giovedì 27 Gennaio 2022
0.2 C
Venezia

Covid non scende a Venezia. Il dolore per la perdita del dott. Gasparini

HomeCoronavirus VeneziaCovid non scende a Venezia. Il dolore per la perdita del dott. Gasparini

Il dottor Francesco Gasparini, simbolo di questa guerra contro il virus, nella quale i sanitari passano da essere ritenuti "eroi" a semplici "dipendenti-pagati", lavorando però sempre in silenzio in favore del prossimo, a volte, purtroppo, pagando con la vita stessa il prezzo di questa abnegazione.

Covid: la conferma che le cose non stanno andando come si vorrebbe arriva alle 17 di ieri, venerdì.
Sono 3.883 i nuovi positivi al test del coronavirus in Veneto nelle 24 ore precedenti.
Purtroppo la quota è la più alta di tutte le regioni italiane.
Veneto 3.883, Lombardia 2.938, Puglia 1.813, Piemonte 1.553, Campania 1.340, Lazio 1.230, Emilia Romagna 1.211: la classifica in cui il Veneto primeggia senza vanto.
Il Veneto si distingue anche anche per i decessi.
Sono 108 le vittime in più dal giorno prima.
I ricoverati in regione sono 2.801 nei reparti ordinari e 375 nelle terapie intensive.
Per quanto riguarda il nostro territorio, Venezia e provincia registrano invece

671 nuovi casi e anche questo è un “record” di cui non andare fieri.
Ieri, infatti, avevamo dato notizia di 596 nuovi casi in 24 ore nel veneziano. Il giorno precedente se ne erano contati 561.
Aumentano anche i ricoveri con 584 persone costrette in un letto e 57 ricoverate nelle terapie intensive. Queste in leggero calo (-1) , ma bisogna sempre tenere presente anche i decessi che, purtroppo, “liberano” un posto.
Il Covid a dicembre ha portato nel nostro territorio un record (negativo) dopo l’altro, e questo riguarda tutti gli indicatori.
Venezia e provincia registrano altri 14 morti nelle ultime 24 ore.
Quest’ultimo parametro è il più preoccupante, se possibile: dal primo dicembre a oggi sono stati registrati già 148 morti. Terribile l’accostamento con il mese di novembre (che già veniva definito un mese pessimo in tema di decessi) quando,

nello stesso numero di giorni, avevamo avuto 52 morti.
Infine, ha destato grande commozione e partecipazione la notizia del decesso del dott. Francesco Gasparini (nella foto dell’Ordine dei Medici in alto), diffusa ieri.
Anche ieri colleghi e dipendenti di altri servizi continuavano a chiedere affranti e increduli: “Ma è vero? Ma come è possibile?”. Persone che avevano lavorato con lui o che l’avevano conosciuto avendo modo di apprezzare le sue doti professionali e umane.
“Ma come è possibile?” è la domanda a cui nessuno sa rispondere.
Privo di altre patologie concomitanti che lo potessero porre in una categoria “a rischio”, medico esperto, specializzato e coscienzioso, come è possibile che si sia ammalato e come è possibile la sua dipartita?
Il medico anestesista, di 67 anni, era in pensione da poco più di due anni quando era arrivata la chiamata dalla nostra ulss perché “C’era bisogno…”. E lui aveva risposto

“obbedisco” con quel spirito di sacrificio che è tipico per chi sceglie questa professione non considerandola un lavoro, un mestiere, ma una forma mentis votata al prossimo.
Francesco Gasparini era tornato in corsia a combattere il virus, ad assistere i malati colpiti dal virus, con la sua specialità che è forse la più preziosa in questa battaglia: anestesista-rianimatore.
E, dopo poco, si è ammalato a sua volta a causa del maledetto virus, aggravandosi e morendo, lasciando nello sconforto la famiglia, i colleghi e chiunque l’abbiano conosciuto o conosciuto la sua storia.

(foto: francesco gasparini, medico anestesista ulss 3 veneziana / credits: ordine dei medici / articolo: Numeri del Covid non scendono a Venezia e provincia / cat.: coronavirus venezia, covid, decessi, veneto / 12/12/2020)

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

La manifestazione di Venezia contro il vaccino: siringhe come carri armati

La difesa ferrea delle proprie convinzioni, ha scatenato gli oltre mille manifestanti contrari al vaccino e alla certificazione verde e li ha trasformati in oratori e attori impegnati a interpretare un copione pieno di riferimenti storici e di accenti letterari e...

Venezia conserva l’ultimo “Mussin”, l’imbarcazione settecentesca che apriva la Regata Storica

Venezia: nascosta in uno squero, al sicuro, coperta da un telo che la protegge dalle intemperie e dal passare del tempo. Sola, con se stessa, memore degli splendori del suo passato e lontana dagli sguardi indiscreti di chi potrebbe restare deluso...

Marinaio ‘sprezzante’, alterco in motoscafo Actv

E' ormai un quarto alle 8 e alla fermata di San Pietro di Castello non si vede ancora all'orizzonte il motoscafo Actv con direzione Fondamente Nove, quello che porta i dipendenti dell'Ospedale Civile a lavorare (7,39 sul tabellone). "Passano altri cinque, dieci,...

Deve andare a lavorare, entra in pontile dall’uscita causa turisti: pontoniera la fa multare

Una brutta multa e un brutto gesto. Una multa salata ad inizio settimana, come buongiorno. E la rabbia per una multa di 67 euro per essere entrata dalla parte dell’uscita del pontile della linea 1 sul piazzale di Santa Lucia. E’ vero,...

La confessione di chi è “scappato” da Venezia: “Vetrerie, portieri, bugie…”. Lettere al giornale

In risposta alla lettera al giornale: "Il lusso dei grandi alberghi veneziani porta ricchezza? La confessione di Jacopo, portiere per 5 anni". Il sistema delle vetrerie è stato creato grazie alle sale, praticamente dei supermercati del vetro ( dove gira anche vetro...

Rottweiler libero in spiaggia azzanna una donna, paura a Jesolo

Il rottweiler ha attaccato e affondato i denti al polso della malcapitata che cercava proprio in questo modo di "parare il colpo".

Commessa veneziana perde 2.900 euro col ‘phishing’ e la banca non risponde: “Colpa sua”

Banca si rifiuta di riaccreditare le somme prelevate indebitamente a una commessa di Venezia, vittima del phishing: “colpa sua”.

Venezia in asfissia: mai così tanti turisti a fine ottobre

Venezia verso alle 11 ha chiuso i terminal di Piazzale Roma e Tronchetto ma fermarsi prima per usare i mezzi ha creato altra congestione

Deve andare a lavorare, entra in pontile dall’uscita causa turisti: pontoniera la fa multare

Una brutta multa e un brutto gesto. Una multa salata ad inizio settimana, come buongiorno. E la rabbia per una multa di 67 euro per essere entrata dalla parte dell’uscita del pontile della linea 1 sul piazzale di Santa Lucia. E’ vero,...

Venezia salva la motonave “Concordia”, non sarà smantellata

A Venezia nuova vita per la motonave Concordia. Il Consiglio di Amministrazione di Actv S.p.A. ha deliberato di non procedere alla demolizione della motonave Concordia, ormai fuori servizio dalla fine del 2010 ed attualmente classificata come "galleggiante". La decisione è stata presa a...

Redentore di quest’anno segna il punto della città che sta finendo

E, alla fine, il Redentore, la festa più amata di Venezia, si svolse senza incidenti. Questo dicono le cronache, ma non si è trattato del solito copione che si ripete. Con un plauso per gli agenti dell'Ordine pubblico (un po' meno per...

A Venezia turisti come prima della pandemia “Necessari trasporti adeguati”

"Venezia è ai livelli pre-pandemia di turisti: biglietterie, bus, pontili, vaporetti pieni, i lavoratori devono tornare a condizioni normali"