martedì 18 Gennaio 2022
7.5 C
Venezia

Nuovi giochi e conferme: Facecards e Plagio

HomeGiochi-amo, giochi da tavolo e di ruoloNuovi giochi e conferme: Facecards e Plagio

Per chi – come me e molti penso dei lettori di questa pagina – l’inizio della passione per i giochi risale ai tardi anni ’90, alcuni nomi di case editrici e di autori restano ancorati nella memoria per le serata passate a giocare fidandosi solo del marchio in copertina. Per i veneziani – e non potrebbe essere diversamente – i nomi da ricordare inevitabilmente coincidono e si uniscono tutti in un solo nome: Studiogiochi, azienda che divenne punto di riferimento soprattutto grazie alla scelta variegata di titoli e alla presenza del maestro Alex Randolph, che da solo fece scuola a molti.

Fa piacere vedere come ancora oggi Studiogiochi mantenga questa fama di riferimento, e in occasione delle principali fiere del settore continui a proporre (e ri-proporre, che fa ancora più piacere…) prodotti gradevoli e dall’alta giocabilità.

Facecards, che esce a marchio Ravensburger in gran parte dell’Europa dopo una lunghissima facecards giocogestazione per “ottimizzare” al meglio le varie immagini presenti, è una variante a tema associativo dei classici giochi di “aguzza la vista”.
Il regolamento, snello e adatto veramente a tutti per semplicità e assoluta mancanza di testo ad accompagnare le figure, si spiega in pochi secondi: tra le strane immagini presenti sul tavolo, vincerà il giocatore più creativo, che riuscirà a formare delle coppie trovando analogie fra personaggi, animali e altre cose, e indovinando in contemporanea quali sono gli abbinamenti degli avversari. Il tutto non sarà mia banale o facile, perché sono ben 160 le carte presenti tra oggetti, animali, tipi umani e professioni…e se apparirà logico l’abbinamento tra Einstein che fa la boccaccia e una scimmia che a sua volta la fa, Leo Colovini (ritratto come professione “autore di giochi”, evviva la modestia…) potrà essere abbinato a Einstein per la genialità (evviva la modestia 2…) o se preferite forse alla scimmia per la pelosità (questa Leo me la perdona, spero…).
Gioco veloce e divertente, con una rigiocabilità molto alta e che si presta – copyright di immagini permettendo – a una serie di espansioni anche tematiche praticamente infinita.

plagio gioco giochiunitiNuova edizione, invece, altrettanto piacevole e attesa per Plagio, uno dei prodotti più amati della vecchia Studiogiochi/Venice Connection, che torna in una versione “deluxe” dalle dimensioni aumentate e con un completo restyling della confezione e del contenuto. In Plagio i giocatori devono completare segretamente su un foglio le frasi riportate sulle carte e tratte da opere letterarie, cercando dunque di “plagiare” l’autore e rendere credibile la propria versione.
Ad ogni turno il conduttore pesca una carta, la legge segretamente, sceglie una delle tre citazioni e legge lentamente l’autore, il titolo, la prima parte della frase e avvia la clessidra. Gli altri giocatori, nel tempo della clessidra, dovranno completare la frase, spacciandosi per l’autore stesso. Il conduttore raccoglierà tutti i foglietti e leggerà tutte le frasi compresa la frase autentica. Terminata la lettura, i giocatori votano quale, secondo loro, è la frase autentica e il conduttore segnerà sul segnapunti i risultati della votazione. Guadagna un punto chi indovina e anche l’autore di una frase votata da un altro. Non servono grandi conoscenze letterarie, non è indispensabile sapere di chi si tratta o conoscere il libro, quanto avere una grande fantasia e – aggiungo io da esperienze precedenti – una buona calligrafia, perché chi legge deve dare la stessa enfasi a tutte le frasi (o almeno provarci, le risate scapperanno sempre…) e incantarsi su una parola non capita porta a chiari dubbi.
In questo caso, se la rigiocabilità è garantita dall’alto numero delle citazioni, ovviamente il gioco viene meglio con un gruppo di amanti della lettura, che potranno sbizzarrirsi anche a inventare citazioni improbabili ma divertenti, anche legate alle stesse persone che partecipano al gioco (così, tanto per ridere).

Facecards, editore Ravensburger. Gioco di carte per 3-7 giocatori dai 10 ai 99 anni. Durata 15 minuti, difficoltà bassa, del tutto indipendente dalla lingua. Prezzo euro 14,90

Plagio di Antonio Lupica, Giochi Uniti editore. Party game letterario per 4+ giocatori dai 12 anni in su. Durata 20 minuti, difficolktà media, dipendenza dalla lingua italiana totale. Prezzo 26,90

GIOCHI-AMO, GIOCHI DA TAVOLO E DI RUOLO

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Massimo Tonizzo
Giornalista, esperto di giochi, organizzatore di fiere e eventi. E' presente in tutte le più importanti manifestazioni tematiche nazionali ed internazionali da cui invia reportage e recensioni.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani

Venezia ospita fra i 23 e i 25 milioni di visitatori all’anno. A questi vanno sommati i "gitanti giornalieri" (con treno e auto) e poi i circa 3 milioni l'anno di cosiddetti «falsi escursionisti» (chi pur visitando la città pernotta...

Walter Onichini è in carcere, Zaia: “Mattarella conceda la grazia”

Caso Onichini: Zaia chiede la grazia per il macellaio che è in carcere per aver sparato al ladro. "Mi rivolgo al capo dello Stato e chiedo che venga concessa la grazia a Walter Onichini", sono state le parole del presidente della Regione...

Cognato circuisce ragazzina di 12 anni con regali e ne approfitta sessualmente, Tribunale di Venezia: niente patteggiamento

Ha abusato sessualmente di una ragazzina di 12 anni. Il responsabile è il cognato che di anni ne aveva ben più di trenta. Ne ha abusato ripetutamente ammaliandola con regali e regalini per confonderla. Finché la scuola si è accorta che...

Il Natale che non c’è. Invito ai lettori: scriviamo chi sono i dimenticati

Scusino le lettrici e i lettori se scrivo in prima persona questo monologo diario che mi spunta in testa come un abete senza addobbi e confinato in un bosco che la mente ha voluto conservare. Non mi piacciono le luci, i...

Venezia salva la motonave “Concordia”, non sarà smantellata

A Venezia nuova vita per la motonave Concordia. Il Consiglio di Amministrazione di Actv S.p.A. ha deliberato di non procedere alla demolizione della motonave Concordia, ormai fuori servizio dalla fine del 2010 ed attualmente classificata come "galleggiante". La decisione è stata presa a...

Dove si buttano le batterie a Venezia? E un cellulare? Ecco luoghi e orari: è una “ecomobile”

Forse non tutti sanno che a Venezia esiste un' "Ecomobile" acquea itinerante, che raccoglie alcune tipologie di rifiuti urbani pericolosi. Utile, pertanto, ricordarne orari e luoghi, anche perché con l’ora solare, da martedì 9 novembre, sono cambiati gli orari. E’ stata inoltre istituita...

A Venezia tutti stipati dentro i vaporetti, e l’intesa ancora non c’è

Venezia, il desiderio di visitarla. Venezia, la sua tenuta, Venezia e la strategia dei trasporti che tenta di dar risposta alle esigenze di spostamento a quanti, veneziani e turisti cercano di raggiungere un vaporetto o un motoscafo, facendosi largo a gomitate...

Situazione Actv/Avm Venezia: Brugnaro convoca i sindacati

Nonostante a Venezia i flussi turistici siano ripresi, nei primi dieci mesi del 2021 situazione ricavi peggiore di quanto si prevedeva

Venditori abusivi e forze di polizia, il dibattito dei nostri lettori

Questo articolo qui sotto ha avuto la capacità di aprire un acceso dibattito tra alcuni nostri lettori in merito alla questione dei venditori ambulanti abusivi a Venezia. Tutte le posizioni sono rispettabili e dettate da valutazioni personali di logica e di coscienza...

“Venezia è patrimonio del mondo e non appartiene ai veneziani di adesso”. Lettere

In risposta alla lettera: "Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Venezia è patrimonio del mondo e non appartiene ai soli veneziani, specialmente quelli di adesso che non l’hanno davvero fondata. Tanto sbraitano contro il turismo /petrolio della città, ma in fondo cos’altro...

DEMOCRAZIA? Gnanca su le scoasse! E io pago per l’immondizia tenuta in casa

Sarà l’età con tutti i prò e tutti i contro, sarà che mi giro attorno e vedo andar tutto al rovescio, anche se la buona vista non mi manca ma, da un po’ di tempo sono cambiata, DEVO protestare, perché quello...

“Alle vetrerie di Murano 3 milioni, anche ai furbetti, quelli che evadono milioni di euro”. Lettere

In riferimento all'articolo: "Fornaci di Murano ‘salvate’ dalla Regione". Lettere al giornale. Io penso che: …ma come, le vetrerie di Murano vengono finanziate con tre milioni di euro, dopo che più di qualcuna, da quanto leggo su quotidiani locali,   è stata “pizzicata” ad...