Nubifragio e tromba d’aria a Firenze. Ore 19, è inferno.

ultimo aggiornamento: 02/08/2015 ore 20:01

251

nubifragio tromba d'aria firenze

Nubifragio e tromba d’aria a Firenze poco prima delle 19, ed è l’inferno. Una bomba d’acqua violentissima si è abbattuta su Firenze: in pochi minuti il finimondo con decine di alberi sradicati dalla furia del vento, allagamenti in ogni quartiere, black-out che coinvolgono anche una ventina di treni fermi. Proprio i treni dovranno stare fermi per molte ore sui binari della Firenze-Roma e con loro le circa 3 mila persone a bordo.
Traffico ferroviario che si è complicato a causa di un pesante tetto scoperchiato dalla tromba d’aria che è andato ad abbattersi sulla linea ferroviaria, provocando gravissimi danni ad un massiccio traliccio che sostiene la linea elettrica.

Firenze è in ginocchio, decine i feriti e i contusi, tra i quali anche turisti, colpiti da tegole, rami, oggetti di ogni tipo che volavano in vortici pericolosi.
In pochi secondi è il finimondo, la gente corre per cercare riparo. Arriva la grandine: la gente parla di una furia che non si era mai vista. Proiettili ghiacciati in pochi minuti hanno riempito le strade, specie nella zona sud della città, hanno frantumato vetri e colpito alla testa alcuni passanti che cercavano disperatamente riparo. Due persone sono state trasportate in codice rosso all’ospedale di Ponte a Niccheri per trauma cranico.


Il nubifragio: si calcola che in meno di un’ora siano caduti oltre 40 millimetri d’acqua con raffiche di vento di oltre 70 chilometri orari.
Decine i tetti soperchiati dalle trombe d’aria e danni al patrimonio artistico della città.
Completamente sott’acqua le strade nella zona di Porta Romana dove alcuni automobilisti sono rimasti bloccati e sono stati salvati dalle squadre di soccorso.
Bloccato il viale Michelangelo e allagati i sobborghi di Ponte a Ema e Tavernuzze. Viabilità in tilt nel centro storico e chiuso a Firenze Sud il casello di uscita dell’A1 a Firenze per l’allagamento della strada. Viale Belfiore, una delle principali strade di scorrimento della città, si è trasformato in un fiume.

Allagamenti: nel quartiere di Gavinana la gente è salita su auto in sosta, muretti e anche cassonetti della nettezza, per sottrarsi alla forte corrente dell’acqua nelle strade allagate.
L’acqua è salita a oltre un metro di altezza. Invase cantine, negozi, fondi e seminterrati.
Oggi comincerà la conta dei danni.

Redazione


02/08/2015

Riproduzione vietata

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here