha le nuove misure per contrastare il contagio da Covid. A cinque giorni dall’entrata in vigore del precedente dpcm, con l’obbligo generalizzato di mascherine e lo stop alle feste, arrivano così nuove restrizioni.
Nell’ultima bozza, inviata alle Regioni e al Cts per un parere, compare anche una novità che viene però osteggiata dai sindaci: la possibile istituzione di mini “zone rosse” nei quartieri


a più alto rischio di assembramento, con un sostanziale “coprifuoco” dalle 21.
Stop al calcetto e gli sport amatoriali di contatto, mentre restano possibili allenamenti solo individuali per chi svolga sport di contatto a livello dilettantistico.
E si discute fino alla fine anche sulla chiusura delle palestre: nella bozza la misura non compare, ma la parola finale spetta al premier Giuseppe Conte.

Ecco le principali novità dell’ultima bozza di dpcm.

MOVIDA E ZONE ROSSE
Le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) sono consentite dalle 5 sino alle 24 con consumo al tavolo, e con un massimo di sei persone per tavolo, e sino alle ore 18 in assenza di consumo al tavolo.
Resta sempre consentita la ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico-sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto, nonché, fino alle ore 24,00 la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze.
Arriva anche l’obbligo per gli esercenti di


esporre all’ingresso del locale un cartello che riporti il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente nel locale medesimo, sulla base dei protocolli e delle linee guida vigenti.

La bozza, che potrebbe però essere sul punto modificata, prevede anche che “i sindaci dispongono la chiusura al pubblico, dopo le ore 21, di vie o piazze nei centri urbani, dove si possono creare situazioni di assembramento, fatta salva la possibilità di accesso e deflusso agli esercizi commerciali legittimamente aperti e alle abitazioni private”.
Restano aperti senza limitazioni gli autogrill.

SCUOLA

Asili, scuole elementari e medie, assicurano l’attività didattica in presenza. Ma gli enti locali possono comunicare al ministero dell’Istruzione le “situazioni critiche e di particolare rischio riferito ai specifici contesti territoriali” e in relazione ad esse chiedere che le scuole superiori possano adottare “forme flessibili nell’organizzazione dell’attività didattica, incrementando il ricorso alla didattica digitale integrata”.

Sempre per le superiori, si può inoltre modulare “ulteriormente la gestione degli orari di ingresso e di uscita degli alunni, anche attraverso


l’eventuale utilizzo di turni pomeridiani e disponendo che l’ingresso non avvenga in ogni caso prima delle 9″.

PATENTE
Nelle zone a più alta incidenza epidemiologica possono essere sospesi gli esami di scuola guida.

CONGRESSI, SAGRE E FIERE

Sono vietate le sagre e le fiere di comunità. Restano consentite le manifestazioni fieristiche di carattere nazionale e internazionale ed i congressi, previa adozione di protocolli validati dal Comitato tecnico-scientifico, e secondo misure organizzative adeguate alle dimensioni ed alle caratteristiche dei luoghi e tali da garantire ai frequentatori la possibilità di rispettare la distanza interpersonale di almeno un metro.
Per il resto sono sospese tutte le attività convegnistiche o congressuali, ad eccezione di quelle che si svolgono con modalità a distanza.

SPORT
L’attività sportiva dilettantistica di base, le scuole e l’attività formativa di avviamento relative agli sport di contatto


sono consentite solo in forma individuale e non sono consentite gare e competizioni.
Sono anche sospese tutte le gare, le competizioni e le attività connesse agli sport di contatto aventi carattere ludico-amatoriale.

SALE GIOCHI
Le attività di sale giochi, sale scommesse e sale bingo sono consentite dalle ore 8 alle ore 21, nel rispetto dei protocolli anti contagio.

RIUNIONI A DISTANZA
Nell’ambito delle pubbliche amministrazioni le riunioni si svolgono in modalità a distanza, salvo la sussistenza di motivate ragioni di interesse pubblico.
E’ fortemente raccomandato svolgere anche le riunioni private in modalità a distanza.

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here